Keystone (archivio)
Un modello auspicato da molti è quello del consenso presunto, che dà il via libera alla donazione qualora l'interessato non vi si sia opposto quando era in vita.
SVIZZERA
09.09.19 - 14:340

Trapianti di organi, liste lunghe e pochi donatori

La Commissione nazionale d'etica per la medicina vuole accrescere la fiducia della popolazione e incentivarla a donare

BERNA - Il trapianto di organi permette di salvare la vita o migliorare la condizione di molti pazienti. La Commissione nazionale d'etica per la medicina (CNE) vuole dunque accrescere la fiducia della popolazione al riguardo e incentivarla a donare, in modo da soddisfare meglio la domanda.

In Svizzera, come in numerosi altri Paesi, le donazioni restano insufficienti. Anche nel 2019, dopo un inizio positivo, si è registrato un deciso calo. La CNE ha pertanto esaminato diversi modelli di autorizzazione al prelievo post mortem e raccomanda in particolare quello della dichiarazione, si legge in una nota odierna.

Attualmente, gli organi possono essere tolti da un cadavere solo se il defunto ha esplicitamente acconsentito prima di morire (modello del consenso). Un altro sistema auspicato da alcuni è quello del consenso presunto, che dà il via libera alla donazione qualora l'interessato non vi si sia opposto quando era in vita.

Tuttavia, stando alla commissione, nessuno dei due permette di risolvere il problema. Sono infatti poche le persone a esprimere il proprio desiderio prima del decesso. Spesso vengono quindi interpellati i famigliari più stretti, mettendoli in una situazione difficile. Il sistema del consenso presunto riduce invece la protezione dei diritti della personalità.

La CNE si dice pertanto favorevole al modello della dichiarazione, che prevede di invitare regolarmente le persone a confrontarsi con il tema della donazione di organi e a pronunciarsi in merito (obbligo di dichiarazione). L'impostazione concreta sarebbe ancora da discutere, precisa la commissione, la quale però si dice convinta che tale sistema tenga pieno conto del diritto di autodeterminazione, evitando i casi poco chiari e sgravando i parenti.

Si presume che incentivando la dichiarazione, la grande fetta di popolazione fondamentalmente favorevole ai trapianti porti a un aumento delle iscrizioni nel registro nazionale, viene sottolineato nel comunicato. Stando a quanto affermato dalla fondazione Swisstransplant nell'ambito della giornata nazionale della donazione di organi, tenutasi sabato, al momento 1400 pazienti sono in lista d'attesa. Alla maggior parte - quattro su cinque - serve un rene nuovo.

Commenti
 
Trasp 1 mese fa su tio
Forse bisogna copiare il sistema svedese, che è il contrario, cioé che si deve annunciare chi NON vuole donare organi (una volta passato a miglior vita). Con risultati decisamente migliori.
spank77 1 mese fa su tio
Forse la gente non si fida della società e di quelle persone che farebbero di tutto per i soldi. Mi spiace pensarla cosi...A tale ma non riesco ad avere piena fiducia sulla trasparenza e sull'operato dei professionisti della salute...anche se siamo in Svizzera
matteo2006 1 mese fa su tio
Nei paesi dove il consenso è presunto le donazioni passano dal 15% al 90%, (Possiamo salvare il mondo prima di cena - Jonathan Safran Foer) magari non risolve ma sicuramente aiuterà a salvare molte più vite di quanto si riesce a fare ora. In Spagna, dove il consenso è presunto, c'è il maggior numero di donazioni che in qualsiasi altro paese seguito da Croazia e Portogallo, gli USA hanno comunque un elevata percentuale, la Svizzera è tra le ultime in europa peggio fa solo la Germania. Svizzera e Germania altro dato sono in europa quelle con la maggior spesa sanitaria nazionale. Ho trovato queste info googleando pochi secondi (Modelli organizzativi internazionali a confronto) non pretendo di far parte della commissione che sicuramente ne sa di più di me però io continuerò a pormi delle domande: ovviamente con la mia tessera di donatore salda nel borsello.
Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Svizzera
BERNA
2 ore

Da Berna a Palermo con treno e traghetto: «L'aereo non è un'opzione»

Una scelta singolare quella del Municipio della capitale - a maggioranza rosso-verde - che settimana prossima si recherà per una visita di lavoro in Sicilia

GINEVRA
4 ore

Decapitata la sicurezza a Cointrin

Il capo e il suo vice sono stati licenziati con effetto immediato poiché coinvolti in un procedimento penale per corruzione

SVIZZERA
5 ore

Domino's Pizza si ritira dalla Svizzera

Il gruppo è presente nella Confederazione dal 2000; dal settembre 2012 Domino's Pizza Schweiz è filiale della britannica Domino's Pizza Group

ZURIGO / IRLANDA
8 ore

Dublino vuole riavere le ceneri di James Joyce

I resti del famoso scrittore sono custoditi nel cimitero di Fluntern a Zurigo. Ma ora due consiglieri comunali irlandesi hanno presentato una mozione per il loro trasferimento

SVIZZERA / ITALIA
9 ore

Luca Mongelli compie 25 anni, per lui nessuna giustizia

Pare che gli interrogativi sull'aggressione subita nel febbraio 2002 a Veysonnaz (VS) non troveranno mai risposta. Il giovane, oggi 25enne, resterà disabile a vita

BERNA
10 ore

Corruzione, condannato il ginevrino Gunvor

Il commerciante di materie prime non ha adottato tutte le misure per impedire la corruzione di pubblici ufficiali da parte dei suoi dipendenti o dei suoi intermediari

GINEVRA
11 ore

Dopo il cancro, lotta con l'assicurazione per i denti

Berdadette deve fare i conti con gli strascichi della chemioterapia. «Non è estetica, è una questione di dignità per le persone già colpite da gravi malattie»

SVIZZERA
12 ore

Ikea Svizzera: aumentano i ricavi, si punta sull'online

Al termine dell'esercizio 2018/2019 l'azienda ha registrato un fatturato di 1,14 miliardi di franchi, in crescita del 3,7% rispetto all'anno precedente

BERNA
13 ore

Elezioni federali, chi voterete?

Domenica prossima si terranno le elezioni federali. Ha già deciso chi votare e perchè? Partecipa al nostro sondaggio

ZURIGO
22 ore

Sfuriata di un agente in borghese sull'A1: al poliziotto hanno bucato le gomme

Scatta la condanna social contro l'ufficiale dopo il video del diverbio. L'esperto di diritto: «Gli utenti possono incorrere in denunce»

Copyright ©2019 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile