Keystone
Rinchiusi in campi con le madri
SVIZZERA / SIRIA
18.12.19 - 17:080

Il rimpatrio dei bambini svizzeri fallisce a causa delle madri

Le donne, legate al jihadismo, non vogliono lasciarli tornare nella Confederazione senza di loro

di Redazione
Ats

BERNA / DAMASCO - Berna sta compiendo grandi sforzi per portare nella Confederazione i bambini svizzeri dai campi della Siria settentrionale. I rimpatri sono però finora falliti perché le madri, legate al jihadismo, non sono disposte a lasciar andare i figli senza di loro, precisa il Dipartimento federale degli affari esteri (DFAE).

Della questione si è occupato "Rundschau", programma di approfondimento della televisione SRF, che tratterà l'argomento stasera. La trasmissione, citando i casi di almeno sette bambini ad al-Roj, si chiede come mai il DFAE non si stia prendendo cura dei prigionieri svizzeri nella regione e se Berna stia intraprendendo sforzi per visitare i campi e le prigioni come quella di al-Hasakah.

Secondo il dipartimento, che sarà citato nel servizio di "Rundschau" e le cui dichiarazioni sono già a disposizione di Keystone-ATS, l'assistenza è impossibile in Paesi con cui non esistono relazioni diplomatiche o in aree in cui lo Stato competente non esercita alcun controllo. Questo è proprio il caso della Svizzera in Siria, che dunque non ha accesso alle prigioni.

Il DFAE si è comunque messo in contatto con le autorità straniere per esaminare la possibilità di singoli rimpatri di cittadini svizzeri minorenni. Per gli adulti invece la Confederazione non adotta attivamente misure in grado di portare a un ritorno.

La tesi del DFAE è dunque che la Svizzera si impegna da tempo nell'interesse dei bambini e continuerà a farlo con determinazione, con l'obiettivo di rimpatriarli. Tuttavia, la ragione per cui essi si trovano ancora in regioni di crisi è soprattutto da far risalire alle madri, considerate viaggiatrici mosse dal jihadismo, che rifiutano di far partire i figli da soli.

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Svizzera
SVIZZERA
46 min
La selezione dei pazienti? «È eticamente devastante»
Con le terapie intensive che si riempiono presto i medici dovranno di nuovo effettuare il tanto temuto "triage".
SVIZZERA
3 ore
L'industria degli eventi si prepara alle restrizioni
La regola delle 2G piace alle discoteche. A Zurigo un concerto punk-rock aggiunge il requisito del test antigenico
ZURIGO
11 ore
Quanto è pericolosa Omicron?
Potrebbe essere peggiore della già temibile delta. La parola agli esperti
SVIZZERA
17 ore
Omicron, chiudono i voli diretti con l'Africa australe
La decisione comunicata in serata, dopo l'emergenza della nuova variante, è valida a partire dalle ore 20 di oggi.
BERNA
18 ore
Dopo Pfizer anche Moderna mette il booster
Intanto l'Ufsp raccomanda la dose di richiamo per tutti. La spiegazione: «Migliora la protezione e frena la diffusione»
SVIZZERA/CINA
19 ore
La missione di Cassis non decolla
Il consigliere federale ticinese dovrà tornare in patria a seguito del guasto all'aereo. «Cercheremo una nuova data»
SVIZZERA
19 ore
Vaccino ed effetti collaterali: in Svizzera 10'386 casi
Il 65% delle notifiche è stato classificato come non serio. I preparati impiegati nel nostro paese restano sicuri
SVIZZERA
20 ore
Mascherine, certificati e booster: nuove misure a Berna, Sciaffusa e Uri
Dopo che il Governo federale ha rinunciato a un inasprimento dei provvedimenti, altri Cantoni si sono attivati
SVIZZERA
22 ore
Anche oggi più di ottomila contagi in ventiquattro ore
Nelle strutture sanitarie elvetiche sono stati effettuati 106 nuovi ricoveri per Covid
SVIZZERA
23 ore
Nuova variante: l'Ufsp non si scompone
Per il momento la Svizzera non prende nessuna misura. «Monitoriamo la situazione»
Copyright ©2021 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile