Deposit
SVIZZERA
22.01.20 - 14:160

Aspirazioni professionali più variegate per i giovani svizzeri

Nonostante l'era digitale i ragazzi continuano a scegliere principalmente professioni affermate

di Redazione
ats

BERNA - Le aspirazioni professionali dei giovani svizzeri sono più variate rispetto a quelle dei loro coetanei di altri Paesi industrializzati. Lo sostiene uno studio dell'Organizzazione per la cooperazione e lo sviluppo economico (OCSE), aggiungendo che tra i fattori vi è l'impegno delle scuole nel favorire contatti precoci tra studenti e mondo del lavoro.

Secondo uno studio Pisa, pubblicato ieri, nonostante l'era digitale i giovani continuano a scegliere principalmente professioni affermate. L'indagine è stata condotta su studenti e studentesse di 15 anni provenienti da 36 Paesi, ai quali è stato chiesto quale professione si aspettavano di avere una volta raggiunti i 30 anni: il 47% dei ragazzi e il 53% delle ragazze hanno scelto una delle dieci professioni più gettonate: ad esempio insegnanti, dottori, avvocati, manager d'azienda, architetti e poliziotti.

I risultati dello studio, effettuato sui ragazzi nel 2018, è stato accostato alle risposte date nel 2000 dagli allora 15enni. Le differenze, spiega l'OCSE, sono di pochi punti percentuali per quanto riguarda i dieci impieghi maggiori citati dai giovani. Tra le ragazze, design, polizia e architettura hanno preso il posto di scrittura/giornalismo, segretariato e parrucchiera nella "top-10". Tra gli uomini invece nello spazio di 18 anni non si sono registrati cambiamenti, se non a livello di percentuali.

In Svizzera, il 49% delle 15enni del 2018 si aspetta di lavorare in uno di questi 10 ambiti a 30 anni, mentre nel 2000 la quota era del 50%. Tra i ragazzi, invece la percentuale si attesta solo al 38% (41% nel 2000).

Lo studio raccomanda ai governi e ai datori di lavoro di fornire agli studenti un quadro completo del mondo del lavoro il più presto possibile per favorire la loro introduzione. Tra gli aspetti citati dall'OCSE figurano tirocini, contatti, consulenza professionale e partecipazioni a fiere del lavoro. L'organizzazione stima che il 39% dei posti di lavoro da sogno menzionati sono soggetti al rischio di scomparire nei prossimi 10-15 anni a causa dell'automazione.

Svizzera leader anche nella gestione di talenti - La Svizzera rimane al vertice mondiale nella gestione dei talenti. È quanto emerge da uno studio su 125 Paesi effettuato dalla società di selezione del personale Adecco in occasione del Forum economico mondiale (WEF) di Davos.

Nella classifica del Global Talent Competitiveness Index (GTCI), la Svizzera si piazza per il settimo anno consecutivo al primo posto, si legge in un comunicato odierno di Adecco. Gli Usa salgono dal terzo al secondo posto, scalzando Singapore (ora terzo).

Lo studio individua le tre principali ragioni della leadership elvetica: in primo luogo l'elevata qualità di vita, che consente di mantenere nel Paese lavoratori qualificati. In secondo luogo, il sistema duale di formazione professionale - apprendistato e studio - che garantisce buone opportunità di formazione e perfezionamento, e in terzo luogo, un buon quadro giuridico ed economico.

Tuttavia, i risultati per la Svizzera sono piuttosto contrastanti per quanto riguarda l'integrazione sociale delle minoranze. Su questo punto, la Svizzera esce ridimensionata nel confronto internazionale (16esimo posto).

Commenti
 
ATTENZIONE: a causa dell’elevato numero di commenti sui blog e alla difficoltà della redazione di monitorarli, abbiamo attivato un filtro automatico.
La libertà di espressione deve essere garantita da un comportamento civile e rispettoso di ciascun utente.
Chiunque scriverà offese o frasi irrispettose verrà automaticamente bannato con la conseguente cancellazione dell’account.
Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Svizzera
SVIZZERA
2 ore
Abuso di crediti Covid: oltre un miliardo sotto la lente
Il Controllo federale delle finanze ha trasmesso alla SECO 4'646 garanzie per ulteriori approfondimenti
ZURIGO
7 ore
Super ricchi: immutata la classifica dei top 3 svizzeri
In testa sempre la famiglia erede del gruppo Roche.
SVIZZERA
7 ore
Il vaccino? «Dapprima alle coppie “internazionali”»
La proposta: le persone non sposate con una relazione a distanza dovrebbero avere un accesso prioritario al vaccino
SVIZZERA
8 ore
La Svizzera è sempre più l'Eldorado ferroviario d'Europa
In media, ogni anno, prendiamo 74 volte il treno percorrendo 2'505 chilometri.
SVIZZERA
10 ore
«In Svizzera si potrà andare a sciare»
Lo assicura il consigliere federale Alain Berset durante un odierno incontro coi media
FOTO
ZURIGO
10 ore
Zurigo ricorda il suo Köbi con una targa
Nel primo anniversario della sua morte, la Città ha posto la placca commemorativa sulla casa in cui è cresciuto.
SVIZZERA
10 ore
Un'app impedisce ai minori di acquistare alcol
Si chiama Jack ID-Scan e permette di determinare velocemente l'età dell'acquirente
SVIZZERA
11 ore
Che batosta per la Posta
Il Covid ha affossato i ricavi nei primi tre trimestri. Ma si vede una luce in fondo al tunnel
BERNA
11 ore
Polemiche su come la Procura federale ha gestito il dossier della 28enne
Fra chi pensa che ci siano stati errori e leggerezza e chi è convinto che abbia agito correttamente, la politica divisa
SVIZZERA
13 ore
Covid, in Svizzera altri 4'509 casi e 79 decessi
Nelle ultime ventiquattro ore sono stati effettuati 28'740 test, con un tasso di positività del 15,7%
Copyright ©2020 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile