Depositphotos (photographee.eu)
SVIZZERA
05.12.19 - 11:030
Aggiornamento : 13:36

Avs, salute e stranieri: queste le preoccupazioni degli svizzeri

Evidenziate dall'annuale "Barometro delle apprensioni" di Credit Suisse, l'esperto: «Dalla politica ci si aspettano soluzioni»

di Redazione
Ats

BERNA  - La previdenza per la vecchiaia rimane la preoccupazione numero uno degli svizzeri, davanti ai costi della sanità e al tema degli stranieri. Al quarto posto si colloca la protezione dell'ambiente, stando al "Barometro delle apprensioni" 2019 pubblicato da Credit Suisse, che evidenzia inoltre un calo della fiducia nelle istituzioni.

Per quanto riguarda l'ordine delle tre principali preoccupazioni (citate rispettivamente dal 47%, 41% e 30% degli intervistati) non si registrano variazioni, mentre la tematica ambientale (29%) si affaccia ai primi posti della classifica per effetto della presenza nei media del dibattito sui cambiamenti climatici. Al quinto posto nel barometro si situa la disoccupazione (26%) e al sesto la sicurezza personale (23%).

«Come l'anno scorso, le due principali preoccupazioni del Paese riguardano temi concreti di attualità interna, per i quali ci si aspetta che la politica trovi soluzioni», spiega Lukas Golder, condirettore dell'istituto gfs.bern che ha svolto il sondaggio per conto di Credit Suisse. L'elettorato ha però l'impressione che «ciò non avvenga» e si registra quindi «una disaffezione».

«Il calo della fiducia negli attori politici - il 46% ritiene che falliscano spesso in merito a questioni decisive - va probabilmente ricondotto alla portata delle sfide irrisolte», afferma Golder citato in un comunicato.

Una netta maggioranza degli intervistati «auspica un Consiglio federale che svolga meglio il suo ruolo guida». Vuole inoltre un parlamento che «raggiunga compromessi accettabili» e rivendica «sufficiente margine di manovra per l'economia, ritenuta in grado di trovare soluzioni concrete».

La fiducia riposta dagli svizzeri nel loro esecutivo politico rimane comunque superiore alla media registrata all'estero. Il 51% si fida del Consiglio federale, mentre la fiducia nei governi nazionali dei Paesi dell’OCSE si attesta al 43,4%.

Il barometro rileva peraltro che gli intervistati valutano in modo molto positivo le innovazioni tecnologiche, soprattutto in termini di miglioramento delle opportunità sul mercato del lavoro.

Quanto al tanto discusso timore di un'imminente perdita di impieghi a causa della digitalizzazione, solo il 10% ritiene probabile che nei prossimi cinque anni il proprio lavoro possa essere automatizzato a causa dell'impiego di un robot, di nuove tecnologie o di un software intelligente. Il 92% definisce inoltre la propria situazione economica come «discreta», «buona», o addirittura «molto buona».

Il sondaggio è stato svolto dal 10 luglio al 5 agosto su un campione rappresentativo di 2'495 persone. 

Commenti
 
ATTENZIONE: a causa dell’elevato numero di commenti sui blog e alla difficoltà della redazione di monitorarli, abbiamo attivato un filtro automatico.
La libertà di espressione deve essere garantita da un comportamento civile e rispettoso di ciascun utente.
Chiunque scriverà offese o frasi irrispettose verrà automaticamente bannato con la conseguente cancellazione dell’account.
TOP NEWS Svizzera
BERNA
49 min
La “variante inglese” mette un'altra scuola in quarantena
Martedì inizierà la formazione a distanza per i 350 allievi di Wangen an der Aare
SVIZZERA
5 ore
Covid detector in aeroporto: perché non con i cani
I risultati non sarebbero ancora sufficienti per permettere l'addestramento e l'impiego su larga scala
BASILEA CAMPAGNA
8 ore
Auto fuori strada, 18enne in ospedale
Le altre due persone presenti nell'auto hanno riportato solo ferite lievi
SVIZZERA
8 ore
La seconda ondata ha "steso" un giovane su tre
Depressione e stress in aumento tra gli svizzeri dai 14 ai 24 anni. Lo dice uno studio dell'Università di Basilea
SVIZZERA
11 ore
Berset ai ferri corti con Chiesa
Il ticinese e il consigliere federale si sono incontrati per un chiarimento. Ma le posizioni restano «inconciliabili»
BERNA
13 ore
Coronavirus: più controlli alle frontiere e più test
Sono alcune delle previsioni in merito alle decisioni di mercoledì del Consiglio federale.
FOTO
SVIZZERA
13 ore
Oggi il suffragio femminile a livello federale compie 50 anni
Ed è impossibile non domandarsi: come mai così tardi? Ma ci sono cantoni che l'hanno introdotto prima e altri dopo
SVIZZERA / ITALIA
1 gior
I figli alla scuola privata di Zurigo, ma vogliono le norme italiane
Un gruppo di genitori si è rivolto a Repubblica per denunciare l'applicazione delle misure del Cantone anziché del Dpcm
FOTO
VALLESE
1 gior
Si stacca una valanga sopra Nendaz: un morto e un ferito
La grossa slavina ha travolto una guida alpina e uno dei suoi clienti. Stavano sciando fuori-pista.
FOTO
BERNA
1 gior
Corona-scettici scacciati dalla polizia
Un centinaio di persone si è ritrovato su Piazza federale per protestare contro le misure imposte dal Governo.
Copyright ©2021 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile