Keystone (archivio)
GINEVRA
12.12.19 - 10:160

È il grande giorno del Léman Express

La rete - sulla quale circoleranno 240 treni al giorno - viene inaugurata oggi. Fra tre giorni sarà aperta al pubblico

di Redazione
ats

GINEVRA - Il grande giorno del Léman Express è arrivato: a tre giorni dall'apertura al pubblico, oggi viene inaugurata la più grande rete celere regionale transfrontaliera d'Europa. Sulla nuova linea ferroviaria circoleranno 240 treni al giorno su un percorso di 230 chilometri che si snoda tra i cantoni di Vaud e Ginevra e le regioni francesi di Ain e dell'Alta Savoia.

In totale saranno 45 le stazioni collegate dal Léman Express, il quale si appresta a diventare una colonna portante dei trasporti pubblici nell'area metropolitana di Ginevra e della regione. Si tratta di una vera e propria rivoluzione della mobilità sull'asse transfrontaliero in un cantone - come il Ticino - che quotidianamente accoglie decine di migliaia di frontalieri.

La rete celere copre una regione in cui abitano oltre un milione di abitanti e l'obiettivo è che il Léman Express venga utilizzato soprattutto dai numerosi frontalieri francesi che tutti i giorni - per mancanza di alternative - attraversano il confine in auto. Le autorità sperano che ciò aiuti a snellire il traffico stradale. A partire da domenica, oltre l'80% degli abitanti e circa l'86% dei posti di lavoro nel Cantone di Ginevra si troveranno a meno di un chilometro e mezzo da una stazione.

La nuova linea, che potrà trasportare quotidianamente fino a 50'000 persone, dovrebbe permettere una riduzione del 12% del traffico stradale nelle ore di punta. A titolo di confronto, l'intero collegamento TILO tra Lombardia e Ticino accoglie in media 40'000 persone al giorno.

Tre cerimonie di inaugurazione - Per l'inaugurazione odierna sono in programma tre cerimonie: le prime due avverranno allo stesso momento, attorno alle 11.00, nel comune vodese di Coppet e quello francese di La Roche-Sur-Foron. In seguito, le autorità si riuniranno alle 14.00 alla stazione di Genève-Eaux-Vives. Tra i presenti ai festeggiamenti ci saranno anche la Consigliera federale Simonetta Sommaruga, la consigliera di Stato vodese Nuria Gorrite e il suo omologo ginevrino Serge Dal Busco. Due di picche invece da parte della ministra dei trasporti francese Elisabeth Borne, che ha annullato il viaggio a causa della delicata situazione sociale in Francia.

Gli scioperi indetti per protesta alla riforma delle pensioni del governo francese potrebbero anche macchiare l'inaugurazione della rete transfrontaliera, ma sul tratto svizzero le autorità assicurano che non vi saranno disagi. «Gli scioperi non minacceranno la messa in servizio del Léman Express», aveva assicurato il suo direttore, Mario Werren, a inizio settimana in un'intervista alla RTS.

Cantiere del secolo - Le sei linee del Léman Express uniscono Coppet con Ginevra e diversi punti della Francia. Ci saranno ad esempio nuovi collegamenti diretti verso Annemasse, ma anche per Evian-les-Bains, Annecy e St-Gervais-les-Bains-Le Fayet.

La spina dorsale della rete celere regionale è costituita dalla nuova tratta in galleria - lunga 16 chilometri - da Ginevra ad Annemasse (CEVA), con cinque fermate intermedie, che sarà inaugurata dopo un cantiere di otto anni.

Sulle linee del Léman Express saranno impiegati 39 nuovi treni di costruzione svizzera (Flirt di Stadler) e francese (Alstom). Inoltre, con il RegioExpress il Basso Vallese sarà collegato ogni ora con la Francia lungo il lago Lemano. Al centro della rete, la tratta Ginevra-Annemasse sarà servita sei volte all'ora in entrambi i sensi per un viaggio della durata di 22 minuti.

Considerato "il cantiere del secolo" dalle autorità ginevrine, il CEVA è costato circa 1,6 miliardi di franchi alla Svizzera e 230 milioni di euro (oltre 250 milioni di franchi) alla Francia.

Commenti
 
Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Svizzera
ZURIGO
28 min
«In ogni angolo della Svizzera ci sono dei sopravvissuti alla Shoah»
Si celebra oggi il 75° anniversario della liberazione di Auschwitz. La responsabile della fondazione elvetica Gamaraal: «Siamo in una fase critica»
ZURIGO
13 ore
Coronavirus, due casi sospetti a Zurigo
Due persone che recentemente hanno soggiornato in Cina si trovano al momento in quarantena al Triemli-Spital
BERNA
13 ore
Fermati due scassinatori di distributori automatici
Si tratta di un 27enne e di un 28enne, fermati da una pattuglia di polizia a Unterseen
DAVOS
14 ore
La delegazione del Congo non ha pagato l'hotel
Al WEF l'entourage del presidente Félix Tshisekedi ha soggiornato ad Arosa. Ma è ripartito senza saldare il conto
SVIZZERA
19 ore
La pornografia dura aumenta il rischio di violenza sulle donne
Diversi esperti concordano: il consumo regolare di pornografia può generare un effetto di assuefazione che abbassa l'asticella del tollerabile
SVIZZERA
19 ore
Coronavirus, Berna decide di alzare il livello di guardia
La Confederazione ha rafforzato l'obbligo di notifica: i casi sospetti saranno da segnalare entro due ore
ZURIGO
21 ore
Ricevono la disdetta e ritrovano i loro appartamenti su Airbnb
Un inquilino racconta l'incredibile vicenda e promette battaglia per restare nella sua casa
FOTO
SVIZZERA
22 ore
Altro duo per la presidenza del PS
I consiglieri nazionali Mathias Reynard e Priska Seiler Graf hanno deciso di correre insieme per la co-presidenza
GINEVRA
1 gior
Quei flirt (pericolosi) tra secondini e detenuti
L'ultimo caso è avvenuto nella prigione-ospedale Curabilis nel Canton Ginevra. Il più eclatante fu quello di Hassan Kiko e Angela Magdici
BERNA
1 gior
Le spara «per passione», arrestato
Una donna di Thun ferita da un colpo di pistola. È in gravi condizioni. In manette un uomo
Copyright ©2020 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile