keystone-sda.ch/ (PETER SCHNEIDER)
+4
SVIZZERA
09.11.19 - 15:130
Aggiornamento : 18:36

In piazza per denunciare le «pessime condizioni» dei campi profughi

Circa 700 persone hanno partecipato oggi a una manifestazione organizzata in Piazza federale da Migrant Solidarity Network. Critiche anche ai centri svizzeri che vengono definiti «delle prigioni»

BERNA - Circa 700 persone - 2 mila secondo gli organizzatori - si sono radunate oggi a Berna sulla Piazza federale per denunciare le pessime condizioni dei campi per migranti in Libia e in Grecia. Critiche sono state formulate anche ai campi federali e cantonali in Svizzera.

Alla manifestazione, organizzata dal Migrant Solidarity Network - associazione con sede a Berna - hanno partecipato simpatizzanti nonché migranti e rifugiati provenienti da vari Cantoni, Ticino compreso.

Per quanto riguarda la Libia, nei campi che accolgono migranti e rifugiati si pratica la tortura, omicidio compreso, secondo una nota odierna dell'organizzazione. I centri di raccolta in Grecia, i cosiddetti Hotspot, sono invece sovraffollati, per non parlare delle difficili condizioni di vita nei centri di transito in Marocco o Turchia.

I campi federali assomigliano invece a della prigioni: le persone ivi confluite sono isolate dal resto della popolazione, senza intimità e sottoposte a sorveglianza continua. L'associazione denuncia in particolare le condizioni delle donne. I campi sono infatti concepiti soprattutto per le esigenze degli uomini.

Nella sua lista di rivendicazioni, il Migrant Solidarity Network chiede che i campi vengano organizzati al fine di preservare la dignità delle persone; quest'ultime dovrebbero godere della libertà di recarsi dove vogliono e di stabilirsi nei luoghi da loro scelti, avendo accesso all'alloggio, al lavoro, all'educazione e alla sanità.

keystone-sda.ch/ (PETER SCHNEIDER)
Guarda tutte le 8 immagini
Commenti
 
ATTENZIONE: a causa dell’elevato numero di commenti sui blog e alla difficoltà della redazione di monitorarli, abbiamo attivato un filtro automatico.
La libertà di espressione deve essere garantita da un comportamento civile e rispettoso di ciascun utente.
Chiunque scriverà offese o frasi irrispettose verrà automaticamente bannato con la conseguente cancellazione dell’account.
azzzchestress 11 mesi fa su tio
Ma non hanno qualcos'altro del quale preoccuparsi ?
jena 11 mesi fa su tio
mai qualcuno che denuncia le condizioni del mercato del lavoro in TICINO...
miba 11 mesi fa su tio
Hanno ragione! Se non sono resort a 4 stelle con piscina, WiFi e palestra allora sono prigioni. Ma par piasée!!!!
klich69 11 mesi fa su tio
La mamma dell’ignoranza è sempre in cinta.
streciadalbüter 11 mesi fa su tio
Se la Libia maltratta i clandestini,perché quest`ultimi continuano ad andare in Libia?
seo56 11 mesi fa su tio
patetici!!
Bayron 11 mesi fa su tio
C’è gente che nella vita non ha proprio nulla da fare!!!
Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Svizzera
VIDEO
BERNA
7 ore
Il Video del Consiglio federale: «Rispettate le misure anti-covid!»
L'invito è ovviamente a reagire. I modi sono quelli noti: «Distanze e igiene».
SCIAFFUSA
11 ore
64enne morto dopo essere stato coinvolto in una rissa
Il decesso non sarebbe direttamente legato alla scazzottata
SVIZZERA
11 ore
Può essere Covid? L'autovalutazione la fai online
L'UFSP, in base ai sintomi, invia una raccomandazione sulla necessità di fare o meno il tampone
SVIZZERA
12 ore
Philipp Wyss nuovo presidente della direzione di Coop
Simultaneamente muta anche la presidenza del cda
SVIZZERA
12 ore
Flixbus si ferma dal 3 novembre
«La decisione non è stata facile. Ma è necessaria per arginare la diffusione esponenziale del coronavirus»
BERNA
12 ore
«Potrebbero essere necessarie misure più drastiche»
Gli esperti federali aggiornano circa l'evoluzione del virus in Svizzera
ARGOVIA
13 ore
Ladri allontanati a colpi di pistola
Ignoti avevano tentato di svaligiare un negozio di armi. Ma il titolare è stato allertato dall'impianto di allarme
ZURIGO
14 ore
Pacco sospetto davanti al consolato francese
Dopo i fatti avvenuti ieri in Francia, la polizia ha preso sul serio la potenziale minaccia, isolando subito la zona
SVIZZERA
14 ore
Contagi e ricoveri stabili, ma crescono i morti
Il virus continua a circolare molto: il 24.1% dei 38'211 tamponi effettuati nelle ultime 24 ore è risultato positivo.
FOTO
SVIZZERA
15 ore
Altro raddoppio per casi e decessi settimanali
Tra il 19 e il 25 ottobre sono state annunciate 39'441 nuove infezioni. La settimana prima erano 19'478.
Copyright ©2020 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile