LUCERNA
08.10.19 - 16:240

Suicida a Malters per difendere il figlio, la polizia non aveva alternative

La 65enne si era barricata in casa e gli agenti avevano assediato lo stabile per 17 ore. Ma dopo infruttuose trattative lei si era uccisa sparandosi

LUCERNA - La polizia non aveva alternative valide. Così il Tribunale cantonale di Lucerna giustifica la sua decisione, già resa nota a luglio, di assolvere i responsabili delle forze dell'ordine lucernesi in merito all'intervento del marzo 2016 a Malters. In quell'occasione, una donna si era suicidata dopo essersi asserragliata in casa per impedire agli agenti di trovare la piantagione di canapa del figlio.

Lo scorso 1° luglio, confermando quanto deciso in primo grado nel giugno 2017 e respingendo il ricorso del figlio, la massima istanza giuridica lucernese aveva assolto il capo della polizia cantonale e l'ex capo di quella giudiziaria dall'accusa di omicidio colposo. Oggi, in oltre 130 pagine, il tribunale ha motivato la sentenza, che non è ancora definitiva e potrebbe finire sul tavolo del Tribunale federale (TF).

L'8 marzo del 2016, la polizia lucernese intendeva effettuare una retata in un edificio di Malters, sospettando la presenza di una piantagione illegale di canapa. Una 65enne, psicologicamente labile, si era però barricata in casa, fatto che aveva portato gli agenti ad assediare lo stabile per diciassette ore, fino al giorno seguente. La donna, il cui figlio era stato arrestato in precedenza per un reato legato alla droga e si trovava in detenzione preventiva, si era poi uccisa sparandosi al termine di infruttuose trattative.

Il Tribunale cantonale è giunto alla conclusione che la vittima era in grado di decidere quando si è suicidata. Per anni in passato, aveva già affermato che avrebbe preferito uccidersi piuttosto che finire ricoverata in un reparto psichiatrico.

Secondo il tribunale dunque, il desiderio della pensionata di porre fine ai suoi giorni non era dovuto unicamente all'intervento di polizia. Al contrario, esisteva indipendentemente dal comportamento delle forze dell'ordine e dagli eventi di quei giorni, si legge nelle motivazioni scritte della sentenza.

Per altro, la corte sottolinea che la donna rappresentava un pericolo del quale bisognava tenere conto. I quadri hanno esaminato attentamente e approfonditamente le varie possibilità di intervento prima di muoversi. Ma non esistevano alternative concrete, se non con rischi maggiori, alla soluzione infine scelta, afferma il tribunale. Tenendo conto di tutte le circostanze, stando alla giustizia l'operato della polizia è quindi da considerarsi proporzionato e legittimo.

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Svizzera
ZURIGO
6 ore
Svizzera o Austria: chi sta facendo meglio nella lotta al Covid?
A differenza della Confederazione, l'Austria ha optato per un altro lockdown in autunno.
SOLETTA
9 ore
Lo stupratore di Olten: disoccupato e spacciava droga
Il vicinato parla del presunto autore dell'aggressione di domenica. Aveva già aggredito altre donne.
SVIZZERA
13 ore
Il Covid si riconosce dal respiro
Ricercatori dell'EPFL hanno sviluppato un algoritmo che permette di diagnosticarne la gravità
GRIGIONI
14 ore
I Grigioni chiudono i ristoranti per (almeno) due settimane
Con un tasso di riproduzione di 1,02, il quarto più alto in Svizzera, il Governo corre ai ripari prima delle festività
VAUD
14 ore
La scuola privata più costosa al mondo organizza feste illegali
Sabato è stata allestita un'attrazione presso l'Institut Le Rosey, sul Lago di Ginevra.
SONDAGGIO
BERNA
15 ore
«Parlarne. Trovare aiuto»: la salute mentale ai tempi del coronavirus
Il 10 dicembre si terrà una giornata per richiamare l'attenzione sulla delicata e quanto mai attuale tematica.
BERNA
16 ore
È ufficiale: primo gatto con il Covid in Svizzera
Sono diversi i casi registrati nel mondo, ma restano comunque molto rari
SVIZZERA
16 ore
Niente “pressioni estere”, stop a ulteriori restrizioni sulle piste
Il Consiglio nazionale adotta la dichiarazione contro «condizioni impraticabili»
SVIZZERA
16 ore
«Non sta andando come sperato»
Il consigliere federale Alain Berset non è contento dei numeri dell'epidemia. La "via svizzera" è in crisi?
SVIZZERA
17 ore
Orologi e gioielli, la Svizzera resta un leader indiscusso
Nel 2019, i tre gruppi elvetici più grandi erano Richemont, Swatch e Rolex.
Copyright ©2020 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile