Keystone
GRIGIONI
24.01.20 - 17:070

È stato un WEF «pacifico»

Dal punsto di vista della sicurezza, le autorità forniscono un bilancio positivo del cinquanesimo Forum

di Redazione
ATS

DAVOS (GR) - Sia le autorità cantonali grigionesi che l'esercito svizzero stilano un bilancio positivo sul cinquantesimo Forum economico mondiale (WEF) tenutosi da martedì a oggi a Davos: l'incontro annuale - sottolineano - si è svolto pacificamente, senza incidenti gravi né avvenimenti rilevanti dal punto di vista della sicurezza.

In un comunicato odierno, il consigliere di Stato grigionese Peter Peyer, responsabile del Dipartimento di giustizia, sicurezza e sanità, si è dichiarato profondamente colpito dalle prestazioni dell'esercito e della sua efficace collaborazione con le forze di sicurezza civili.

La riunione annuale del WEF ha attirato ancora una volta circa 3'000 partecipanti dal mondo dell'economia e della politica, tra cui il presidente degli Stati Uniti Donald Trump, giunto per la seconda volta nella cittadina grigionese, e tutti e sette i membri del Consiglio federale. Complessivamente 120 persone, quali capi di Stato e di governo, godevano di una protezione speciale delle forze di sicurezza, in base al diritto internazionale.

Il responsabile cantonale delle economia pubblica Marcus Caduff ha sottolineato l'importanza economica dell'evento per Davos e per il cantone dei Grigioni: «Secondo uno studio dell'Università di San Gallo, il WEF genera un valore aggiunto annuo di circa 60 milioni di franchi solo a Davos; e di 94 milioni a livello nazionale».

L'esercito ha terminato oggi il suo impiego sussidiario per la sicurezza del WEF. Dal 17 gennaio in media circa 4'900 militari hanno prestato un servizio d'appoggio a favore del Cantone, con incarichi nello spazio aereo e a terra. Non ci sono stati contrattempi rilevanti. Le Forze aeree hanno registrato una violazione nella parte italiana dello spazio aereo limitato per il WEF. Anche la limitrofa Austria, che ha fornito un prezioso contributo, ha rilevato una violazione sul proprio territorio statale, riferisce un comunicato odierno del Dipartimento federale della difesa, della protezione della popolazione e dello sport (DDPS).

Il comandante di corpo Aldo Schellenberg, citato nella nota, ha espresso grande soddisfazione per «la tenacia, la disciplina, la serietà e la professionalità dimostrata dalle truppe». «A tutti - dai quadri alle formazioni di milizia - va il mio più sentito ringraziamento», ha concluso.

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Svizzera
SAN GALLO
11 min
Un carro di carnevale forse un po' troppo razzista
Quello di un ex-deputato Udc presentato al carnevale di Wangs: «Per me negro non è mica una parolaccia»
LUCERNA
39 min
Auto finisce ribaltata in un torrente
L'incidente è avvenuto nelle prime ore di questa mattina, il conducente è rimasto illeso.
SVIZZERA
3 ore
All'ex capo di ABB una buonuscita di 13 milioni
Il colosso dell'ingegneria ha reso note oggi le retribuzioni del manager Ulrich Spiesshofer
BERNA
14 ore
Sgombero dell’ex deposito di munizioni: una costosissima prima svizzera
Si tratta del sito di Mitholz. Si preparano le procedure, i veri e propri lavori avranno inizio nel 2031
VAUD
16 ore
Il Cantone mette in vendita due pistole, ma non a tutti
Venerdì al Tribunale di Renens vanno all'asta due Glock
BULGARIA
18 ore
Andava in Siria con un arsenale, cinque anni di carcere per uno svizzero
L'uomo, originario di Suhr (AG), era stato arrestato a bordo di un veicolo 4x4 alla frontiera tra Bulgaria e Turchia
SVIZZERA
19 ore
TCS: «Tassare i veicoli in base alle emissioni di CO2»
Il Touring Club ginevrino deve raccogliere 5300 firme
SVIZZERA
23 ore
«La libera circolazione è vitale per l'economia»
Dopo i sindacati, contro l'iniziativa dell'UDC oggi sono scese in campo anche le piccole e medie imprese
SVIZZERA
1 gior
L'inverno rientra dalla porta sul retro
Caldo da record ad inizio settimana, ma da mercoledì l'asticella dei gradi si abbasserà nuovamente, con neve in vista
SONDAGGIO
SVIZZERA
1 gior
Ci piacciono le carte di credito, ma non ci fidiamo del contactless
Il mezzo di pagamento è comunque sempre più apprezzato dagli svizzeri, come mostra l'annuale indagine di bonus.ch
Copyright ©2020 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile