Keystone (archivio)
ZURIGO
29.01.20 - 14:200

Perquisizione corporale, la polizia non può esagerare

A dirlo è il Tribunale federale: «Una perquisizione corporale viola l'intimità e la dignità di una persona». Quindi non va fatta in modo sistematico

di Redazione
ats

LOSANNA - La polizia non ha il diritto di esigere in maniera sistematica che le persone si spoglino completamente per una perquisizione corporale prima di essere portate in una cella non sorvegliata. Lo ha deciso il Tribunale federale (TF) in una decisione di principio.

In base alla giurisprudenza della Corte europea dei diritti dell'uomo, attraverso una perquisizione corporale ed eventualmente un controllo degli orifizi corporei una persona viene pregiudicata nella sua intimità e dignità, ricorda il TF in una sentenza pubblicata oggi.

In linea di principio con una perquisizione corporale vengono violati i diritti fondamentali di una persona. Ciò non significa però che di per sé questo tipo di controlli non sia ammesso: per garantire la sicurezza della polizia e della stessa persona interessata in certe circostanze una perquisizione corporale è necessaria.

Le circostanze sono da considerare in ogni singolo caso e il controllo va adeguato di conseguenza. Nel caso concreto la polizia cantonale zurighese aveva arrestato all'aeroporto di Kloten un passeggero proveniente da Londra; l'uomo è accusato di aver danneggiato dei dati.

Durante la perquisizione corporea l'interessato è stato obbligato a spogliarsi e ad accovacciarsi; ha potuto tenere addosso a turno i vestiti della parte superiore del corpo e di quella inferiore. L'uomo ha inoltrato ricorso, senza successo, presso il Tribunale cantonale, sostenendo che il controllo era stato sproporzionato non essendoci alcun indizio di una possibile messa in pericolo di altrui o di se stesso.

I giudici di Mon Repos gli hanno ora dato ragione: l'arresto è giunto a sorpresa per l'uomo e non gli viene addebitato alcun reato violento. Inoltre prima del suo decollo aveva dovuto superare i controlli di sicurezza all'aeroporto londinese. In aggiunta l'interessato si era dimostrato cooperativo.

In un simile caso, secondo il TF sarebbe stato sufficiente se gli agenti avessero perquisito l'uomo attraverso i vestiti, eventualmente con l'aiuto di mezzi tecnici. Prima di portarlo in cella avrebbero inoltre potuto levargli la cintura e le stringhe delle scarpe.

Nella sua sentenza il Tribunale cantonale aveva sottolineato la praticabilità del regolamento di servizio, secondo cui va sempre effettuata una perquisizione corporale prima della sistemazione in una cella. Il TF ammette che per gli agenti è più facile se non devono riflettere sulla proporzionalità. I giudici losannesi giungono tuttavia alla conclusione che la praticabilità non deve pregiudicare un'effettiva protezione dei diritti fondamentali. I poliziotti sono obbligati a tutelare il principio della proporzionalità.

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Svizzera
SVIZZERA
40 min
«Il personale di terapia intensiva è già esausto»
Dopo gli applausi della scorsa primavera, il nulla. Turni da 12 ore al giorno, «ma ci sentiamo abbandonati».
SVIZZERA
11 ore
Il Palazzo delle Nazioni s'illumina per l'ONU
Anche il Jet d'eau sarà illuminato di blu: si celebra l'anniversario delle Nazioni Unite
SOLETTA
11 ore
«Più di tre ore per fare il tampone»
«La coda diventava sempre più grande» spiega una testimone
SVIZZERA
14 ore
«Si sarebbe dovuto agire già in estate»
C'è chi vede il 29 giugno come il giorno in cui si sarebbe dovuto iniziare a fare qualcosa, come l'epidemiologo Althaus
SVIZZERA
16 ore
«Eravamo sovraccarichi già due settimane fa»
Dall'elaborazione dei dati, al supporto a chi si trova in quarantena. Un contact tracer racconta il suo lavoro.
SVIZZERA
17 ore
Bloccati un'ora e mezza in galleria
I viaggiatori di un treno diretto da Zurigo a Lucerna sono rimasti bloccati per circa un'ora e mezza
SVIZZERA
17 ore
Coronavirus: «Senza programmabilità gli approvvigionamenti sono a rischio»
L'associazione Commercio Svizzera chiede al Consiglio federale chiarezza sugli scenari da attendersi.
SVIZZERA
19 ore
Ueli Maurer preoccupato per la repressione del dissenso
Il ministro delle finanze ha parlato di tendenze «pericolose per la democrazia» all'Assemblea dei delegati UDC
ZURIGO
21 ore
Tentativo di rapina con coltello, un ferito grave
L'aggressione è avvenuta nella notte vicino alla stazione centrale di Zurigo.
SVIZZERA
22 ore
Mascherina presto obbligatoria anche all'aperto?
Il Consiglio federale ha messo in consultazione alcune ulteriori misure per lottare contro la diffusione del Covid-19.
Copyright ©2020 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile