deposit
GINEVRA
04.02.20 - 16:170
Aggiornamento : 21:31

Tutti i dipendenti scappano in Svizzera, il ristoratore deve chiudere

La situazione paradossale di un ristorante francese: i clienti arrivano da oltre confine, ma la manodopera manca

Fonte Ats
elaborata da Redazione

GINEVRA - Un ristorante francese non lontano dal confine elvetico si vede costretto a chiudere non per mancanza di clienti, ma di personale: impossibile reclutare nuovi dipendenti, perché quelli che possono varcano la frontiera per lavorare nella Confederazione.

«Siamo a dieci minuti di auto dalla Svizzera», spiega in dichiarazioni riportate dal quotidiano francese Le Parisien e riprese in Romandia dal portale Le Matin Jacques Barnachon, azionista di maggioranza di Jacques Alexandre, ritrovo che è stato chiuso venerdì per essere posto in liquidazione giudiziaria. Il locale si trova a Morteau, al confine con il canton Neuchâtel.

In Svizzera «un impiegato può moltiplicare il suo salario per tre: è normale superare la frontiera in queste condizioni», prosegue Barnachon. «Per me è impossibile fare concorrenza agli svizzeri, loro hanno molti meno oneri». «All'inizio lavoravano nel locale dodici persone, alla fine erano solo cinque e lo chef ha rassegnato le dimissioni. È dura da vivere, questo ristorante era come un figlio».

All’Est Républicain, altra testata che si è occupata della vicenda, Barnachon ha fatto un esempio preciso. «Pago un lavapiatti 1380 euro per 35 ore. Fa dieci minuti di strada e in Svizzera raddoppia il salario. Come rimanere competitivi?»

L'uomo ritiene di trovarsi in una situazione paradossale: essere situato vicino al confine offre un vantaggio, può attirare clienti elvetici e il potere d'acquisto dei frontalieri è superiore alla media nazionale francese. Ma è impossibile servire i clienti senza manodopera.

Chef stellato, Barnachon ha anche un secondo ristorante, a Bonnétage, non lontano da Morteau, che non ha lo stesso problema perché, grazie alla stella Michelin, rimane attraente per i giovani desiderosi di muoversi nella grande gastronomia. Secondo l'imprenditore in generale la soluzione alle difficoltà sarebbe creare una zona franca lungo la frontiera elvetica.

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Svizzera
ARGOVIA
1 ora
Strage di Rupperswil, poliziotto nei guai
Un agente condannato per avere trasmesso informazioni confidenziali ai famigliari delle vittime
SVIZZERA
1 ora
Covid, 105 contagi in Svizzera
Positivi al test in frenata domenica. Nessun decesso. I numeri dell'Ufficio federale della salute pubblica
BASILEA
2 ore
Parla l'anziana che ha ucciso Ilias: «Ero disperata»
In aula anche i genitori del bambino. La donna: «Mi pento ogni giorno di quello che ho fatto»
SVIZZERA
3 ore
Gli insegnanti chiedono garanzie
I docenti svizzero-tedeschi e romandi lanciano un appello alle autorità
SVIZZERA
3 ore
«Nessuna ondata di licenziamenti»
Il dirigente della Seco Boris Zürcher è ottimista. «Molte aziende hanno superato bene la crisi»
CANTONE / SVIZZERA
3 ore
Misure efficaci: non c'è stata "l'ondata" di fallimenti
Le cifre del KOF indicano un calo del 21% rispetto allo stesso periodo del 2019. In Ticino i casi si sono dimezzati
SVIZZERA / REGNO UNITO
4 ore
Le grandi aziende svizzere hanno perso 15 miliardi di capitalizzazione
Nel confronto internazionale, però, le aziende rossocrociate se la cavano abbastanza bene
SVIZZERA
4 ore
«Non isoliamo gli anziani a causa del coronavirus»
Un divieto di visita «non è accettabile», secondo il presidente della Società professionale svizzera di geriatria
SVIZZERA
4 ore
Il virus resta nei pensieri di Koch: «Ora temo l'inverno»
Per Daniel Koch le persone si faranno testare meno pensando a una semplice influenza stagionale.
BERNA
4 ore
Un flash mob alla settimana contro la mascherina
L'invito a una protesta sui tram di Berna sta girando sui social. La polizia sta in guardia
Copyright ©2020 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile