TI Press
SVIZZERA
22.10.19 - 09:080
Aggiornamento : 09:43

Eccessi di velocità, vietati ma (a volte) tollerati

Un terzo della popolazione svizzera tollera gli eccessi di velocità sulle strade extraurbane, secondo uno studio dell'Upi

BERNA - La maggioranza della popolazione svizzera ritiene inaccettabile circolare a velocità eccessiva sulle strade urbane. Un terzo tollera invece gli eccessi di velocità sulle strade extraurbane. Eppure anche nel 2018 è stata proprio la velocità inadeguata a causare il maggior numero di morti sulle strade svizzere, soprattutto su quelle extraurbane. È uno dei risultati, tra tanti altri, del rapporto Sinus 2019 appena pubblicato dall'UPI. Questa importante opera statistica è un riferimento per gli esperti di sicurezza stradale.

Sulle strade svizzere, gli incidenti dovuti alla velocità causano ogni anno 64 morti. Due terzi di questi incidenti si verificano su strade principali e secondarie fuori dagli abitati. Benché il loro numero annuale sia diminuito di oltre il 40% dal 2008, gli incidenti per velocità continuano ad avere gravi conseguenze: su 1000 feriti, 21 perdono la vita, un valore decisamente più elevato rispetto a quasi tutte le altre cause d'incidente, come risulta dal rapporto Sinus 2019 dell'UPI.

La velocità inadeguata ha spesso conseguenze tragiche, che si circoli su strada urbana, su strada extraurbana o in autostrada. Un'indagine scientifica condotta online in 32 Paesi di tutto il mondo ha però dimostrato che una parte della popolazione svizzera chiude un occhio sugli eccessi di velocità: il 61% delle persone residenti nel nostro Paese ritiene che circolare a velocità troppo elevata nei comuni e nelle città sia inaccettabile e un altro 26% lo considera piuttosto inaccettabile. Per quanto riguarda gli eccessi di velocità sulle strade extraurbane, invece, c'è molta più indulgenza: solo il 31% li reputa inaccettabili e un altro 32% piuttosto inaccettabili. In altre parole, oltre un terzo degli svizzeri tollera velocità troppo elevate sulle strade extraurbane.

Più i conducenti sono anziani, meno accettano gli eccessi di velocità sulle strade urbane: il 46% degli automobilisti tra i 18 e i 34 anni li giudicano assolutamente inaccettabili nei comuni o nelle città contro il 76% tra i conducenti dai 55 anni in su.

Giovani più propensi a superare i limiti - Gli automobilisti che hanno partecipato all'inchiesta si sono pronunciati anche su diverse affermazioni relative alla velocità: la metà si è detta in disaccordo con l'affermazione «Supero spesso i limiti di velocità», con una prevalenza di donne sugli uomini e di anziani sui giovani.

La metà dei partecipanti ha inoltre indicato di non sentirsi in grado di guidare in sicurezza se supera di molto i limiti di velocità. Anche in questo caso le donne e gli anziani prevalgono sugli altri gruppi.

TOP NEWS Svizzera
SVIZZERA
24 min
Quasi 3000 casi di effetti indesiderati a causa del vaccino
Si tratta essenzialmente di casi definiti "non seri". Le persone colpite superavano i 60 anni.
SVIZZERA
2 ore
La Svizzera punta ancora di più sull'energia rinnovabile
Il Consiglio federale adotta il messaggio sulla legge federale per un approvvigionamento elettrico sicuro
SVIZZERA
2 ore
In Svizzera sempre meno contagi: 173 nelle ultime ventiquattro ore
Sono stati effettuati 26'573 test Covid, con un tasso di positività dello 0,7%
SVIZZERA
3 ore
Indennità per altri sei mesi
Il Consiglio federale ha deciso di prorogare fino al 31 dicembre il diritto all'Ipg
SVIZZERA
4 ore
«La Svizzera è il paese più ipocrita del mondo»
L'artista Ai Weiwei è il più noto tra gli oppositori di Pechino. Lo abbiamo intervistato
SVITTO
5 ore
Motociclista 26enne muore in un incidente
È successo nel Canton Svitto. Il giovane ha perso il controllo del mezzo
FOTO
ARGOVIA
7 ore
Precipita un velivolo turistico: un ferito grave
A bordo dell'aereo c'era soltanto il pilota. L'incidente si è verificato nel Canton Argovia
SOLETTA
9 ore
Falso allarme bomba a bordo di un treno
Un convoglio che circolava tra Berna e Zurigo è stato fermato a Däniken e perquisito. In manette un 49enne
SVIZZERA
10 ore
«Il vaccino è il mio contributo contro la pandemia»
Attualmente almeno il 71% della popolazione elvetica si dice disposta a farsi immunizzare
BERNA
16 ore
La spa "africana" con il pentolone dei cannibali fa discutere
Un cliente: «È razzista». Utile il confronto con il direttore della struttura: «Il nome non si cambia, la vasca sì».
Copyright ©2021 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile