ZURIGO / IRLANDA
17.10.19 - 12:020

Dublino vuole riavere le ceneri di James Joyce

I resti del famoso scrittore sono custoditi nel cimitero di Fluntern a Zurigo. Ma ora due consiglieri comunali irlandesi hanno presentato una mozione per il loro trasferimento

ZURIGO - Dublino, città natale di James Joyce (1882-1941), vuole rimpatriare le ceneri del famoso scrittore, oggi custodite nel cimitero di Fluntern a Zurigo. Le autorità della città sulla Limmat non hanno finora ricevuto una richiesta ufficiale.

«Abbiamo appreso della richiesta attraverso la telefonata di un giornalista irlandese», dichiara a Keystone-ATS Astrid Herrmann, portavoce del "Präsidialdepartement", il dicastero della Città di Zurigo diretto dalla sindaca Corine Mauch (PS) cui competono le questioni legate alla cultura.

«Se da Dublino dovesse arrivare una richiesta ufficiale, la città di Zurigo la esaminerà attentamente». Una decisione sarebbe in ultima analisi di competenza del Municipio di Zurigo, precisa la portavoce. «Questo perché i resti mortali di James Joyce sono tumulati in una 'tomba d'onore' donata dalla Città di Zurigo».

L'autore del romanzo "Ulisse" morì a Zurigo nel 1941, all'età di 58 anni, dopo aver subito un intervento chirurgico per un'ulcera perforata. Alla sua morte, la Repubblica d'Irlanda si oppose al desiderio dell'autore di "Gente di Dublino" di essere seppellito nella patria natale.

Stando ad un articolo del 15 ottobre di "The Guardian", il Municipio di Dublino vuole ora soddisfare la richiesta del grande scrittore irlandese e di sua moglie, Nora Barnacle, che riposa con lui nella stessa tomba. Entrambi avevano espresso in più occasioni la volontà di poter riposare per l'eternità in patria.

Due consiglieri comunali di Dublino, Dermot Lacey e Paddy McCartan - riferisce il quotidiano britannico - hanno presentato una mozione in Municipio che chiede di esaudire «l'ultimo desiderio» di Joyce e Barnacle, con la traslazione dei loro resti mortali nel cimitero storico dublinese.

Se il piano dovesse andare a buon fine, il trasferimento potrebbe coincidere con il centenario della pubblicazione di "Ulisse", nel 2022. Il romanzo, riconosciuto come uno dei capolavori del modernismo letterario, fu bandito per lungo tempo in Irlanda perchè considerato contrario ai principi della morale cattolica.

Quando Joyce morì - ricorda "The Guardian" - il segretario per gli affari esteri dell'Irlanda inoltrò una richiesta alla sede diplomatica in Svizzera: «Per favore, trasmettete i dettagli sulla morte di Joyce. Se possibile, scoprite se è morto da cattolico». In seguito Barnacle chiese che i resti del marito fossero rimpatriati, ma il ministro degli affari esteri rifiutò.

Il consigliere comunale Paddy McCartan ha sostenuto che è «opportuno rivisitare l'idea del rimpatrio delle ceneri in vista dell'anniversario della pubblicazione dell'Ulisse» e ha fatto appello ai ministeri irlandesi della cultura e degli esteri perchè impegnino il governo in tal senso.

«Sicuramente ci saranno persone a cui questa idea non piacerà. L'esilio è stato un elemento chiave nella scrittura di Joyce ma non credo che debba essere perseguito per l'eternità. Non penso, infatti, che questa idea facesse parte di un piano di Joyce», ha spiegato McCartan.

Ci sono già stati tentativi precedenti per convincere le autorità irlandesi a rimpatriare i resti di Joyce. Come nel 1948, dopo che i resti di William Butler Yeats - un altro poeta e drammaturgo irlandese - furono restituiti con successo a Sligo dalla Francia, anche se più recentemente sono stati sollevati dubbi sul fatto che le ossa inviate fossero tutte effettivamente di Yeats.

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Svizzera
GRIGIONI
7 ore
Brienz ogni anno scende a valle di un metro, il Cantone: «Vi aiuteremo»
La frazione grigionese abitata da un centinaio di anime si sposta in maniera costante, le autorità: «Situazione particolare»
SVIZZERA
7 ore
Noi i canali della Srg/Ssr sul digitale terrestre non li vediamo più, ma in Austria...
Ci riescono ancora (e pure in chiaro) grazie agli sforzi di un'emittente privata e il nullaosta dell'Ufcom: «Il blackout era dispiaciuto a tanti»
BERNA / RUSSIA
10 ore
Maurer e Putin concordano una cooperazione più stretta
Gli argomenti trattati? Relazioni bilaterali, temi economici e impegno politico della Svizzera a favore della pace
FOTO
SVIZZERA
11 ore
Prima di Rytz, le altre candidature "verdi" al Consiglio federale
La prima presentata ufficialmente fu quella di Cécile Bühlmann nel 2000 per subentrare ad Adolf Ogi
SONDAGGIO
BERNA
14 ore
Regula Rytz: «Pronta al Consiglio federale» e "punta" al posto di Cassis
La presidente dei Verdi svizzeri: «Plr? Un partito ampiamente sovrarappresentato» e propone una nuova "formula magica"
VAUD
15 ore
Assalti ai furgoni blindati: «Finché sulle strade gireranno certe somme...»
Canton Vaud nel mirino delle bande francesi: Un criminale di Lione fornisce l'identikit del rapinatore tipo: «Ha tra i 28 e i 42 ed ha un passato migratorio e spesso proviene dal Maghreb»
SVIZZERA
18 ore
Ruag International: ingresso in Borsa «probabilmente» nel 2023
Le attività di cyber-sicurezza del gruppo detenuto dalla Confederazione si trovano invece già in piena fase di cessione
FOTO
BASILEA CAMPAGNA
19 ore
Si accorge tardi del bimbo sulle strisce, bus provoca 4 feriti
L’incidente è avvenuto nel tardo pomeriggio di ieri a Bottmingen. Due persone sono state portate in ospedale
SVIZZERA
20 ore
Leuthard nel Cda del produttore di treni Stadler
L'ex Consigliera federale sarà eletta all'assemblea generale del 30 aprile prossimo: «Grazie alle sue competenze in materia di traffico e la sua esperienza politica rappresenta una risorsa importante»
SVIZZERA
22 ore
Quando la mamma ti stalkera sui social
E lo fa per proteggerti (dice) ma poi ti controlla anche il look. C'è chi lo trova ok, ma gli esperti sono categorici: «Piuttosto parlate con loro»
Copyright ©2019 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile