Protezione svizzera della criminalità
ZURIGO
19.11.19 - 19:000

La campagna shock della Polizia contro i video vietati sugli smartphone

Sono tantissimi i giovani svizzeri che hanno clip di violenza o porno estremo sui loro smartphone, le autorità: «È illegale, cancellateli»

di Redazione
TAM/RED

ZURIGO - L'allarme è scattato in seguito a una rissa fra due bande di giovani avvenuta a Winterthur (ZH) lo scorso luglio, gli investigatori avevano trovato sui cellulari sequestrati ai ragazzi diversi video violenti estremi, tra i quali anche quelli di una decapitazione.

Non è un caso isolato né tantomeno raro, conferma un recente rapporto della Procura di Zurigo che lamenta un aumento di possesso di video e immagini violente così come porno estremi e illegali (soprattutto di sesso con animali) sui telefoni di ragazzi minorenni. Molti, infatti, non sanno che si tratta di materiale illegale e il possesso e condivisione è punibile per legge.

«Si diffondono rapidamente fra i ragazzi proprio perché non sanno che è una cosa che non si può fare», conferma il portavoce della polizia cittadina di Winterthur, «per loro non è altro che un brivido o una risata ma in realtà è un comportamento penalmente perseguibile».

Per questo le autorità zurighesi, in collaborazione con la Prevenzione svizzera della criminalità (Psc), ha realizzato dei video-shock per sensibilizzare sull'argomento: «È stata una sfida per noi, riuscire a rimanere abbastanza espliciti da colpire e far arrivare il messaggio senza però mostrare nulla», conferma Feubli. Per questo sono stati registrati anche i domini www.porno-con-animali.ch e www.video-violenti.ch.

Feubli ha anche un consiglio per chi, quei filmati, sullo smartphone ce li ha: «Cancellateli e non condivideteli con nessuno, poi contattate i vostri genitori, gli insegnanti e la polizia».

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Svizzera
BERNA
LIVE
«Non vogliamo un lockdown. Ma dobbiamo rallentare»
Alain Berset e Lukas Engelberger spiegano i prossimi passi per contrastare l'epidemia di coronavirus
SVIZZERA
1 ora
Numeri raddoppiati in una settimana
Tra il 12 e il 18 ottobre sono state annunciate 19'478 nuove infezioni. La settimana prima erano 8749.
SVIZZERA
2 ore
Un bollettino giornaliero simile a quello di ieri
Nel nostro Paese sono stati effettuati 26'537 tamponi in un giorno. Il 19,8% ha dato esito positivo.
SVIZZERA
2 ore
Qual è l'impatto del virus sul personale sanitario?
Amnesty International chieda che venga effettuata un indagine. Nel mondo 7'000 professionisti hanno pagato con la salute
SVIZZERA
4 ore
Quasi il 20% degli occupati lascia il proprio impiego
I dati raccolti tra il 2018 e il 2019 mostrano che sono soprattutto i giovani a cambiare lavoro
GERMANIA / SVIZZERA
4 ore
La Germania mette l'intera Svizzera sulla "lista nera"
Anche l'Austria, la Polonia e l'Irlanda sono diventate zone a rischio, secondo il Robert Koch Institut
SVIZZERA / STATI UNITI
4 ore
Una terapia orale per curare (e prevenire) il Covid
La cura (AT-527) è attualmente in fase 2 di sviluppo. La fase 3 dei trial inizierà nel primo trimestre 2021
SVIZZERA
5 ore
Sika: in calo le vendite e la redditività
L'utile netto ha però superato le previsioni degli analisti
SVIZZERA
5 ore
Coronavirus: prolungato l'obbligo di servizio in protezione civile
I militi dovranno prestare servizio per 14 anni, invece che 12, per avere personale sufficiente a combattere la pandemia
SVIZZERA
6 ore
«Attraversare l'inverno senza perdere il controllo sul virus»
Per il virologo della task force Volker Thiel, i Cantoni dovrebbero ridurre al massimo le opportunità di contatto
Copyright ©2020 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile