Immobili
Veicoli
keystone-sda.ch / STF (PETER SCHNEIDER)
SVIZZERA
16.01.20 - 21:230

Svizzera e Austria oggi si sono incontrate

O meglio, lo hanno fatto Ignazio Cassis e il suo omologo Alexander Schallenberg in un meeting molto costruttivo

di Redazione

BERNA - Il capo del Dipartimento federale degli affari esteri (DFAE) Ignazio Cassis ha incontrato oggi a Berna il proprio collega austriaco Alexander Schallenberg in occasione della sua prima visita all’estero in veste di ministro degli esteri. Durante il colloquio i due omologhi hanno parlato di relazioni bilaterali, della politica europea della Svizzera e di altri temi di portata internazionale.

Il capo del DFAE e il ministro degli affari europei e internazionali della Repubblica d’Austria hanno sottolineato le strette e variegate relazioni tra i rispettivi Paesi.

Il consigliere federale Cassis ha informato il suo collega austriaco sullo stato del dossier europeo, spiegando che il Consiglio federale intende assicurare e sviluppare la via bilaterale attraverso la conclusione di un Accordo istituzionale, garantendo così un migliore funzionamento degli accordi bilaterali.

A tal fine, la Svizzera deve trovare una soluzione che goda di un ampio consenso interno sulla protezione dei salari e dei lavoratori, sugli aiuti di Stato e sulla direttiva relativa alla libera circolazione dei cittadini UE. Il capo del DFAE ha fornito spiegazioni in merito alla decisione del Consiglio federale di coinvolgere le parti sociali e i Cantoni in questo processo. La Svizzera si aspetta però anche che l’UE sia disposta a discutere dei contenuti.

I due ministri degli esteri si sono inoltre soffermati sulla situazione in Medio Oriente, sul conflitto nell’Ucraina orientale, sull’impegno della Svizzera nei Balcani occidentali, sulla politica di allargamento dell’UE e sulla cooperazione all’interno dell’ONU.

In occasione della visita del proprio omologo austriaco, il consigliere federale Cassis è stato accompagnato dal segretario di Stato Roberto Balzaretti.

Svizzera e Austria unite da solide relazioni

I due Paesi intrattengono scambi politici molto stretti, collaborando intensamente anche in campo economico, culturale, consolare e nel settore della ricerca. Questo solido partenariato si riflette inoltre nella cooperazione costante in ambito multilaterale, in particolare in seno all’OSCE, al Consiglio d’Europa e all’ONU. Per coltivare questo rapporto di fiducia, a partire dagli anni 1970 hanno luogo periodicamente visite e consultazioni diplomatiche che coinvolgono tutti i Dipartimenti, il Parlamento, i Cantoni e le città.

L’Austria è uno dei principali partner commerciali della Svizzera (2018: nono posto per le importazioni e decimo posto per le esportazioni). Dal 2015 gli scambi commerciali (merci e servizi) superano i 20 miliardi di euro. La Svizzera è uno dei principali investitori in Austria, Paese in cui, alla fine del 2018, il totale degli investimenti diretti svizzeri ammontava a 10 miliardi di franchi. Le imprese svizzere danno lavoro a circa 34 000 persone in Austria.

La visita è il primo viaggio bilaterale effettuato dal ministro degli esteri Schallenberg come membro del nuovo Governo austriaco. Questa «tradizione della prima visita» tra la Svizzera e l’Austria è l’espressione delle eccellenti relazioni che intercorrono tra i due Paesi e risale al cancelliere federale austriaco Leopold Figl, che nel 1946 scelse Berna come destinazione del suo primo viaggio all’estero in segno di ringraziamento per il generoso aiuto ricevuto dalla Svizzera nel dopoguerra. Questa tradizione continua da allora, sebbene vi siano state alcune eccezioni.

keystone-sda.ch / STF (PETER SCHNEIDER)
Guarda le 4 immagini
Commenti
 
ATTENZIONE: a causa dell’elevato numero di commenti sui blog e alla difficoltà della redazione di monitorarli, abbiamo attivato un filtro automatico.
La libertà di espressione deve essere garantita da un comportamento civile e rispettoso di ciascun utente.
Chiunque scriverà offese o frasi irrispettose verrà automaticamente bannato con la conseguente cancellazione dell’account.
Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Svizzera
GINEVRA
8 ore
Auto sulle bancarelle, «andava a 140 chilometri orari»
Una persona è rimasta gravemente ferita alla gamba, ma la sua vita non è in pericolo. Le testimonianze dei commercianti
GRIGIONI
11 ore
Incidente mortale sul Bernina
Tre motociclisti hanno perso la vita in uno scontro. Strada e ferrovia del trenino sono rimaste chiuse per tre ore
BERNA
13 ore
Schianto di un elicottero, stavano prelevando una mucca
Le due persone rimaste ferite nell'incidente sono due uomini di 49 e 26 anni. Un terzo pilota è invece rimasto illeso
SVIZZERA
15 ore
Gas russo. Sarà un inverno difficile anche in Svizzera?
Mosca potrebbe stringere ulteriormente i rubinetti. Questo potrebbe avere conseguenze anche per il nostro Paese?
SVIZZERA
16 ore
Critiche al Governo, Cassis e Keller-Sutter con "l'estintore"
I due consiglieri federali, intervenuti all'assemblea dei delegati PLR, hanno smorzato le polemiche
SVIZZERA
18 ore
«Più cooperazione, anche con la NATO, per proteggere la Svizzera»
Il presidente del PLR Thierry Burkart favorevole anche all'acquisto di nuovi aerei da combattimento
GINEVRA
19 ore
Con l'auto tra le bancarelle del mercato, un ferito a Ginevra
Il conducente non era in condizioni tali da poter guidare. Si indaga per capire se aveva consumato alcol o droghe.
SVIZZERA
22 ore
Benzina ancora a peso d'oro. Ecco perché
Senza piombo e Diesel restano ancora oltre i due franchi. A dispetto del prezzo del greggio in discesa. Perché?
SVIZZERA
1 gior
Sorveglianza dei cellulari, privacy a rischio
Le forze dell'ordine hanno aumentato l'utilizzo delle intercettazioni per svolgere le indagini. Qualcuno si preoccupa.
SCIAFFUSA
1 gior
Esce di strada e piomba sulla scalinata del centro commerciale
Il conducente, un 35enne, ha avuto un malore.
Copyright ©2022 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile