keystone-sda.ch (WALTER BIERI)
La coreografia dei tifosi dello Zurigo
+10
ZURIGO
13.12.19 - 19:050
Aggiornamento : 19:26

L'ultimo saluto a Kuhn: «Grazie per tutto, Köbi»

La Svizzera calcistica, ma non solo, ha reso omaggio a Zurigo all'ex selezionatore nella Nazionale. Magnin: «Era un uomo del popolo». Frei: «Una leggenda»

di Redazione
20minutes/G.D.

ZURIGO - Il calcio svizzero e l'intero paese hanno preso congedo questo venerdì da Köbi Kuhn, ex selezionatore della Nazionale rossocrociata e giocatore emblematico dello Zurigo, morto lo scorso 26 novembre all'età di 76 anni. L'ultimo d'addio si è svolto nella chiesa di Grossmünster a Zurigo, la cui capienza (1'000 posti circa) non è stata sufficiente per accogliere tutti i presenti. Gli altoparlanti installati all'esterno hanno permesso a coloro che non sono riusciti a trovare un posto all'interno di seguire la cerimonia.

Rose rosse e bianche - Tra le centinaia di persone comuni c'erano anche alcuni volti noti come quello di Sepp Blatter, ex presidente della FIFA. Presente anche una delegazione molto ampia dell'Associazione svizzera di calcio, tra cui Peter Gilliéron (ex presidente), Vladimir Petkovic (allenatore) e Pierluigi Tami (team manager). Delegazione che ha depositato un'enorme corona di rose rosse e bianche.

Magnin in lacrime - Fra i sei oratori che si sono susseguiti per rendere omaggio alla memoria e alla personalità di Kuhn c'era anche Ludovic Magnin (attuale allenatore dell'FC Zurigo), che sopraffatto dall'emozione non è sempre riuscito a trattenere le lacrime. «Köbi Kuhn è sempre rimasto fedele a se stesso. Era accessibile a tutti, era un uomo del popolo. La sua faccia era sempre calma (...) Grazie di tutto, signor Kuhn». Sul sagrato della chiesa c'erano anche tutti i giocatori dello Zurigo.

«Una leggenda» - Commosso pure lui, anche Alexander Frei ha voluto rendere omaggio al suo ex allenatore. «Per il signor Kuhn, l'attenzione era sempre rivolta alle persone. Non era un uomo di grandi parole, ma di azioni». Il capocannoniere della Nazionale (con 42 gol segnati tra il 2001 e il 2011) ha concluso il suo discorso guardando il ritratto di Köbi: «Sei arrivato come una leggenda, sei stato una leggenda per noi e te ne sei andato come una leggenda».

Salmo svizzero - Dopo la benedizione, la cerimonia si è conclusa con l'inno nazionale, il cui primo verso è stato intonato in coro da tutti i presenti. Come succedeva prima del fischio d'inizio delle partite della Nazionale. Capace di unire un uomo, un allenatore, al popolo svizzero.

keystone-sda.ch (WALTER BIERI)
Guarda tutte le 13 immagini
Commenti
 
ATTENZIONE: a causa dell’elevato numero di commenti sui blog e alla difficoltà della redazione di monitorarli, abbiamo attivato un filtro automatico.
La libertà di espressione deve essere garantita da un comportamento civile e rispettoso di ciascun utente.
Chiunque scriverà offese o frasi irrispettose verrà automaticamente bannato con la conseguente cancellazione dell’account.
streciadalbüter 7 mesi fa su tio
Un eroe,ha salvato la Svizzera.
Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Svizzera
SVIZZERA
2 min
L'infrastruttura digitale «è carente» nel settore pubblico
Il problema è emerso soprattutto nel periodo di lockdown.
SVIZZERA
11 min
Swissport vuole abbassare i salari di circa 2500 dipendenti
La società sta attualmente cercando di rinegoziare le condizioni di lavoro dei suoi collaboratori con le parti sociali
SVIZZERA
53 min
Durante il lockdown anche il consumo di energia va giù
Crollo del 12% rispetto allo scorso anno, indica l'Ufficio federale dell'energia
BASILEA CAMPAGNA
2 ore
Muore colpita dal cavallo durante una lezione di equitazione
L'animale è inciampato durante un salto ad ostacoli. La donna è caduta a terra ed è stata travolta dal cavallo
SVIZZERA
3 ore
Vaccino: c'è la firma con l'azienda Usa, ma non per tutti
Se supererà il test clinico e sarà omologato, potranno essere vaccinate 2,25 milioni di persone.
ZURIGO
3 ore
Va alle terme, venti persone finiscono in quarantena
Una persona presente domenica nella struttura zurighese ha presentato i sintomi del coronavirus tre giorni dopo.
BASILEA
12 ore
«Per la prima volta vedremo l'assassina di nostro figlio»
Ilias tornava da scuola. Fu ucciso da una 75enne. Senza alcun motivo. Lunedì si apre il processo. Intervista ai genitori
SVIZZERA
14 ore
In Svizzera si stimano 400'000 casi di coronavirus
Lo sostiene la task force Covid-19 della Confederazione: l'80-90% dei malati non sarebbe stato rilevato
SAN GALLO
17 ore
«Uno sconosciuto nudo è seduto sul mio divano»
Due fratelli di 26 e 32 anni sono stati fermati dalla polizia: erano in stato confusionale dopo aver consumato LSD
SVIZZERA
17 ore
Siamo finiti sulla lista nera per il coronavirus della Norvegia
I norvegesi che ritornano in patria dopo un viaggio nella Confederazione dovranno fare quarantena per 10 giorni.
Copyright ©2020 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile