Keystone
Quando consegnare la costa è una sfida
SAN GALLO
18.10.19 - 12:000

Quella fattoria è fuori dal mondo, anche per la Posta

Nell'estate 2016, il gigante giallo aveva informato un contadino che non gli avrebbe più consegnato pacchi e lettere al domicilio. L'uomo ha fatto ricorso, invano.

SAN GALLO - La Posta non è tenuta a consegnare lettere e pacchi in una fattoria discosta e di difficile accesso. Lo ha stabilito il Tribunale amministrativo federale (TAF), respingendo il ricorso di un contadino sangallese.

Nell'estate 2016, il gigante giallo ha informato il ricorrente che non avrebbe più distribuito la posta al domicilio dell'uomo. La decisione è stata motivata dalla difficoltà di accesso alla fattoria, soprattutto in inverno. L'edificio si trova alla fine di una ripida strada nella Weisstannental (SG), a circa 400 metri dalla carreggiata principale che costeggia il torrente Seez.

La Posta ha dunque chiesto al contadino di spostare la buca delle lettere all'incrocio della strada principale, mentre per i recapiti dietro firma l'uomo avrebbe dovuto recarsi a Mels (SG). Il ricorrente durante l'inverno si è attenuto a questa misura, ma nella primavera 2017 ha riportato la cassetta delle lettere alla fattoria e si è opposto alla decisione davanti alla Commissione federale delle poste (PostCom), appellandosi al mandato di servizio universale del gigante giallo. Durante tutto questo periodo, la sua posta è stata depositata a Mels.

Le regole sono chiare - La commissione non ha dato ragione all'uomo, così come il TAF. In una sentenza pubblicata oggi, giudici sangallesi ricordano che la consegna a domicilio è garantita solo se l'abitazione si trova in una zona con almeno cinque case abitate tutto l'anno su una superficie massima pari a un ettaro. Inoltre, la deviazione prevista non deve superare i due minuti di auto.

Queste condizioni non sono soddisfatte, spiega la Corte, sottolineando che la Posta deve conciliare gli obblighi derivanti dal servizio universale con le esigenze di un'organizzazione efficiente. Non è possibile neanche la soluzione "mista" di consegnare la posta solo durante la stagione estiva e quando la strada è praticabile, aggiungono i giudici.

Il ricorrente, la moglie e i quattro figli hanno la possibilità - senza impedimenti maggiori - di giungere una volta al giorno alla cassetta delle lettere sulla strada principale, sostiene il TAF. Questo punto è a maggior ragione valido dal momento che i bambini prendono l'autobus per andare a scuola nelle vicinanze.

La decisione non è ancora definitiva e può essere impugnata davanti al Tribunale federale.

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Svizzera
SVIZZERA
7 ore
«Non ci metteremo a contare le persone»
Da oggi sono consentiti gli assembramenti fino a trenta persone. Una nuova situazione per le autorità
ZURIGO
11 ore
Anche Zurigo protesta contro le misure anti-coronavirus
Gli agenti sono intervenuti, facendo leva sul dialogo, per evitare che si formasse un vero e proprio assembramento
SOLETTA / BASILEA CAMPAGNA
11 ore
Mandata dal padre nonostante i sospetti di abusi
Alle autorità di protezione la piccola, 8 anni, aveva detto che l'uomo le faceva «cose brutte». Invano.
ZURIGO
15 ore
Riferisce numerose irregolarità nell'ospedale, licenziato
Questa la sorte toccata a un "whistleblower", ossia un segnalatore di irregolarità sul posto di lavoro
SONDAGGIO
SVIZZERA
16 ore
A trenta all'ora anche sulle strade cantonali?
È quanto chiedono alcuni comuni basilesi per le vie di transito, dove attualmente si circola a 50 km/h
SVIZZERA
16 ore
Coronavirus: Credit Suisse ha concesso crediti per 2,8 miliardi
Anche la seconda banca elvetica è stata confrontata con dichiarazioni fraudolente.
BERNA
17 ore
Prestazioni mediche più care per recuperare le perdite del Covid-19
È la ricetta proposta da Alain Schnegg, direttore del Dipartimento della sanità bernese
SVIZZERA
18 ore
Coronavirus in Svizzera: 17 nuovi casi ma nessun decesso
Dall'inizio dell'emergenza, nel nostro paese 30'845 persone sono risultate positive al virus
BERNA
21 ore
Berna in aiuto agli apprendisti
Un nuovo regolamento intende contrastare le conseguenze del Covid-19. Si temono fino a 20mila posti in meno.
SVIZZERA / EUROPA
22 ore
Dove possiamo viaggiare? Il punto della situazione
Una panoramica generale dell'apertura delle frontiere europee
Copyright ©2020 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile