Archivio Depositphotos
SVIZZERA
09.01.20 - 06:000
Aggiornamento : 08:43

Quei 12'000 bambini segnati da un divorzio

Ma come vivono la separazione dei genitori? Ecco tre testimonianze

di Redazione
SF

LUGANO - Attualmente in Svizzera ci sono 12'212 minorenni figli di genitori divorziati. Il dato si riferisce alla situazione del 2018. I divorzi sono aumentati da un anno all’altro: si è passati dai 15'906 del 2017 ai 16'542 registrati nel 2018. Rispetto al passato (soltanto un secolo fa, nel 1918, i divorzi erano appena 1'699, secondo i dati dell’Ufficio di statistica) divorziare oggi è per molte coppie una decisione meno traumatica.

Ma lo è altrettanto per i figli che improvvisamente si ritrovano in famiglie separate? Ecco tre storie che denotano una certa sofferenza di fondo da parte dei bambini che vedono spesso il divorzio di mamma e papà con occhi diversi rispetti ai loro genitori. 

Ryan: «Nonostante tutto, credo ancora nell'amore e nel matrimonio»
 «Avevo cinque anni. Fu mia nonna a dirmi che mamma e papà avevano deciso di separarsi. Realizzai di quanto stava accadendo solo quando iniziarono a litigare per l’affidamento. Una volta mia madre lanciò una padella contro mio padre e lo colpì alla testa. Credo di aver nutrito dei sentimenti di rabbia nei confronti di mia madre, ma ho rimosso molti dei ricordi di quel periodo. Fu mio padre a ottenere la custodia Non fu un trauma dividermi da mia madre, anche perché abitava poco distante da mio padre. Tuttavia devo ammettere che i continui litigi dei miei genitori hanno lasciato su di me delle conseguenze notevoli. Ho sofferto di depressione. Ho avuto difficoltà a concentrarmi».

Vera: «È stato un inferno vivere con mia madre»
«Capitava spesso che con i miei fratelli restavamo sulle scale a sentire i nostri genitori litigare in cucina. Non ho mai avuto il coraggio di chiedergli perché litigassero continuamente. Avevo otto anni quando la mamma ci disse che si sarebbe separata da papà. I miei fratelli iniziarono a piangere. Io no. Non sentivo nulla. Mio padre se ne andò, e per tre anni abbiamo abitato con nostra madre. È stato un inferno. Dopo la separazione lei ha iniziato a trascurare la famiglia e la casa: biancheria sempre sporca, pareti di casa con macchie di muffa. Mia madre mi proibiva di raccontare lo stato in cui vivevamo. Quindi ho quasi smesso di parlare. Sono diventata taciturna».

Alessia: «Oggi sono una donna soddisfatta di ciò che sono»
«Sono trascorsi diversi anni, ma il trauma c’è stato. La separazione è stata una salvezza. Tra le mura di casa si arrivava spesso a discussioni senza fine e anche alla violenza. La sera non riuscivo a prendere sonno. E terrorizzata che potessero ammazzarsi. Un periodo di terrore. Avevo sette anni circa. Oggi ho superato. Ho compreso. Ho perdonato i miei genitori per questo e li amo da morire. Non sono un genitore e non posso permettermi di giudicarli, sarebbe sicuramente stato meglio se si fossero lasciati civilmente nel miglior modo, ma così non è stato. Ormai me ne son fatta una ragione. Sono soddisfatta della mia crescita e della donna che sono oggi, e tutto ciò anche grazie alle esperienze passate. Sulle lacune che mi ha lasciato quest’esperienza ci sto lavorando e ci riuscirò».

Commenti
 
ATTENZIONE: a causa dell’elevato numero di commenti sui blog e alla difficoltà della redazione di monitorarli, abbiamo attivato un filtro automatico.
La libertà di espressione deve essere garantita da un comportamento civile e rispettoso di ciascun utente.
Chiunque scriverà offese o frasi irrispettose verrà automaticamente bannato con la conseguente cancellazione dell’account.
Marco Cimetti 1 anno fa su fb
Mia figlia è cresciuta non bene ma benissimo nonostante il nostro divorzio abbiamo portato avanti il rispetto reciproco nn ci siamo fatti la guerra e il risultato si è visto... Una splendida ragazza con sani principi
Paolo Suppa 1 anno fa su fb
Se una persona e intelligente i bambini non soffrono , le cattiverie non pagano mai anzi distruggono tutto!
Jasmina Kovaceva-Tanceva 1 anno fa su fb
Motivi futili ,ai divorziati aumento di tasse e vedremo se si divorziano e non averne diritti di sussidi..
Bruna Bralla 1 anno fa su fb
La cosa peggiore per un bambino è quella di avere genitori inadeguati a sostenere questo ruolo e che si scannano per ogni sciocchezza usando i figli come armi di ricatto , e questo vale per padri e madri senza distinzioni
Désirée Schlee-Borostyan 1 anno fa su fb
Non é il divorzio a segnare i figli, é la gestione del divorzio da parte dei genitori. Se quest'ultimi sono immaturi, egoisti e vendicativi allora il figlio viene segnato a vita e purtroppo la maggior parte dei divorzi é ancora così. A me ed al mio ex marito é stato detto dalla mediatrice (niente avvocati) che siamo "l'eccezione", triste perché ci vuole veramente poco a mettere da parte i dissapori e pensare esclusivamente al benessere del figlio.
Loredana Maggio 1 anno fa su fb
Désirée Schlee-Borostyan giustissimo anche per noi è così e il piccolo sta benissimo
MIM 1 anno fa su tio
La testimonianza di Vera è davvero toccante
Sara Violetti 1 anno fa su fb
Penso che sia peggio per un figlio vivere con continui litigi.. Io con il mio ex marito abbiamo mantenuto un ottimo rapporto ed è molto presente con i ragazzi.. La nuova compagna è veramente emuna stella e hanno avuto una bimba accettata perfettamente dai miei figli
Faby Dessy 1 anno fa su fb
È piu traumatico crescere con genitori che non si sopportano
Elena Wolte 1 anno fa su fb
Mi chiedo cosa fara’ ridere certe menti ?
Rolf Banz 1 anno fa su fb
chi ha fatto il calcolo :
Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Svizzera
SVIZZERA
1 min
Le congratulazioni di Parmelin a Biden
«Sono convinto che le relazioni fra Svizzera e USA si rafforzeranno», ha twittato il vodese
CANTONE / SVIZZERA
45 min
Le nuove varianti circolano, la Svizzera dovrebbe intervenire?
Per il dottor Andreas Cerny il prossimo passo è la chiusura dei comprensori sciistici
SVIZZERA
1 ora
Ci sono dei ristoranti che possono già riaprire
Sono quelli che accolgono i camionisti: da oggi sono inclusi nella categoria dei "ristoranti aziendali".
BERNA
2 ore
Caricabatterie a rischio incendio e folgorazione
Belkin ha richiamato il prodotto.
BERNA
3 ore
Variante "inglese" presente già in ottobre
La prima volta è comparsa nel Canton Vaud. Ad oggi sono 479 i positivi ai ceppi mutati.
SVIZZERA
3 ore
Altri 10 paesi nella "lista nera" di Berna
L'elenco è stato aggiornato dall'Ufsp. Che ha aggiunto anche cinque regioni (di cui due in Italia)
SVIZZERA
4 ore
Privatizzazione di Postfinance? Tra malcontento e soddisfazione
Per i contrari «la Svizzera non ha bisogno di un altro gigante bancario che massimizza i profitti»
SVIZZERA
5 ore
Arrivano gli aiuti, nuove misure nel lavoro ridotto
Indennità estese anche agli apprendisti. Aboliti periodo di attesa e (retroattivamente) durata massima di riscossione
SVIZZERA
6 ore
Per il Governo PostFinance va privatizzata
È la risposta a chi ha sollevato dubbi sull'ingresso nel mercato creditizio e ipotecario
SVIZZERA
6 ore
In Svizzera altri 2'727 contagi, i nuovi decessi sono 70
Nelle ultime 24 ore sono stati effettuati 32'716 test, l'8,3% di questi è risultato positivo
Copyright ©2021 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile