20 minutes
GINEVRA
05.01.20 - 20:000

"Troppo poveri" per passare le Feste in famiglia

Uno svizzero di origine algerina non ha potuto abbracciare sua madre e suo fratello per le vacanze. Il loro reddito è stato considerato troppo modesto per ottenere il visto turistico

GINEVRA - «Se sei svizzero e con un reddito modesto, e viaggi con difficoltà in quanto su una sedia a rotelle, saresti felice di accogliere tua madre algerina di 78 anni e tuo fratello per 10 giorni. Ma questo non è possibile. Perché sei troppo povero».

Con questo post su Facebook, Alia Chaker Mangeat, candidato PPD al Municipio di Ginevra, ha scatenato una forte ondata di solidarietà alla fine di dicembre. La disavventura segnalata è quella vissuta da Djamel, uno svizzero cinquantenne di origine algerina che vive a Versoix da 14 anni.

Soffrendo di una malattia degenerativa che lo costringe a muoversi su una sedia a rotelle, voleva riunire sua madre e suo fratello per Natale. La Segreteria di Stato per la migrazione (SEM) ha però deciso diversamente, rifiutando di rilasciare un visto ai parenti. Il rischio migratorio è stato identificato come troppo elevato.

«Sono stato molto colpito», spiega Djamel a 20 Minutes. «Nella sua decisione, il SEM dipinge un ritratto della mia famiglia umiliante. Non tutti gli algerini sognano di stabilirsi in Svizzera. La qualità di vita lì è buona, non è la Siria!».

La decisione del SEM è basata in particolare sul reddito di coloro che richiedono il visto. Tuttavia, la madre di Djamel percepisce una pensione da vedova e suo fratello è un funzionario del Ministero degli Interni. Ma non è abbastanza. «Ovviamente, il loro reddito è considerato modesto per gli standard svizzeri. Ma mia madre possiede comunque una casa». Un altro criterio sarebbe rappresentato dai legami della madre e del fratello di Djamel con il loro paese. La prima lascerebbe figli e nipoti, il secondo una moglie. Ma ancora una volta, per la SEM, non è abbastanza.

Tutto questo lascia Djamel in preda allo sconforto e la rabbia: «Sono in Svizzera per amore di mia moglie, non per soldi. Sono stato lì per 14 anni. Avrei potuto invocare il ricongiungimento familiare e rimpatriare la mia famiglia, se lo avessero voluto. Ma non è questo il caso. Per quanto possa sembrare difficile da credere, mia madre non vuole rinunciare alla sua vita e ai suoi cari».

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Svizzera
SVIZZERA
59 min
Lauber, schiaffo all'immunità dal Consiglio degli Stati
La decisione è stata presa in modo chiaro: per 10 voti contro 1
BASILEA CITTÀ
2 ore
Sentenza della 76enne che ha ucciso Ilias: sarà internata
La Corte ha riconosciuto colpevole di assassinio la donna che ha accoltellato il piccolo di 7 anni
SAN GALLO
2 ore
Condannata la direttrice delle medie che rese possibile l'alcol-party di diploma
La donna è stata ritenuta responsabile dal giudice, fatta chiarezza sul come e il perché successe il fattaccio
SVIZZERA
3 ore
Una tavola rotonda per rilanciare l'export svizzero
Lo scambio di vedute tra i partecipanti sulle conseguenze della pandemia è stato «proficuo»
SONDAGGIO
SVIZZERA
4 ore
Una persona su quattro non vuole farsi vaccinare
Secondo un sondaggio, soltanto una minoranza dei lavoratori non intende proteggersi contro il coronavirus
SVIZZERA
6 ore
I danni delle catastrofi sono in aumento nella prima metà del 2020
Lo studio non tiene conto dei danni legati alla pandemia di coronavirus.
SVIZZERA
6 ore
Altri 187 casi, 11 ricoveri e un decesso
Il totale dei contagi dall'inizio dell'emergenza sale a 36'895. I decessi sono 1'713.
SVIZZERA
7 ore
«10mila immigrati all'anno, dicevano. Ne arrivano 75mila»
L'UDC ha lanciato la campagna per il sì all'Iniziativa per la limitazione.
SVIZZERA
7 ore
Immatricolazioni in lieve calo a luglio
In controtendenza i veicoli ibridi ed elettrici
FOTO
BASILEA CITTÀ
9 ore
Birra al pesce, anatra strozzata: il video fa arrabbiare gli animalisti
Animali maltrattati sui social: è polemica su un gruppo di giovani basilesi
Copyright ©2020 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile