Keystone (archivio)
Il TF ha respinto il ricorso del detenuto, che chiedeva la sua liberazione, confermando la posizione della Corte d'appello zurighese.
SVIZZERA
07.11.19 - 14:320

Veicoli militari incendiati, l'anarchico resta in carcere

Confermata la carcerazione del 32enne fino al processo. Secondo il Tribunale federale sussiste il pericolo di fuga

LOSANNA - Un uomo accusato di aver incendiato diversi veicoli militari a Hinwil (ZH) e di aver commesso altri reati deve restare in carcere fino al suo processo. Il Tribunale federale (TF) teme che il 32enne svizzero, sospettato di appartenere agli ambienti anarchici, possa fuggire.

In una sentenza pubblicata oggi, il TF respinge il ricorso del detenuto, che chiedeva la sua liberazione, e conferma la posizione della Corte d'appello zurighese. Quest'ultima sostiene che nessuna misura più morbida permetta di scongiurare il rischio di una fuga prima del processo.

L'uomo ha infatti già soggiornato per lunghi periodi all'estero e, stando a quanto afferma, avrebbe anche lavorato in Turchia. Anarchici di Vienna e Berlino hanno inoltre lanciato messaggio di solidarietà nei suoi confronti dopo il suo arresto.

Il Ministero pubblico ha aperto un procedimento contro di lui nel novembre del 2017. All'inizio era accusato di aver lanciato appelli pubblici a compiere reati o atti violenti. Ora deve rispondere anche di diversi incendi, danni alla proprietà e violazioni di domicilio. La procura potrebbe chiedere che venga condannato a 4 anni di detenzione.

Stando al TF, il 32enne avrebbe affisso o fatto affiggere nella vetrina di una biblioteca dei manifesti che invitavano a commettere danni e violenze nei confronti di aziende e persone implicate nell'estensione di un carcere a Basilea e nella costruzione del centro di giustizia e polizia di Zurigo.

Il DNA dell'uomo è stato inoltre trovato sul luogo di un incendio di diversi veicoli dell'esercito a Hinwil alla fine settembre 2015 e nell'attentato del 2016 contro l'antenna per le trasmissioni radio della polizia comunale di Zurigo posta sulla collina del Waidberg.

Dopo un interrogatorio svoltosi nel febbraio del 2018, la polizia lo aveva liberato, continuano tuttavia a sorvegliarlo. Alla fine di gennaio del 2019 lo ha arrestato e posto in carcere preventivo per ragioni di sicurezza.

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Svizzera
SVIZZERA
4 ore
«In una crisi, i ricchi non valgono di più»
Immunizzato nonostante non soddisfacesse i criteri: fa discutere il caso del miliardario Johann Rupert
VAUD
8 ore
Focolaio in un albergo vodese
È stato scoperto in una struttura di Villars-Gryon: tredici dipendenti sono risultati positivi al coronavirus
SVIZZERA
9 ore
Scuola reclute azzoppata dall'obbligo di telelavoro
I problemi riscontrati questa settimana sarebbero dovuti al sovraccarico del sistema informatico gestito da Ruag.
SVIZZERA
9 ore
FFP2, chirurgiche, in tessuto: quale scegliere?
Come indossare correttamente la mascherina? E per quanto tempo? Qual è la più efficace?
SVIZZERA
10 ore
Da domani i dati cantonali sul numero di vaccinati
Dovevano già essere disponibili da qualche giorno, ma ci sono stati alcuni problemi tecnici
ZURIGO
10 ore
A Zurigo mascherine obbligatorie dalla quarta elementare
Nelle scuole secondarie, il numero di allievi presenti in aula sarà inoltre dimezzato.
SVIZZERA
11 ore
Le conseguenze della seconda ondata: depressione raddoppiata
La Task Force Covid-19 parla di sintomi depressivi gravi nel 18% degli intervistati e cerca soluzioni
SVIZZERA
14 ore
Dieci giorni di quarantena sono troppi: ecco le tre proposte
Le misure sono in consultazione presso i Cantoni fino a venerdì
SVIZZERA
14 ore
Chi esporta è un po' più ottimista, ora
Le piccole e medie imprese orientate verso l'estero guardano con moderata fiducia a questo primo semestre
SVIZZERA
14 ore
In Svizzera i nuovi casi sono 2'205, i decessi 47
Nelle ultime 24 ore 28'094 persone si sono sottoposte al tampone: il 7,8% è risultato positivo al Covid-19.
Copyright ©2021 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile