20 Minuten
L'imam in preghiera nella moschea di Kriens.
LUCERNA
10.10.19 - 12:240

«Violenza per educare le donne», interrogato l'imam di Kriens

L'iracheno di aveva definito «lecito colpire la moglie» durante una predica. La Comunità islamica di Lucerna si distanzia: «Respingiamo ogni tipo di violenza. Il nostro obiettivo è l'integrazione»

KRIENS - È stato temporaneamente fermato e interrogato l'imam di Kriens (LU) che si dice abbia difeso nella locale moschea la violenza nei confronti delle donne per «educarle». La Comunità islamica di Lucerna (IGL), organizzazione cui fa capo il luogo di culto, prende le distanze dall'uomo, un 38enne di origine irachena.

Un portavoce della procura lucernese ha confermato oggi l'interrogatorio nei suoi confronti, come indicato dalle testate del gruppo Tamedia. L'imam è stato rilasciato, ha aggiunto, dato che non è stata disposta la carcerazione preventiva.

Il procedimento è però ancora in corso, ha precisato l'addetto stampa, ricordando che la procura ha avviato un'inchiesta a suo carico. Come sempre, ha concluso, vale la presunzione di innocenza fino a una sentenza definitiva.

I fatti - riportati dalla SonntagsZeitung del 7 ottobre - risalgono a un venerdì dello scorso agosto, giorno di preghiera per i musulmani. Il ricorso a colpi leggeri nei confronti di una consorte indisciplinata, avrebbe dichiarato l'imam, sarebbe lecito qualora altre misure, come il dialogo, non dovessero avere effetto. Egli avrebbe paragonato un simile provvedimento all'educazione dei bambini.

Nel frattempo la IGL ha preso pubblicamente posizione sulla vicenda attraverso un comunicato. «Ci distanziamo dalle prediche che invocano il crimine e la violenza», si legge nella nota. L'organizzazione respinge qualsiasi forma di violenza, aggiunge.

«Il nostro obiettivo è promuovere l'integrazione in Svizzera», afferma Petrit Alimi, presidente dell'IGL, citato nella nota, ricordando che la Comunità islamica di Lucerna sta affrontando la sfida della professionalizzazione. Essa consiglia ad esempio alle moschee di controllare i sermoni in anticipo e documentarli con registrazioni audio.

Giunto in Svizzera nel 2007 - il predicatore sarebbe giunto in Svizzera nel 2007 in qualità di richiedente asilo. Nel 2015, le autorità avevano già indagato sull'uomo per presunte attività di sostegno al terrorismo, ma nel processo del 2016 davanti al Tribunale penale federale di Bellinzona era stato assolto. Tre altri iracheni accusati del medesimo crimine, erano invece stati condannati. L'Imam aveva ricevuto un indennizzo di 1092 franchi.

Commenti
 
ATTENZIONE: a causa dell’elevato numero di commenti sui blog e alla difficoltà della redazione di monitorarli, abbiamo attivato un filtro automatico.
La libertà di espressione deve essere garantita da un comportamento civile e rispettoso di ciascun utente.
Chiunque scriverà offese o frasi irrispettose verrà automaticamente bannato con la conseguente cancellazione dell’account.
Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Svizzera
LUCERNA
3 ore
Lucerna pensa all'obbligo di mascherina per licei e scuole professionali
Anche altri cantoni stanno valutando l'introduzione di obblighi analoghi.
SVIZZERA
3 ore
Allergici, attenti alle gallette di riso integrale di Migros
L'USAV denuncia la presenza di latte non dichiarato. Nessun problema per chi tolleri bene questo ingrediente.
ARGOVIA
4 ore
Si ribalta la carrozza, cinque in ospedale
L'incidente è avvenuto ieri sera in una strada forestale vicino a Brittnau.
ZURIGO
6 ore
Volantinaggio contro l'obbligo di mascherina
Il direttore dell'Ufficio federale della sanità pubblica: «Fake news»
BERNA
6 ore
Caduta fatale sulla Jungfrau
L'incidente è avvenuto domenica mattina mentre un gruppo di alpinisti stava scendendo dalla vetta della Jungfrau.
SVIZZERA
8 ore
Raddoppiano i casi di encefalite da zecche
Meteo e coronavirus potrebbero essere la causa: il semi-confinamento ha spinto più gente in mezzo alla natura
SVIZZERA
8 ore
Coronavirus in Svizzera: i nuovi contagi sono 63
Complessivamente nel nostro paese 32'946 persone sono risultate positive al virus
ZUGO
9 ore
Una fiammata, il pompiere muore nell'esercitazione
Dopo una lotta durata tre settimane, il 37enne non ce l'ha fatta
ZURIGO
10 ore
Coronavirus: casa anziani di Männedorf in quarantena
Diversi ospiti hanno contratto il virus: due sono deceduti, mentre una terza persona è in condizioni critiche
GRIGIONI
10 ore
Alpinista morto sul Piz Bernina
Si tratta di un 56enne che si trovava con altre cinque persone
Copyright ©2020 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile