Archivio Keystone
Attualità
29.01.20 - 11:010

Allevamento intensivo: in arrivo un controprogetto

Il Consiglio federale raccomanda di respingere l'iniziativa popolare

di Redazione
ATS

BERNA - La richiesta di inserire nella Costituzione standard di produzione biologica privati e di estenderli alle importazioni è eccessiva. Per questo il Consiglio federale raccomanda di respingere l'iniziativa popolare sull'allevamento intensivo, dichiarata riuscita lo scorso ottobre. L'esecutivo intende però elaborare un controprogetto indiretto.

L'iniziativa - la cui denominazione ufficiale è "No all'allevamento intensivo in Svizzera" - mira a proteggere la dignità degli animali negli allevamenti agricoli, indica in una nota odierna il governo. I promotori hanno depositato in autunno il testo alla Cancelleria federale: le firme considerate valide sono state 106'125.

Con l'iniziativa, la Confederazione è chiamata a stabilire criteri per il ricovero, l'accesso a spazi esterni, il numero di animali detenuti e la macellazione che corrispondano almeno a quelli delle direttive Bio Suisse del 2018. La nuova disposizione costituzionale dovrebbe inoltre valere anche per i prodotti importati.

Il Consiglio federale afferma di essere sostanzialmente d'accordo con l'obiettivo del testo, ma vuole bocciarlo poiché ritiene che vada troppo oltre per quanto riguarda gli standard di produzione biologica privati. La loro estensione alle importazioni sarebbe per di più incompatibile con gli accordi commerciali e molto difficile da attuare, fa notare il governo.

Tuttavia, l'esecutivo vuole migliorare le condizioni di detenzione negli allevamenti e pertanto presenterà un controprogetto, in cui saranno inclusi i criteri per il benessere degli animali da reddito. Per il Consiglio federale comunque la Costituzione e la legislazione attualmente garantiscono già un'elevata protezione. Inoltre, Berna versa contributi a sostegno di sistemi di stabulazione rispettosi degli animali e dell'uscita regolare all'aperto, viene puntualizzato nel comunicato.

Commenti
 
ATTENZIONE: a causa dell’elevato numero di commenti sui blog e alla difficoltà della redazione di monitorarli, abbiamo attivato un filtro automatico.
La libertà di espressione deve essere garantita da un comportamento civile e rispettoso di ciascun utente.
Chiunque scriverà offese o frasi irrispettose verrà automaticamente bannato con la conseguente cancellazione dell’account.
Lilly Formina 1 anno fa su tio
Come sempre il Consiglio federale esterna la propria ambiguità lodando un obiettivo che poi in concreto propone di combattere. E' chiaro che un'iniziativa che miri a proteggere una qualsivoglia dignità, in questo caso quella degli animali, a livello istituzionale sarà sempre ostacolata fintanto che ci ostineremo a riconoscere un esecutivo che è sempre disposto a sacrificare la propria, di dignità, pur di compiacere coloro che solo riconosce come padroni. Che, alla faccia del popolo "sovrano", sono tutti rappresentanti dell'economia privata: questa volta gli industriali della carne e dei lager per animali, domani i soliti banchieri, poi le industrie farmaceutiche,... lobby qua, lobby là, trallallà.
pulp 1 anno fa su tio
@Lilly Formina A parlare di lobby, anche quelle LGBT o quelle ambientaliste non scherzano. E se non ti piace l'economia privata, beh sappi che perlomeno da lavoro a migliaia di persone che non camperebbero con le fregnacce animaliste.
sedelin 1 anno fa su tio
@Lilly Formina brava, ottime e veritiere considerazioni!
sedelin 1 anno fa su tio
sì all'iniziativa :-)
Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Svizzera
BERNA
1 ora
Quando l'arrivo dei ricchi rischia di farti perdere la casa
L'Oberland bernese attira milionari da tutto il mondo. Il valore delle case è così schizzato alle stelle.
SVIZZERA
1 ora
Coronavirus: in calo casi, ricoveri e decessi
Rispetto a quella precedente, la scorsa settimana tutti gli indicatori sull'andamento epidemiologico sono diminuiti.
SVIZZERA
3 ore
Il radar “sfasato” che la polizia svizzera continua a usare
Può segnare fino a 11 km/h in più e ha problemi con le superfici rifrangenti, l'allarme dal produttore
BERNA
5 ore
Covid: 2300 positivi e 42 vittime
Sull'arco di due settimane, il numero totale di infezioni scende a 18'893.
ZURIGO
6 ore
I ricercatori dell'ETH scoprono il tallone d'Achille del coronavirus
Lo studio potrebbe portare allo sviluppo di un medicinale per combattere il Covid-19.
SVIZZERA
6 ore
Disoccupazione e penuria di personale, il paradosso post Covid
Se da un lato le aziende licenziano dipendenti, dall'altro cercano nuovo personale diversamente qualificato.
SVIZZERA
8 ore
Al confine con la Germania c'è un grande viavai
Il turismo degli acquisti è di nuovo possibile senza limitazioni. E in moltissimi ne hanno approfittato.
SVIZZERA
10 ore
Hotel e ristoranti, 40mila posti di lavoro in fumo
Il dato riguarda esclusivamente il 2020. Particolarmente colpiti i ristoranti che dipendono dal turismo d'affari.
SVIZZERA
12 ore
«Vaccinati e senza mascherina»
Per il Governo federale le persone immunizzate non trasmettono il virus. C'è quindi chi chiede la revoca dell'obbligo
SVIZZERA
1 gior
La spesa oltre confine? Sì, ma in Germania
Il governo tedesco ha aperto le porte al turismo di giornata (e dello shopping). Quello italiano invece temporeggia
Copyright ©2021 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile