Keystone
ZURIGO
12.11.19 - 06:050
Aggiornamento : 07:33

5G: la maggioranza della popolazione vorrebbe fosse fermato

Secondo un sondaggio Tamedia, più della metà degli intervistati è contro una copertura a tappeto. A trarne vantaggio, sostengono, sarebbero le grandi aziende

ZURIGO - La nuova rete 5G continua a espandersi in Svizzera. Come mostrano i dati diffusi dalla Confederazione, in tutto il Paese sono già spuntate 560 antenne. La popolazione, però, appare contraria a questa evoluzione.

Come rivela un sondaggio nazionale condotto da tio/20 minuti (v. box), infatti, il 54% degli intervistati non vuole una copertura 5G a tappeto. Una moratoria su questa tecnologia, invece, sarebbe sostenuta dal 53% dei partecipanti. Il 58% è poi dell’avviso che il 5G nuoccia alla salute. La differenza tra uomini e donne, tuttavia, è grande. Il 62% degli uomini auspica infatti un ampliamento della rete 5G. Tra le donne, tale dato si ferma al 19%.

Secondo i partecipanti, questa rete andrà principalmente a vantaggio delle aziende di telecomunicazioni e dell’economia e solo dopo degli utenti privati. Secondo Christian Grasser, direttore dell’Associazione svizzera delle telecomunicazioni (Asut), ora tocca al suo settore informare e spiegare meglio: «Con il 5G non sussistono nuovi rischi», assicura. Tale tecnologia è semplicemente «diventata un simbolo per tanti  dubbi e preoccupazioni, dalla salute alla perdita del lavoro, alla sorveglianza». 

«La popolazione è sensibile», sottolinea dal canto suo il direttore di Medici per l’ambiente, Martin Forter. Per lui, non è una sorpresa che il 5G venga collegato al cancro: «Secondo l’Organizzazione mondiale della sanità, le onde elettromagnetiche sono possibilmente cancerogene», afferma. La sua associazione intende schierarsi contro qualsiasi abbassamento diretto o indiretto dei limiti di legge.

Il sondaggio
Tamedia svolge regolarmente vasti sondaggi in collaborazione con la società LeeWas. I dati vengono modellati in base a variabili demografiche, geografiche e politiche. A questa rivelazione hanno preso parte 12 847 persone tra il 31 luglio e il 1° agosto.

Commenti
 
ATTENZIONE: a causa dell’elevato numero di commenti sui blog e alla difficoltà della redazione di monitorarli, abbiamo attivato un filtro automatico.
La libertà di espressione deve essere garantita da un comportamento civile e rispettoso di ciascun utente.
Chiunque scriverà offese o frasi irrispettose verrà automaticamente bannato con la conseguente cancellazione dell’account.
vulpus 11 mesi fa su tio
La soluzione è semplice: rinunciate al cellulare, e poi vedrete che 2G,3G,4G,5G, diverrà tutto inutile. Ricordate di notte di non tenerlo sul comodino......
spank77 11 mesi fa su tio
@vulpus La mia generazione ha avuto il primo cellulare a costo accessibile alla fine degli anni 90....fino ad allora ci si divertiva, ci si incontrava, si viaggiava...anche senza. Adesso premetto che lo uso...ma senza esagerare. Basta un attimo per diventarne schiavi.
moma 11 mesi fa su tio
Il 5G arriverà senza problemi. Trattasi di businnes e nulla più. Logico. Inutile, lo ripeto da anni, del clima, dell'ambiente, dell'inquinamento l'essere umano se ne fa un baffo. Il profitto, il guadagno, il PIL e roba del genere, questo oggi conta. Il resto è nulla. Chi fermerà la musica, cantavano i pooh, chi fermerà l'economia si potrebbe cantare. Nessuno, come disse Ulisse.
F.Netri 11 mesi fa su tio
Visto il successo elettorale avuto da questi ecologisti invasati, lo Stato dovrebbe mettere a disposizione a questi invasati dei terreni discosti, dove possano fondare e costruire delle comuni autonome e dove possano vivere secondo la loro religione. Ovviamente, i terreni dovranno essere rigorosamente cintati e dotati di Check Point per il controllo degli invasati in uscita.
Lore62 11 mesi fa su tio
Hihi....qui stanno ancora litigando per il 5G, quando la Cina sta già lavorando a ritmi elevati per il 6G... XD
gilles 11 mesi fa su tio
Ma fatevi meno seghe (mentali e non) e se non vi sta bene il mondo attuale lasciatelo di vostra spontanea volontà mamma mia che poi magari siete i primi a fumare e a pesare sui costi della salute di tutti. Fate ridere
Corri 11 mesi fa su tio
Come può dedurre il signor Gasser che non c’è pericolo sulla popolazione se non ci sono stati fatti studi neutrali? Che non mi vengono a spiegare di aver fatto dei studi da loro, perché non ci crederei, oggi la popolazione e cosciente del fatto che si da bustarelle sotto tavolo per indurci alla falsità. Si dovrebbe multare salatissimo sia una che l’altro per la falsità dei dati. Qualche mese fa, la trasmissione di Patti Chiari a fatto un indagine, filmato una società di ricerca sul caso delle antenne, dimostrando la pericolosità di queste, che provocano il cancro sul lungo andare. Il discorso è: non si vede subito !!! Ci si accorge dopo diversi mesi o anni, per cui loro si coprono su questo.
Macjack 11 mesi fa su tio
@Corri Lei fuma?
Nazgul 11 mesi fa su tio
@Corri Non esistono studi che dimostrano la pericolosità delle radiazioni non ionizzanti (come quelle del 5G), e ne sono stati fatti a migliaia. Non conta chi fa uno studio o chi lo paga, conta solo com'é fatto e se supera la peer-review.
klich69 11 mesi fa su tio
@Corri La China studia già il 6G, la storia del 5G che nocivo è fantascienza solamente perché europa in primis e usa sono rimasti in dietro tecnologicamente rispetto l’oriente nascente e forte come da tanto tempo ha insegnato.
ni_na 11 mesi fa su tio
@Macjack Per cortesia, ma ha idea di che strada e stata percorsa con il tabacco, prima per dimostrare che fosse nocivo, poi per avvisare i consumatori sui pacchetti delle schifezze contenute. E ancora, dopo tutto ciò, resta una scelta, a differenza di una rete imposta a tutti, 24h/24
Macjack 11 mesi fa su tio
@ni_na le onde elettromagnetiche non hanno cambiato la loro forma e sostanza da quando è nata la radio. Quindi mi chiedo cosa sia tutta questa isteria che sta nascendo attorno al 5G. Le chiedevo se fumava perché secondo l’OMS (non pincopallino qualunque) definisce le sigarette come una causa probabile di tumore, mentre le onde EM no (compreso il 5G). Viene tenuto contro chiaramente che le onde le si subisce 24h al giorno, ma qui si parla di dosi che non sono comparabili alla nocività di una singola sigaretta. Quindi sarebbe un po’ un’incoerenza demonizzare il 5G e poi dall’altro lato accettare un rischio maggiore.
Nazgul 11 mesi fa su tio
La maggioranza della popolazione *che ha risposto al sondaggio*.
spank77 11 mesi fa su tio
Gli operatori stanno a mio avviso mettendo il 5G supplementare attaccato alle antenne 4G o 3G già esistenti....così nessuno sé ne accorge...
Macjack 11 mesi fa su tio
@spank77 Ok boomer ??
ni_na 11 mesi fa su tio
@Macjack Ok troll?
spank77 11 mesi fa su tio
Per usare il 5G servono anche i telefonini 5G...o sbaglio ? Prezzo ? Sé ho capito bene le onde del 5G vanno meno lontane del 4G quindi immagino ne servano di più...o ho capito male ?
Nazgul 11 mesi fa su tio
@spank77 Non sbagli, il telefono deve essere in grado di utilizzare il nuovo standard di trasmissione, come già successo per le generazioni precedenti. Per quanto riguarda la loro portata il discorso non è così semplice: il 5G lavora su tre bande di frequenze differenti a dipendenza delle necessità, ognuna delle quali offre un differente rapporto tra portata del segnale e larghezza di banda (in pratica o arrivi lontano portando pochi dati, o hai una portata lmitata ma una capacità maggiore).
Maxy70 11 mesi fa su tio
Evidentemente il canvetto non esiste solo in Ticino, anche nella seriosa Zurigo. Inutile discutere. Punto 1 commissionare uno studio ad un Ente neutrale e competente. Punto 2: i risultati sono conclusivi e si prende la decisione.
Macjack 11 mesi fa su tio
@Maxy70 Ci sono più studi che sono stati fatti, ma non ne esistono a lungo termine: altrimenti dovremmo aspettare i risultati fra 20 anni. Punto 1. Esiste una commissione istituita dal CF. Punto 2.
Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Svizzera
SVIZZERA
39 min
Raddoppiano contagi e ricoveri, aumentano i morti
La percentuale dei tamponi effettuati ieri risultati positivi è del 19,8%.
SVIZZERA
1 ora
Brivido nei cieli: gli F/A-18 non potevano vedere l'elicottero
Sono terminate le indagini relative a un pericoloso avvicinamento che ha avuto luogo nel 2018 sopra il lago di Zurigo
SVIZZERA / GERMANIA
2 ore
800 robot di ABB in viaggio: direzione Volkswagen
La commessa porterà alla produzione di veicoli elettrici nella sede di Hannover
SVIZZERA
2 ore
Credit Suisse abbraccia Axa per lanciarsi nelle assicurazioni
La collaborazione permetterà a Credit Suisse d'integrare soluzioni assicurative nel suo servizio digitale
SVIZZERA
3 ore
Riparabile o no? «Ditelo nell'etichetta»
In un sondaggio i consumatori chiedono un'etichettatura diversa per computer e smartphone
GINEVRA
4 ore
Due reinfezioni da Covid-19 segnalate a Ginevra
Le autorità non hanno ancora confermato ufficialmente questa circostanza
SVIZZERA
4 ore
Coronavirus: Nestlé non si fa scalfire
Il colosso alimentare ha registrato una crescita organica del 3,5% nei primi nove mesi dell'anno.
GINEVRA 
17 ore
Gli ospedali universitari attivano il dispositivo di gestione delle crisi
Raddoppiato in pochi giorni il numero di infetti.
SVIZZERA
17 ore
«Stiamo volando a vista invece di pianificare le prossime mosse»
L'idea è sapere in anticipo quali restrizioni entreranno in vigore a partire da quale soglia di gravità della situazione
SVIZZERA
20 ore
Test rapidi: risultati affidabili in 15 minuti
Dal 25 settembre Unisanté sta conducendo uno studio sui test rapidi.
Copyright ©2020 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile