20 minutes
GINEVRA
05.01.20 - 20:000

"Troppo poveri" per passare le Feste in famiglia

Uno svizzero di origine algerina non ha potuto abbracciare sua madre e suo fratello per le vacanze. Il loro reddito è stato considerato troppo modesto per ottenere il visto turistico

GINEVRA - «Se sei svizzero e con un reddito modesto, e viaggi con difficoltà in quanto su una sedia a rotelle, saresti felice di accogliere tua madre algerina di 78 anni e tuo fratello per 10 giorni. Ma questo non è possibile. Perché sei troppo povero».

Con questo post su Facebook, Alia Chaker Mangeat, candidato PPD al Municipio di Ginevra, ha scatenato una forte ondata di solidarietà alla fine di dicembre. La disavventura segnalata è quella vissuta da Djamel, uno svizzero cinquantenne di origine algerina che vive a Versoix da 14 anni.

Soffrendo di una malattia degenerativa che lo costringe a muoversi su una sedia a rotelle, voleva riunire sua madre e suo fratello per Natale. La Segreteria di Stato per la migrazione (SEM) ha però deciso diversamente, rifiutando di rilasciare un visto ai parenti. Il rischio migratorio è stato identificato come troppo elevato.

«Sono stato molto colpito», spiega Djamel a 20 Minutes. «Nella sua decisione, il SEM dipinge un ritratto della mia famiglia umiliante. Non tutti gli algerini sognano di stabilirsi in Svizzera. La qualità di vita lì è buona, non è la Siria!».

La decisione del SEM è basata in particolare sul reddito di coloro che richiedono il visto. Tuttavia, la madre di Djamel percepisce una pensione da vedova e suo fratello è un funzionario del Ministero degli Interni. Ma non è abbastanza. «Ovviamente, il loro reddito è considerato modesto per gli standard svizzeri. Ma mia madre possiede comunque una casa». Un altro criterio sarebbe rappresentato dai legami della madre e del fratello di Djamel con il loro paese. La prima lascerebbe figli e nipoti, il secondo una moglie. Ma ancora una volta, per la SEM, non è abbastanza.

Tutto questo lascia Djamel in preda allo sconforto e la rabbia: «Sono in Svizzera per amore di mia moglie, non per soldi. Sono stato lì per 14 anni. Avrei potuto invocare il ricongiungimento familiare e rimpatriare la mia famiglia, se lo avessero voluto. Ma non è questo il caso. Per quanto possa sembrare difficile da credere, mia madre non vuole rinunciare alla sua vita e ai suoi cari».

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Svizzera
SVIZZERA
44 sec
Leuenberger confermato alla testa di Repower
Il 52enne guidava ad interim l'azienda dal settembre scorso: «Dimostrerà lungimiranza e forza innovativa».
ARGOVIA
1 ora
Videosorvegliati per non uscire di casa
L'obiettivo dell'ordinanza è quello di monitorare i luoghi pubblici per far rispettare meglio i divieti.
BASILEA CITTÀ / GERMANIA
9 ore
Treno deragliato, morto il macchinista
L'incidente è avvenuto in Germania, poco prima di Basilea. Il macchinista è morto e diverse persone sono rimaste ferite.
SVIZZERA / AUSTRIA
11 ore
"Paziente zero", le autorità fanno marcia indietro
Il Ministro della sanità austriaco ha corretto le informazioni diffuse in un primo momento.
SVIZZERA
13 ore
L'appello alle istituzioni: i media hanno urgente bisogno di aiuto
Occorre agire subito per sostenere un settore che è essenziale per la democrazia diretta, affermano Syndicom e Impressum
LUCERNA
13 ore
Donna trovata morta, fermato un 20enne
La vittima è stata trovata in un appartamento con ferite all'arma bianca
SVIZZERA / AUSTRIA
15 ore
Ischgl, il "paziente zero" potrebbe essere svizzero
La nota località tirolese è diventato uno dei principali focolai d'Europa.
FOTO
SVIZZERA
16 ore
A Berna ecco il CoviDrive-in
Per accedere alla postazione basta compilare un formulario online per scoprire se l'esame è appropriato
SVIZZERA
17 ore
«Le strade rimangono aperte, ma non andate in Ticino»
Il presidente delle polizie cantonali: «Rafforzeremo i controlli. Rinunciate a tutti i viaggi non importanti»
SVIZZERA
18 ore
In Svizzera una delle incidenze più alte d'Europa
Rispetto a ieri si tratta di 1'128 malati e 54 decessi in più.
Copyright ©2020 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile