Video lettore
ZURIGO
16.10.19 - 21:400

Sfuriata di un agente in borghese sull'A1: al poliziotto hanno bucato le gomme

Scatta la condanna social contro l'ufficiale dopo il video del diverbio. L'esperto di diritto: «Gli utenti possono incorrere in denunce»

ZURIGO - Il video di un acceso litigio tra un poliziotto in borghese e un automobilista scoppiato dopo un sorpasso sull’A1 è diventato virale sui social e anche tio/20 minuti ne ha dato notizia. Per l’agente della comunale di Winterthur in questione è subito scattata la sospensione e la polizia cantonale ha avviato un procedimento a suo carico. La rete, però, ha già espresso la sua condanna.

Per timore che la giustizia regolare non porti a un granché, infatti, molti utenti di Instagram, Facebook e altri social media invocano giustizia sommaria contro il poliziotto. E pubblicano online il suo nome, le foto e persino il suo indirizzo senza risparmiare le minacce: «Passiamo da lui e lo facciamo fuori», scrive un utente di Instagram, e si tratta di uno dei commenti più pacati. A 20 Minuten l’agente ha confessato che ignoti gli hanno già bucato le gomme dell’auto sotto casa.

Martin Steiger, avvocato esperto in diritto in ambito digitale, giudica gli appelli alla giustizia sommaria riprovevoli: «È chiaro che il poliziotto ha commesso un errore, ma la giustizia deve fare il suo corso. Non c’entrano i desideri di vendetta di persone estranee». Per lui, con simili reazioni sui social si supera un limite: «È biasimevole condannare pubblicamente l’agente in questo modo - afferma -. Qui emerge il lato odioso dell’essere umano». È un classico caso in cui gente che la pensa allo stesso modo si incontra sui social e il tutto degenera, sottolinea.

Steiger ricorda inoltre che gli insulti, le minacce e le offese sui social possono essere punibili in sede giudiziaria: «Il poliziotto colpito potrebbe adire le vie legali in sede civile per violazione della personalità», ricorda l’avvocato. Ma sono pensabili anche procedimenti penali dietro denuncia di parte. E non solo: «È anche possibile citare in giudizio Facebook e Instagram perché non filtrano e cancellano questi commenti ingiuriosi e le informazioni personali del poliziotto».

Anche la polizia cittadina di Winterthur trova simili reazioni inopportune, non solo perché potenzialmente rilevanti in sede legale: «Invitiamo tutti a segnalare subito alle rispettive piattaforme commenti inappropriati e lesivi della personalità e contribuire così attivamente a contrastare simili comportamenti», dichiara la portavoce Sarah Paul. Non è noto se l’agente valuti di depositare delle denunce. 

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Svizzera
CAPO VERDE
5 ore
Bloccata da 4 mesi a Capo Verde: «Riportatemi in Svizzera»
Una 50enne di Svitto era partita a marzo per due settimane di vacanza e relax. E invece sta vivendo un incubo
TURGOVIA
6 ore
In bici con un tasso del 3,2 per mille
Un ciclista ubriaco è stato protagonista di un incidente questa mattina ad Arbon
FOTO
SVIZZERA
7 ore
Vestiti di nero per dire no al razzismo
Circa 200 persone si sono riunite oggi su Piazza federale.
SVIZZERA
11 ore
Migros richiama i suoi "Tondelli di riso integrale"
È stata riscontrata la presenza di latte. Chi non è allergico può consumarli senza problemi.
SVIZZERA
11 ore
Coronavirus: contagi stabili in Svizzera
Dall'inizio dell'emergenza i casi positivi registrati sono 32'798, mentre i morti restano 1'686
SVIZZERA
12 ore
Temporali e forti venti a nord delle Alpi
Tanta pioggia e grandine nella notte: particolarmente colpito il canton Svitto.
GRIGIONI
13 ore
Bimbo positivo, diciotto in quarantena
Il piccolo stava frequentando un campo di vacanza diurno a Zuoz.
SVIZZERA
13 ore
Credit Suisse, risolta la controversia americana
La seconda banca elvetica pagherà 15.5 milioni di dollari per risolvere la vicenda.
ZURIGO
14 ore
Altro superspreader in discoteca
Diverse persone che hanno trascorso la notte del 27 giugno al Club Jade si sono successivamente ammalate di coronavirus.
SVIZZERA
15 ore
Democrazia digitale: Amnesty & Co. fanno chiarezza su SwissCovid
Diverse ONG hanno unito le forze per informare sul contact tracing attraverso un portale online
Copyright ©2020 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile