Keystone (archivio)
SVIZZERA
14.11.19 - 10:580

Aumentano le domande d'asilo ad ottobre

Lo scorso mese ne sono state presentate 1'273, ovvero 76 in più rispetto a settembre. La maggior parte di loro proviene da Eritrea, Afghanistan, Turchia, Siria e Algeria

di Redazione
ats

BERNA - In ottobre le domande di asilo presentate in Svizzera sono state 1'273, ossia 76 (+6%) in più rispetto al mese precedente, indica oggi in una nota la Segreteria di Stato della migrazione (SEM). In confronto al mese di ottobre del 2018, le richieste sono invece calate del 12%.

Nel mese scorso i principali Paesi di provenienza dei richiedenti restavano l'Eritrea (237 domande) e l'Afghanistan (146). Seguono la Turchia (110 domande), la Siria (89) e l'Algeria (74 domande).

In ottobre la SEM ha trattato in prima istanza 1748 domande. In 273 casi ha pronunciato una decisione di non entrata nel merito (in 233 casi in virtù dell'Accordo di Dublino), in 573 ha concesso l'asilo e in altri 502 l'ammissione provvisoria. Il numero di casi in giacenza è calato di 350 unità rispetto a settembre, attestandosi a 9'152.

Sempre in ottobre, 483 persone sono state rinviate dalla Svizzera. Berna ha chiesto ad altri Stati Dublino di accogliere 438 persone e ha ricevuto 478 domande di presa in carico in base all'accordo. Globalmente dall'inizio dell'anno 1483 persone sono state trasferite in uno Stato Dublino, mentre alla Confederazione sono stati attribuiti 980 richiedenti asilo.

Dall'inizio dell'anno 442 persone (di cui 68 in ottobre) sono giunte in Svizzera nell'ambito del programma di accoglienza di persone particolarmente vulnerabili, provenienti soprattutto dalla regione del conflitto siriano. La Confederazione si è impegnata ad accogliere 800 profughi nell'ambito del reinsediamento promosso dall'Alto commissariato delle Nazioni Unite per i rifugiati.

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Svizzera
SVIZZERA
7 ore
Comprato per 8,90 franchi, venduto per 37'500 franchi
C'è sempre tantissimo interesse per la novità messa in circolazione dalla Posta Svizzera, ma qualcuno storce il naso
SVIZZERA
14 ore
Il vaccino sarà più caro
Le casse malati dovranno pagare 25 franchi a dose contro i 5 attuali. Per gli assicurati sarà comunque ancora gratuito.
SVIZZERA
14 ore
Un altro effetto del coronavirus: la rabbia
La pandemia ha reso molte persone più aggressive. A farne le spese è spesso chi lavora in campo medico o nei trasporti.
SVIZZERA
15 ore
Subaffitti: impedire gli abusi
Posti in consultazione tre progetti che riguardano le locazioni. Le reazioni di proprietari e inquilini però divergono.
SVIZZERA
16 ore
Attivista no vax rifiuta di pagare le tasse
Dopo il sì alla Legge Covid, Daniel Trappitsch non intende versare altri contributi.
ARGOVIA
19 ore
Hanno dovuto scegliere chi ricoverare
Il primo caso alla clinica Hirslanden di Aarau, dove metà del reparto è occupato da pazienti Covid.
ARGOVIA
19 ore
Incendio in un appartamento, morta una donna
Il rogo è divampato ieri sera in una casa plurifamiliare a Döttingen. Ancora ignote le cause.
SVIZZERA
22 ore
Più divieti per i non vaccinati: «È un'opzione»
Le parole di Lukas Engelberger. E su un eventuale obbligo vaccinale: «Pericoloso per il rapporto tra Stato e cittadini»
SVIZZERA
22 ore
«Misure incoerenti. Svizzeri discriminati rispetto ai frontalieri»
Viaggi, vaccini e terze dosi. Lorenzo Quadri interpella il Consiglio federale sulle decisioni annunciate venerdì
SVIZZERA
22 ore
La presidenza ci mostrerà un nuovo Ignazio Cassis?
Ne è convinto l'amico Fulvio Pelli in attesa della data storica (per il Ticino) dell'8 dicembre
Copyright ©2021 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile