Keystone (archivio)
Il consigliere di Stato Thierry Apothéloz è soddisfatto.
GINEVRA
11.11.19 - 19:340

Prevenzione contro la radicalizzazione: «Bilancio positivo»

Il programma socioeducativo lanciato nel giugno del 2016 ha gestito 126 casi, la maggior parte dei quali legati all'islamismo. Apotheloz: «Lo Stato Islamico sembra morto, ma dobbiamo rimanere attenti»

GINEVRA - Il canton Ginevra traccia un bilancio positivo del dispositivo di prevenzione della radicalizzazione religiosa e politica: lanciato nel giugno 2016, ha gestito 126 casi, legati principalmente all'islamismo.

Il programma socio-educativo "Gardez le lien" è stato il primo in Romandia e il terzo in Svizzera, ha ricordato oggi in una conferenza stampa il consigliere di Stato Thierry Apothéloz (PS), responsabile del Dipartimento della coesione sociale.

La piattaforma permette a parenti o organizzazioni pubbliche e private che nutrono preoccupazioni riguardo alla radicalizzazione di una persona di ottenere consulenza e supporto da professionisti che lavorano in rete. «Le situazioni sono analizzate caso per caso, per un sostegno personalizzato», ha spiegato Apothéloz. A suo avviso il il dispositivo è servito anche a disinnescare le paure.

Negli oltre tre anni dalla sua attivazione la piattaforma è stata attivata 74 volte per telefono e 24 volte attraverso il suo sito web; inoltre istituzioni quali scuole, polizia e assistenti sociali hanno segnalato 28 situazioni. Dei 101 casi indagati, 85 riguardavano preoccupazioni relative all'Islam radicale e 2 altri tipi di estremismo religioso; 14 erano legati a estremismo politico, di destra o di sinistra.

Il 10% dei dossier è stato trasmesso alla forze dell'ordine. «La polizia può invitare una persona a un colloquio preventivo per farle sapere che si sta pensando a lei», ha detto André Duvillard, delegato della Rete integrata Svizzera per la sicurezza.

Il sistema ha ancora la sua ragion d'essere. «Lo Stato islamico dà l'impressione di essere morto, ma dobbiamo rimanere attenti», ha messo in guardia Duvillard. È stata per esempio evocata la questione dei rimpatri di persone che sono state nelle zone un tempo controllate dall'Isis.

Commenti
 
ATTENZIONE: a causa dell’elevato numero di commenti sui blog e alla difficoltà della redazione di monitorarli, abbiamo attivato un filtro automatico.
La libertà di espressione deve essere garantita da un comportamento civile e rispettoso di ciascun utente.
Chiunque scriverà offese o frasi irrispettose verrà automaticamente bannato con la conseguente cancellazione dell’account.
Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Svizzera
SVIZZERA
10 ore
Credit Suisse: a rischio centinaia di posti di lavoro
Lo afferma la SonntagsZeitung, secondo la quale ci sarebbero dei piani di riduzione dei costi
SVIZZERA ROMANDA
14 ore
Boom di false petizioni, la polizia mette in guardia
Finti non udenti, ma non solo. Cambiano i "beneficiari", ma la sostanza resta la stessa.
SVIZZERA
15 ore
Passi avanti... in Borsa
La società zurighese punta per l'anno prossimo a una quotazione dal valore di circa 2 miliardi di franchi.
GRIGIONI
16 ore
Esce di strada e viene sbalzato dall'abitacolo: morto un anziano
Il corpo è stato ritrovato ieri pomeriggio dal figlio nei pressi di un maggengo sopra Seewis.
BERNA
16 ore
I positivi tornano sotto i 100
Resta fortunatamente invariato il numero dei decessi.
SVIZZERA
18 ore
I pesticidi finiscono anche nell'Evian
Diversi ricercatori hanno trovato residui di clorotalonil nella famosa acqua minerale.
FOTO
SVIZZERA / BULGARIA
18 ore
La cella invece del mare greco
Un giovane vacanziero è stato bloccato all'aeroporto di Sofia perché il suo passaporto era scaduto da due settimane.
BERNA
19 ore
Scandalo pedinamenti: la polizia zurighese ha commesso negligenze
Gli investigatori coinvolti nella vicenda non sarebbero stati sentiti in maniera adeguata, secondo il TF.
SVIZZERA
20 ore
Criminalità sul web: Google sempre più chiamata in causa
La Fedpol e i Cantoni hanno inoltrato ben 1'097 richieste d'informazioni per ottenere dati di utenti svizzeri nel 2019.
CAPO VERDE
1 gior
Bloccata da 4 mesi a Capo Verde: «Riportatemi in Svizzera»
Una 50enne di Svitto era partita a marzo per due settimane di vacanza e relax. E invece sta vivendo un incubo
Copyright ©2020 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile