Keystone
I donatori sono quasi 80.000.
SVIZZERA
30.01.20 - 06:210
Aggiornamento : 07:19

Più donne disposte a donare: «Sono impegnate socialmente»

Nel registro svizzero la presenza femminile è maggiore. Il Ceo di Swisstransplant: «Tendenza europea. E sull'età: spesso gli anziani hanno paura»

di Redazione
Lena Stadler/ADN

BERNA - La donazione di organi è un tema caldo e negli ultimi mesi è finita spesso al centro del dibattito politico. Nel marzo del 2019, gli attivisti - per aumentare il numero dei donatori - hanno lanciato l'iniziativa popolare "Favorire la donazione di organi e salvare vite umane". Il Consiglio federale, da parte sua, ha deciso di proporre un controprogetto diretto. E sempre lo scorso anno quasi 80'000 persone hanno deciso d'iscriversi al registro svizzero. Spulciandolo, però, appare un dato molto curioso. Ovvero una maggior presenza di donne (58%) rispetto agli uomini. «È una tendenza europea», conferma Franz Immer, cardiochirurgo e Ceo di Swisstransplant a 20 Minuten. «Tuttavia non si può dedurre automaticamente che gli uomini siano meno disposti a donare. Tra i militi che frequentano la scuola reclute l'adesione è ad esempio molto alta».

Ma perché c'è questa disparità di genere e soprattutto per quale motivo le donne sembrano più disposte a donare? Una possibile spiegazione la fornisce il professore di etica biomedica all'Uni di Zurigo Nikola Biller-Andorno. «Le donne spesso sono più impegnate socialmente». L'esperto poi suggerisce che in gioco potrebbe entrare anche il loro lato materno. «Gli uomini probabilmente non attribuiscono troppa importanza a iscriversi a un registro. Le donne, da questo punto di vista, sono molto più determinate e lungimiranti».

Organi senza genere - Il genere del donatore di organi non gioca un ruolo centrale per il ricevente. In pratica un uomo può ricevere il fegato da una donna e viceversa. Unica eccezione è il cuore. «Su questo genere di trapianti siamo un po' riluttanti, perché il cuore femminile è solitamente meno potente di quello maschile. Tuttavia i criteri più importanti sono l'urgenza, le necessità mediche e i tempi d'attesa del paziente», precisa ancora Immer.

Se le donne sono più disposte a iscriversi al registro, la maggior parte degli organi trapiantati è però maschile: «Il 60% dei donatori sono uomini e la loro età si attesta sui 57 anni. Essi infatti muoiono più spesso in terapia intensiva a causa di un infarto o di un'emorragia cerebrale». Passando dall'altra parte della barricata, anche i riceventi sono in maggioranza di sesso maschile. 

Per quanto riguarda l'età, invece, spesso le persone anziane non sono disposte a donare i propri organi perché li ritengono "in cattivo stato". «Ma questa è una convinzione spesso sbagliata», precisa Biller-Adorno. «Il fegato ad esempio può rigenerarsi e vivere fino a 200 anni. Nel 2019 il donatore più anziano aveva 85 anni».

Commenti
 
ATTENZIONE: a causa dell’elevato numero di commenti sui blog e alla difficoltà della redazione di monitorarli, abbiamo attivato un filtro automatico.
La libertà di espressione deve essere garantita da un comportamento civile e rispettoso di ciascun utente.
Chiunque scriverà offese o frasi irrispettose verrà automaticamente bannato con la conseguente cancellazione dell’account.
Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Svizzera
SVITTO
7 ore
Auto nel pendio, un morto
Grave incidente ieri pomeriggio a Muotathal. Due feriti e un decesso
SVIZZERA
13 ore
Noto attivista Corona-scettico finisce in cure intense con il virus
Il 66enne François de Siebenthal si è opposto pubblicamente alle disposizioni sanitarie decise dal Governo federale.
FOTO
SVIZZERA
15 ore
«Tutte le persone presenti su quell'aereo devono testarsi»
L'UFSP ha scritto un SMS a tutti i passeggeri del volo atterrato questa mattina a Zurigo e proveniente da Johannesburg.
SVIZZERA
16 ore
Nuove Covid-restrizioni a Neuchâtel e San Gallo
Nel cantone romando scatta l'obbligo di mascherina in musei, cinema e chiese. Fortemente raccomandato il telelavoro.
SVIZZERA
17 ore
Licenziati cinque militari no-vax
Facevano parte del Comando forze speciali e senza vaccino non avrebbero potuto effettuare missioni all'estero.
FOTO
ARGOVIA
17 ore
Con il 2.6 per mille combina un disastro
Ieri sera a Mellingen, una 37enne si è messa alla guida della sua automobile completamente ubriaca. Pessima idea.
SVIZZERA
19 ore
La selezione dei pazienti? «È eticamente devastante»
Con le terapie intensive che si riempiono presto i medici dovranno di nuovo effettuare il tanto temuto "triage".
SVIZZERA
22 ore
L'industria degli eventi si prepara alle restrizioni
La regola delle 2G piace alle discoteche. A Zurigo un concerto punk-rock aggiunge il requisito del test antigenico
ZURIGO
1 gior
Quanto è pericolosa Omicron?
Potrebbe essere peggiore della già temibile delta. La parola agli esperti
SVIZZERA
1 gior
Omicron, chiudono i voli diretti con l'Africa australe
La decisione comunicata in serata, dopo l'emergenza della nuova variante, è valida a partire dalle ore 20 di oggi.
Copyright ©2021 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile