Keystone - foto d'archivio
SVIZZERA
15.11.19 - 14:240

Nessun "effetto Greta", gli svizzeri volano in vacanza

Kuoni, Hotelplan, ITS Coop Travel e Knecht Reisen confermano il trend. E sono ancora molto poche le compensazioni di CO2 tramite Myclimate

di Redazione
ats awp

ZURIGO - Il desiderio di trascorrere alcuni giorni al caldo per sfuggire all'inverno prevale finora sugli appelli a favore del clima dell'attivista Greta Thunberg. Gli operatori turistici svizzeri, contattati dall'agenzia AWP, non hanno finora rilevato alcun "effetto Greta" sulle prenotazioni di coloro che intendono andare in vacanza spostandosi in aereo.

Più treno, ma non meno aereo - «L'uno o l'altro cliente può forse rinunciare a volare optando per il treno», ha affermato Karin Markwalder di Der Touristik Suisse di Kuoni. Tuttavia, ha aggiunto, benché le prenotazioni con Railtour, lo specialista dei viaggi in treno, stiano crescendo, non si nota un fuggi fuggi generale dall'aereo quale mezzo si trasporto. In ogni caso, ha aggiunto, c'è stato un leggero aumento della compensazione di CO2 tramite Myclimate. Ora raggiungono circa il 12% di tutte le prenotazioni tramite agenzie di viaggio e su internet, ha spiegato.

Poche compensazioni CO2 - Hotelplan Suisse ha sottolineato che nell'anno fiscale appena conclusosi, il 28% dei clienti delle agenzie di viaggio ha pagato una compensazione CO2 per il volo utilizzando Myclimate. L'anno scorso era stato solo il 25% dei viaggiatori a farlo. A detta di Daniel Bühlmann, responsabile operativo, questa tendenza al rialzo dovrebbe continuare. Ciò vale però solo per i clienti che si rivolgono alle agenzie di viaggio. Per le prenotazioni online, solo l'1% dei clienti compensa le proprie emissioni, ha affermato ad AWP Nicole Pfammatter di Hotelplan: «Molti clienti dicono che compenseranno i loro voli, ma in effetti non lo fanno». Molti approfittano del fatto che la prenotazione online è anonima. «È diverso invece quando ci si siede di fronte a una persona in carne ed ossa negli uffici di un'agenzia di viaggio».

Le prenotazioni non calano - La pensa così anche Andreas Restle, direttore di ITS Coop Travel: «Consigliamo ai clienti di compensare le loro emissioni di CO2 con Myclimate. Tuttavia, non sempre alle parole seguono i fatti». Presso ITS Coop Travel non è ancora possibile fornire cifre sui clienti che compensano, ma in futuro verranno eseguite delle statistiche, ha promesso Restle. Ad ogni modo, anche per Restle non si nota un calo delle prenotazioni dovuto all'"effetto Greta". Si tratta solo di uno dei numerosi fattori che influenzano i nostri affari, ha spiegato il manager.

Greta non convince - Nemmeno presso Knecht Reisen è stato rilevato un "effetto Greta". È possibile che «l'uno o l'altro» cliente scelga di trascorrere le ferie in Svizzera. Ma tale scelta potrebbe essere condizionata principalmente dalle condizioni atmosferiche. «Non ho la sensazione che Greta abbia indotto i clienti a cambiare idea», ha aggiunto Marcel Bürgin della Knecht. Sempre secondo Bürgin, le compensazioni sono cresciute presso le filiali, come Eurobus, dove la metà dei viaggiatori si fa convincere in tal senso. Ma per quanto riguarda le compensazioni online, al momento non si nota nulla.

Commenti
 
nordico 2 mesi fa su tio
Chi si è fatto infinocchiare da Greta è il Consiglio Federale quando, qualche settimana fa, ha emanato una nuova tassa sui voli in aereo e un'altra sul clima. Questa nuove tasse non faranno assolutamente nulla per il clima, ma serviranno a rastrellare altri milioni per foraggiare gruppi di interesse.
Wunder-Baum 2 mesi fa su tio
@nordico Volare oh, oh Cantare oh, oh Nel blu dipinto di blu
Nmemo 2 mesi fa su tio
È la limpida dimostrazione che le tasse in più non dissuadono chi sempre potrà permettersi il viaggio in aereo, in crociera, in suv. Ma anche lo scorrazzare di motorini truccati e puzzolenti non è diminuito. Il gran “battage” è servito ai Verdi per accaparrare poltrone e per rivendicarne altre ancora più di prestigio. E le sovrattasse a fare cassetta.
Pongo 2 mesi fa su tio
ma esiste davvero qualcuno che si fa influenzare da sta Greta? Manco fosse Gesù cristo
Bayron 2 mesi fa su tio
Non tutti sono Gretini....
Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Svizzera
FOTO
BASILEA CITTÀ
2 ore
«Smettere di combattere? Per me non è un'opzione»
Arnaud, un 18enne basilese, sta affrontando con grande coraggio la recidiva di un tumore al cervello. E nonostante le radiazioni non rinuncia ad andare a scuola
SVIZZERA
4 ore
Greta contro il WEF (su Twitter): «Non l'ho mai detto»
La giovane attivista contro il canale social ufficiale del Forum economico mondiale
GRIGIONI
11 ore
Sommaruga parla del clima, ma Trump è poco convinto
La presidente della Confederazione annuncia di voler affrontare la questione del riscaldamento globale. E l’espressione del presidente USA cambia
SVIZZERA
13 ore
«Due jumbo jet per confondere gli attentatori»
Per quale motivo il presidente americano Trump è arrivato a Zurigo con due Boeing 747-200B identici? La parola all’esperto di aviazione
GRIGIONI
13 ore
Trump: «Abbiamo fiducia al 100% nella Svizzera»
L'odierno incontro tra il presidente USA e la delegazione elvetica è durato una cinquantina di minuti. Sommaruga: «Abbiamo avuto una discussione molto aperta»
FOTO
SVIZZERA
16 ore
Babbo Natale (o Gesù Bambino) più indaffarato che mai
Letterine e disegni, ma anche ciucci e lavoretti. Tra novembre e Natale il numero di invii ha superato per la prima volta quota 30'000
GRIGIONI
18 ore
«La nostra casa è in fiamme. Agite per i vostri figli»
Greta Thunberg ha lanciato l'ennesimo monito sul cambiamento climatico dal palco del WEF
FOTO E VIDEO
BERNA
19 ore
Rogo alla Vigilia di Natale: «Difetto tecnico o candela accesa?»
Le cause dell'incendio che a dicembre ha devastato la chiesa di Herzogenbuchsee non sono ancora state chiarite. I danni ammontano a diversi milioni di franchi
SVIZZERA
21 ore
«L'America sta vincendo di nuovo, come mai prima»
Donald Trump, intervenuto al WEF di Davos, ha sottolineato come fra i meriti della sua amministrazione ci sia il più basso tasso di disoccupazione di sempre
SVIZZERA
22 ore
Sommaruga: «Il mondo sta bruciando»
Sono state queste le prime parole della Presidente della Confederazione nel suo discorso di apertura della 50esima edizione del WEF
Copyright ©2020 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile