Ti Press (archivio)
SVIZZERA
21.09.19 - 14:170
Aggiornamento : 18:49

Giallo sulle cellule staminali sparite a Ginevra

Migliaia di campioni di tessuto e di sangue del cordone ombelicale sembrano essere scomparsi. Sul caso indaga l'Ufficio federale della sanità pubblica

GINEVRA - Il destino delle cellule del cordone ombelicale affidate alla società svizzera Cryo-Save da migliaia di famiglie è avvolto nella nebbia. Non sono più a Ginevra, afferma l'Ufficio federale della sanità pubblica elvetico (UFSP) che sta conducendo un’indagine sulla biobanca. Forse sono in Polonia, a Varsavia, conservate (in subappalto) da un'altra società.

La Cryo-Save di Plan-les Ouates disponeva dal 2016 di un'autorizzazione per l'importazione, l'esportazione e la conservazione di cellule staminali ricavate dal sangue cordonale. Offrendo quindi la possibilità ai neogenitori di conservare a pagamento - attorno a 2'500 franchi per 20 anni - campioni di tessuto e di sangue del cordone ombelicale, a uso e consumo esclusivo del figlio qualora in futuro ne avesse bisogno.

Ma in agosto l'UFSP ha deciso di revocare l'autorizzazione alla Cryo-Save poiché la filiale era stata cancellata dal registro di commercio del Canton Ginevra. La società infatti aveva trasferito in Polonia le cellule staminali conservate, secondo le sue stesse indicazioni, e i referenti non risultavano più raggiungibili dalle autorità. 

Tra il 10 e l’11 settembre sono anche state fatte perquisizioni a Plan-les-Ouates, che sembrano confermare che i campioni biologici siano effettivamente stati trasferiti. Dove e come, però, non è ancora stato possibile accertarlo. E nemmeno se siano state trasferite tutte, o solo in parte.

Nel frattempo le famiglie coinvolte, all'oscuro di quanto sta succedendo e senza notizie precise per scambiarsi informazioni e rimanere aggiornate si stanno riunendo in alcuni gruppi social.

 

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Svizzera
SVIZZERA
5 min
BNS: la ripresa non sarà così rapida
Ad affermarlo è il vicepresidente Zurbrügg: «Non basta premere semplicemente un pulsante».
BERNA
16 min
Spara in strada a Interlaken: arrestato
I colpi sono stati sentiti nel tardo pomeriggio. Fori di proiettile in una vetrina.
FOTO
NEUCHÂTEL
1 ora
«Siamo le Maldive della Svizzera»
Dopo due mesi di chiusura, l'hotel Palafitte si appresta a vivere una fantastica estate.
SVIZZERA
10 ore
«Non ci metteremo a contare le persone»
Da oggi sono consentiti gli assembramenti fino a trenta persone. Una nuova situazione per le autorità
ZURIGO
14 ore
Anche Zurigo protesta contro le misure anti-coronavirus
Gli agenti sono intervenuti, facendo leva sul dialogo, per evitare che si formasse un vero e proprio assembramento
SOLETTA / BASILEA CAMPAGNA
14 ore
Mandata dal padre nonostante i sospetti di abusi
Alle autorità di protezione la piccola, 8 anni, aveva detto che l'uomo le faceva «cose brutte». Invano.
ZURIGO
17 ore
Riferisce numerose irregolarità nell'ospedale, licenziato
Questa la sorte toccata a un "whistleblower", ossia un segnalatore di irregolarità sul posto di lavoro
SONDAGGIO
SVIZZERA
18 ore
A trenta all'ora anche sulle strade cantonali?
È quanto chiedono alcuni comuni basilesi per le vie di transito, dove attualmente si circola a 50 km/h
SVIZZERA
19 ore
Coronavirus: Credit Suisse ha concesso crediti per 2,8 miliardi
Anche la seconda banca elvetica è stata confrontata con dichiarazioni fraudolente.
BERNA
20 ore
Prestazioni mediche più care per recuperare le perdite del Covid-19
È la ricetta proposta da Alain Schnegg, direttore del Dipartimento della sanità bernese
Copyright ©2020 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile