Immobili
Veicoli
Tipress
Tecnologia nel mirino.
SVIZZERA
18.10.19 - 14:220

Quasi 40'000 firme contro il 5G

Una petizione che chiede una moratoria sullo sviluppo della tecnologia mobile è stata depositata oggi presso il Dipartimento federale delle comunicazioni

BERNA - Una petizione che chiede una moratoria sullo sviluppo della tecnologia mobile 5G è stata depositata oggi presso il Dipartimento federale delle comunicazioni (DATEC). In totale sono state raccolte quasi 40'000 firme.

Secondo il testo del terapeuta Notburga Klett, con l'introduzione del 5G la Confederazione viola il suo dovere di protezione della salute e dell'ambiente. Si dimostra inoltre negligente nel dovere d'informazione della popolazione sugli effetti delle attuali frequenze utilizzate per la comunicazione, si legge in un comunicato del comitato della petizione.

Notburga Klett nel suo studio medico constata legami fra l'elettrosmog e le malattie croniche. A suo dire, il previsto sviluppo della rete rischia di moltiplicare le radiazioni.

Il tema del 5G fa molto discutere. Oltre alla petizione depositata oggi, è stata recentemente lanciata un'iniziativa popolare denominata "Per una telefonia mobile compatibile con la salute e a basso consumo energetico".

Il comitato promotore avrà tempo fino al 15 di aprile per raccogliere le 100 mila firme necessarie. Il testo, che preconizza una modifica dell'articolo 118 della Costituzione federale, si propone di proteggere maggiormente la popolazione dalla radiazioni elettromagnetiche.

Entro la fine dell'anno è atteso un rapporto dell'Ufficio federale dell'ambiente (UFAM) sui rischi per la salute legati al potenziamento della tecnologia di telecomunicazione 5G.

Commenti
 
ATTENZIONE: a causa dell’elevato numero di commenti sui blog e alla difficoltà della redazione di monitorarli, abbiamo attivato un filtro automatico.
La libertà di espressione deve essere garantita da un comportamento civile e rispettoso di ciascun utente.
Chiunque scriverà offese o frasi irrispettose verrà automaticamente bannato con la conseguente cancellazione dell’account.
sedelin 2 anni fa su tio
Bene, ottimo!
Bayron 2 anni fa su tio
E allora??? Quelli che vogliono la tecnologia sono milioni. Non si può fermare il progresso. Evviva la tecnologia, evviva il 5G!!
Nazgul 2 anni fa su tio
Accipicchia, addirittura un medico che avvia una petizione contro il 5G, allora stavolta deve essere qualcosa di ser... anzi no aspetta, c'é scritto "terapeuta", non "medico", vediamo un po' cosa fa questa persona... aah linfodrenaggio, agopuntura, riflessologia plantare, osteopatia, yoga. Fiùù, per un attimo ho avuto paura che si trattasse di una persona competente in materia xD
fakocer 2 anni fa su tio
@Nazgul Non necessitano titoli accademici o conoscenze professionali nel campo radiofrequenze, è sufficiente che la radiazione non più convogliata da una wawe guide o da un'antenna parabolica venga sparata come da un irrigatore da giardino entri dalla tua finestra ad arrostirti, lentamente ma lo fa, ad arrostirti i mitocondri delle cellule dell'ipofisi. Supponi d'aver fortuna e ti rimedi solo una leucopenìa (o altra variante di alterazione dei leucociti) ti rivolgerai dal competente in materia radiofrequenze o andrai dal medico?
Nazgul 2 anni fa su tio
@fakocer Una cosa giusta l'hai detta: non è necessario avere titoli accademici per poter divulgare informazioni in un qualsiasi campo, ciò che conta è *quali* informazioni divulghi. Ciò che conta non è tanto chi parla, ma da dove vengono i dati che sta comunicando. L'importante è che queste informazioni derivino da studi seri, fatti seguendo il metodo scientifico, che abbiano superato la peer review e siano comunemente accettati dalla comunità scientifica. Ovviamente non è questo il caso: non esiste nessuno studio serio che dimostri la pericolosità della radiazione non ionizzante (nonostante ne siano stati fatti a migliaia). Le stesse motivazioni che cerchi di portare tu sono piuttosto un ammasso di "buzzwords" buone solo a spaventare gli sprovveduti. Ti chiederei di spiegarmi esattamente cosa significano tutte quelle parole e "teorie" che hai citato, tanto per farmi due risate...
Lore62 2 anni fa su tio
@fakocer Strano, la nostra stella, senza contare i raggi gamma provenienti dall'esplosione delle supernove nello spazio profondo, causano MOLTI più danni al nostro organismo, ma nessuno raccoglie firme per spegnerlo, anzi, tutti in spiaggia a "prenderlo"...XD Almeno lo sai che il telefono accostato all'orecchio è centinaia di volte più "irradiante" di qualsiasi antenna nelle vicinanze?
Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Svizzera
FOTO
CANTONE / SVIZZERA
5 ore
Tre voli per portare Cassis al WEF
La partecipazione del presidente della Confederazione al Forum ha prodotto molto CO2. Ecco com'è andata
VALLESE
11 ore
Con il riscaldamento globale «seracchi sempre più instabili»
L'esperto: «Proprio perché i pericoli sono diventati più frequenti, molte vie alpinistiche vengono scartate»
FOTO
VALLESE
13 ore
Due morti e nove feriti sul massiccio del Grand Combin
È il bilancio dell'incidente che si è verificato questa mattina in Vallese
SAN GALLO
14 ore
Trovato morto un base jumper
Sono diverse le domande ancora senza risposta: era con qualcuno? Perché è precipitato?
VALLESE
16 ore
Alpinisti travolti dai ghiacci sul Grand Combin, ci sono vittime
Degli alpinisti sono stati sorpresi dalla caduta di seracchi questa mattina in Vallese
SVIZZERA
17 ore
Il Tribunale federale ha respinto il ricorso dell'oligarca
Gennady Timchenko aveva sporto denuncia per il sequestro di conti bancari di cui è beneficiario
SVIZZERA
17 ore
No a una task force per bloccare i patrimoni russi
Secondo il Consiglio federale, l'attuale sistema funziona
SVIZZERA
20 ore
Ecco le firme contro l'acquisto degli F-35
L'alleanza "Stop F-35" fa sapere di aver raccolto le 100'000 sottoscrizioni necessarie per la sua iniziativa
SVIZZERA
1 gior
Vaiolo delle scimmie: terzo caso in Svizzera
Lo ha indicato l'Ufficio federale della sanità pubblica
SVIZZERA
1 gior
Pipistrelli, ratti, scimmie e... cammelli: cosa dobbiamo aspettarci dalle zoonosi del futuro
Ce lo spiega l'epidemiologo dell'Uni di Berna Christian Althaus: «Animali che contagiano l'uomo? Non è una novità»
Copyright ©2022 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile