Keystone
La sparatoria ha fatto scattare un importante dispositivo di polizia (foto d'archivio)
ZURIGO
09.12.19 - 22:150

Spari in strada in pieno giorno: «È assurdo che possa accadere una cosa del genere»

Un 32enne è stato rinvenuto con ferite da arma da fuoco a Seebach. Poco prima aveva chiamato la polizia. I testimoni raccontano

di Redazione
Ats

ZURIGO - La scena descritta domenica dalla polizia comunale di Zurigo e accaduta in pieno pomeriggio nei pressi dell’aeroporto di Kloten sembra uscita dal copione di una serie TV poliziesca. «Poco dopo le 15 un uomo ha contattato la centrale di emergenza e ha spiegato che delle persone lo inseguivano. Al 118 di Glatttalstrasse gli agenti intervenuti hanno trovato un uomo di 32 anni gravemente ferito. È stato portato d’urgenza in ospedale con lesioni da arma da fuoco alla parte superiore del corpo», si legge nel comunicato.

Vista da alcuni testimoni oculari sentiti da 20 Minuten, la scena appare altrettanto surreale. Uno di loro, che dal balcone di casa sua ha visto tre uomini inseguire il 32enne lungo una via che conduce alla Glatttalstrasse, racconta: «Quando l’hanno raggiunto gli hanno urlato di stendersi a terra. Poi quello più grasso tra loro gli ha sparato 3-4 volte con una piccola pistola».

A quel punto, l’uomo colpito è corso via nuovamente, sempre tallonato dai suoi inseguitori. L'osservatore che li guardava dal balcone, però, li ha persi di vista: «Sono scioccato che a Zurigo in una domenica pomeriggio qualsiasi possa succedere una cosa del genere - confessa -. Poco dopo è passata di lì una famiglia con un passeggino».

J.H.*, che al momento dell’agguato si trovava nella veranda di casa sua, ammette di aver pensato a dei petardi quando ha sentito «tre» deflagrazione. Solo alle 16.30, quando ha notato il grande intervento di polizia che era scattato, ha capito che era successo «qualcosa di grosso». Un’altra testimone che vive nella stessa strada rievoca: «Stavo in piedi davanti alla finestra in cucina quando ho visto un giovane correre verso la stazione». L’uomo aveva circa 20 anni, era calvo e portava un bomber. «Eravamo al parco su una panchina a rilassarci con degli amici - racconta dal canto suo Mike Enzler, un 19enne del quartiere -. D'improvviso, abbiamo sentito tre spari e abbiamo visto lo sparatore correre verso la fermata dell'autobus. Si sono sentiti altri tre colpi e poi ancora tre». 

La polizia ha fatto sapere che il 32enne ferito è un cittadino tedesco. Le autorità invitano eventuali testimoni che alle 15 di domenica si trovassero nei pressi della fermata dell’autobus all’incrocio tra la Leimgrübelstrasse e la Glatttalstrasse a Seebach ad annunciarsi.

*Nome noto alla redazione

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Svizzera
BASILEA CAMPAGNA
7 ore
Studentessa covid-positiva, 109 persone messe in quarantena
È successo ad Arlesheim, a casa tutta la classe e anche i partecipanti a una festa del locale centro giovani
SVIZZERA
9 ore
Il clima ha avvicinato i giovani alla politica?
La questione climatica è diventata un tema di grande importanza per i giovani, nonostante la politica sia poco seguita
ZURIGO
9 ore
Condannato per l'omicidio della moglie, in seconda istanza il tribunale lo assolve
La donna uccisa nel 2009 a colpi di pistola aveva una relazione extraconiugale, per il giudice però mancano le prove
SVIZZERA
11 ore
Christine Lévy sarà (anche) “Miss. Corona”
La nuova direttrice dell'UFSP da ottobre guiderà ad interim la Task Force per il coronavirus
SVIZZERA
12 ore
Pochi medici di famiglia fino al 2030, poi c'è ottimismo
Lo sostiene l'Associazione Medici di famiglia e dell'infanzia Svizzera (mfe)
SVIZZERA
13 ore
«Ora tocca a voi!»
La campagna dell'Ufficio federale della sanità pubblica è indirizzata a tutti ma in particolare ai giovani
SVIZZERA
13 ore
Per Migros sarà un anno da record
Più attenzione ai piccoli negozi con la pandemia: «Se la gente lavora di più a casa, farà acquisti dietro l'angolo»
ZURIGO
14 ore
Tre Pink Panther in gabbia
Condanne tra cinque e sette anni e mezzo di prigione per tre presunti membri della banda balcanica di rapinatori.
ZURIGO
15 ore
Non metti tua figlia in quarantena? Arriva la polizia
Gli agenti hanno suonato il campanello alle 21.25 e hanno consegnato al padre la lettera del medico cantonale
SVIZZERA
17 ore
Gli Stati danno ragione a Marina Carobbio: «Servono più medici»
Con una maggioranza risicata la Camera alta ha accolto una mozione della senatrice socialista.
Copyright ©2020 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile