Immobili
Veicoli
Topi in città sulla ricca Bahnhofstrasse
Screenshot Video
+1
ZURIGO
12.02.20 - 10:240
Aggiornamento : 13.02.20 - 10:51

Topi in città sulla ricca Bahnhofstrasse

Sono stati visti (e ripresi in un video) in un ristorante e alla Coop. Ma le autorità locali rassicurano: «Non esiste un problema topi a Zurigo»

ZURIGO - Di topi in città ne avevamo parlato la scorsa settimana, quando avevamo riferito della presenza di sorci nelle cantine di un noto supermercato del centro di Lugano. Un problema che - stando a quanto avevano riferito i gerenti del negozio - era legato ai recenti lavori di ristrutturazione delle strade del centro cittadino che avrebbero portato alla luce parecchi roditori. 

Il video - Di topi si parla oggi anche a Zurigo, dopo che sono stati avvistati sia in un ristorante sia in un negozio. Un video pubblicato sul portale 20 Minuten mostra i sorci attraversare pavimenti e mensole. Uno spettacolo non proprio allettante per gli occhi degli utenti. Soprattutto se avviene nella filiale della Coop della stazione di Stadelhofen e in un ristorante nella rinomata Bahnhofstrasse, chiuso da febbraio. Quest’ultimo era assunto agli onori della cronaca nel 2018 per una vera e propria invasione di topi all’interno dei locali. 

Coop, dal canto suo, ha confermato la presenza dei roditori nella filiale di Stadelhofen. Il suo portavoce Markus Eugster, ha tenuto tuttavia a precisare che non esistono problemi d'igiene: «Abbiamo chiamato subito una ditta specializzata per la derattizzazione, i topi nel frattempo sono stati catturati e tutte le scappatoie sono state sigillate».

Nessuna segnalazione da parte degli abitanti - Avere topi in città è una cosa molto normale. «Non possiamo impedirlo, ma escludo che ci possa essere un problema roditori nella stazione di Stadelhofen». Per ora nessuno degli abitanti che alloggia nei paraggi della stazione ha fatto segnalazioni alle autorità. 

Problema topi nel salotto più chic della Svizzera? - La notizia di roditori sulla Bahnhofsrasse non è un buon biglietto da visita per la città di Zurigo, che tuttavia esclude che ci sia un reale problema. «È normale che nelle città esistano topi, Zurigo non fa eccezione» ha dichiarato Tabea Geiser, portavoce della protezione ambiente e salute a Zurigo. Le autorità cittadine non sanno valutare quanto possa essere reale il problema.  Non sanno ad esempio quanti edifici potrebbero essere interessati dal problema dato che non è richiesto un obbligo di notifica. Per le zone pubbliche se ne occupa la Città, ma per le proprietà private devono essere i singoli cittadini a intervenire. 

Stando a quanto ha spiegato Geiser, i roditori sono attratti dalla zone dove è depositato cibo. «Maggiore è la disponibilità di cibo, e più hanno la possibilità di riprodursi. Per questo motivo i generi alimentari giacenti devono essere smaltiti correttamente e, se possibile, nessuno deve dare cibo agli uccelli nei luoghi pubblici», spiega Geiser.

I topi sono portatori di malattie e non dovrebbero essere tollerati in nessun edificio e men che meno in posti dove sono presenti degli alimentari. «I proprietari dovrebbero adottare misure concrete per impedire l’accesso ai ratti. Per esempio chiamare una ditta specializzata nella disinfestazione», conclude Geiser.

Ed è proprio il proprietario di una di queste, Pascal Frei, che precisa che «Berna e Zurigo hanno un grosso problema con i topi». La loro lotta è particolarmente complicata negli edifici vecchi. «Dispongono di tantissimi spiragli e buchi. I topi si nascondono spesso in tubi difficilmente accessibili». Trovare il modo di stanarli, o di chiudere ogni scappatoia, è quindi difficile e molto costoso. «Sigillare tutte le scappatoie sarebbe praticamente impossibile».

Trappole sì, formaggio no - Spesso solo una completa ristrutturazione dell’edificio permette una derattizzazione efficace. Ma combattere i topi è possibile anche con l’ausilio di semplici trucchetti: «Per ridurre la popolazione per prima cose sono necessarie delle trappole», precisa Frei. «I topi vengono attratti con dei composti chimici. Non usiamo il formaggio». È certamente possibile anche l’uso del veleno. Tuttavia è possibile che gli animali, in questo modo, vadano a morire in luoghi inaccessibili e che la puzza di topo morto si diffonda in tutto lo stabile. Un altro trucco per estirpare i ratti è quello di chiuder loro ogni spiraglio. «Ma questo è un obiettivo praticamente impossibile da raggiungere». Ad ogni modo la presenza di topi e altri roditori indesiderati richiede una reazione immediata. «Vomitano e urinano spesso e ovunque. Il problema di igiene è evidente».

Screenshot Video
Guarda tutte le 5 immagini
Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Svizzera
SVIZZERA
2 ore
Malati che muoiono a causa del rinvio di interventi chirurgici
Il settore sanitario è sotto pressione. Si temono gravi conseguenze sulle condizioni dei pazienti
SVIZZERA
11 ore
Covid-pass aggiornato? Ora non ci si dovrà più mettere il dito
Niente più verifica manuale, ora l'app Covid Certificate esegue il refresh automaticamente.
SVIZZERA / MONDO
12 ore
«Vaccinare il mondo per fermare la pandemia»
Il messaggio del segretario generale dell'Onu Antonio Guterres al WEF di Davos.
SVIZZERA
14 ore
Sostegno al 2G, ma solo sino a fine febbraio
Le risposte dei cantoni alla consultazione federale sui provvedimenti anti-coronavirus
ZURIGO
16 ore
Quadruplicati gli attacchi di panico, gli esperti sono preoccupati
Depressione, ansia e paura: sono tutte conseguenze della pandemia, che colpiscono in particolare i giovani.
SVIZZERA
16 ore
Quarantene e test di massa? Da rivedere: «Omicron è come un incendio»
Anche gli scienziati hanno dei dubbi sul contact tracing. E sono ottimisti: il picco è vicino
GINEVRA
16 ore
Investita sulla pista da sci, muore a 5 anni
La piccola, residente a Ginevra, è stata travolta a Flaine, stazione sciistica situata in Alta Savoia.
GRIGIONI
17 ore
Gastronomia, quasi una irregolarità su quattro
In diversi casi è stato riscontrato un mancato rispetto delle disposizioni microbiologiche.
SVIZZERA
18 ore
Oltre 67mila contagi e 30 morti nel weekend svizzero
Ancora in aumento i pazienti ricoverati a causa del virus, che occupano ora l'8,1% dei posti letto complessivi.
ZURIGO
21 ore
Zurigo chiama alla cassa gli altri Cantoni per i pazienti Covid
Il 10-15% di quelli ricoverati nelle strutture zurighesi proviene da altre regioni del paese
Copyright ©2022 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile