Protezione svizzera della criminalità
ZURIGO
19.11.19 - 19:000

La campagna shock della Polizia contro i video vietati sugli smartphone

Sono tantissimi i giovani svizzeri che hanno clip di violenza o porno estremo sui loro smartphone, le autorità: «È illegale, cancellateli»

di Redazione
TAM/RED

ZURIGO - L'allarme è scattato in seguito a una rissa fra due bande di giovani avvenuta a Winterthur (ZH) lo scorso luglio, gli investigatori avevano trovato sui cellulari sequestrati ai ragazzi diversi video violenti estremi, tra i quali anche quelli di una decapitazione.

Non è un caso isolato né tantomeno raro, conferma un recente rapporto della Procura di Zurigo che lamenta un aumento di possesso di video e immagini violente così come porno estremi e illegali (soprattutto di sesso con animali) sui telefoni di ragazzi minorenni. Molti, infatti, non sanno che si tratta di materiale illegale e il possesso e condivisione è punibile per legge.

«Si diffondono rapidamente fra i ragazzi proprio perché non sanno che è una cosa che non si può fare», conferma il portavoce della polizia cittadina di Winterthur, «per loro non è altro che un brivido o una risata ma in realtà è un comportamento penalmente perseguibile».

Per questo le autorità zurighesi, in collaborazione con la Prevenzione svizzera della criminalità (Psc), ha realizzato dei video-shock per sensibilizzare sull'argomento: «È stata una sfida per noi, riuscire a rimanere abbastanza espliciti da colpire e far arrivare il messaggio senza però mostrare nulla», conferma Feubli. Per questo sono stati registrati anche i domini www.porno-con-animali.ch e www.video-violenti.ch.

Feubli ha anche un consiglio per chi, quei filmati, sullo smartphone ce li ha: «Cancellateli e non condivideteli con nessuno, poi contattate i vostri genitori, gli insegnanti e la polizia».

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Svizzera
SVIZZERA
1 ora
Credit Suisse: a rischio centinaia di posti di lavoro
Lo afferma la SonntagsZeitung, secondo la quale ci sarebbero dei piani di riduzione dei costi
SVIZZERA ROMANDA
4 ore
Boom di false petizioni, la polizia mette in guardia
Finti non udenti, ma non solo. Cambiano i "beneficiari", ma la sostanza resta la stessa.
SVIZZERA
5 ore
Passi avanti... in Borsa
La società zurighese punta per l'anno prossimo a una quotazione dal valore di circa 2 miliardi di franchi.
GRIGIONI
6 ore
Esce di strada e viene sbalzato dall'abitacolo: morto un anziano
Il corpo è stato ritrovato ieri pomeriggio dal figlio nei pressi di un maggengo sopra Seewis.
BERNA
6 ore
I positivi tornano sotto i 100
Resta fortunatamente invariato il numero dei decessi.
SVIZZERA
8 ore
I pesticidi finiscono anche nell'Evian
Diversi ricercatori hanno trovato residui di clorotalonil nella famosa acqua minerale.
FOTO
SVIZZERA / BULGARIA
9 ore
La cella invece del mare greco
Un giovane vacanziero è stato bloccato all'aeroporto di Sofia perché il suo passaporto era scaduto da due settimane.
BERNA
9 ore
Scandalo pedinamenti: la polizia zurighese ha commesso negligenze
Gli investigatori coinvolti nella vicenda non sarebbero stati sentiti in maniera adeguata, secondo il TF.
SVIZZERA
10 ore
Criminalità sul web: Google sempre più chiamata in causa
La Fedpol e i Cantoni hanno inoltrato ben 1'097 richieste d'informazioni per ottenere dati di utenti svizzeri nel 2019.
CAPO VERDE
1 gior
Bloccata da 4 mesi a Capo Verde: «Riportatemi in Svizzera»
Una 50enne di Svitto era partita a marzo per due settimane di vacanza e relax. E invece sta vivendo un incubo
Copyright ©2020 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile