Immobili
Veicoli
Ti Press
ARGOVIA
30.08.19 - 12:500

Accusato ingiustamente di furto, ottiene la revisione della condanna

Il Tribunale federale ha annullato una decisione della giustizia argoviese, che si era rifiutata di entrare in materia

LOSANNA - Accusato a torto di furto, un uomo ottiene la possibilità di un nuovo giudizio che riconosca la sua innocenza. Lo ha stabilito il Tribunale federale (TF), annullando una decisione della giustizia argoviese, che si era rifiutata di entrare in materia.

Nel maggio del 2018 l'interessato era stato accusato dall'impresa per la quale lavorava di aver sottratto 500 franchi. In settembre era stato condannato tramite decreto d'accusa a 30 aliquote giornaliere da 30 franchi, sospese. L'uomo aveva tardato a impugnare la condanna, che era diventata definitiva.

Un mese più tardi, l'azienda aveva annunciato alle autorità penali che un controllo della contabilità aveva messo in luce un errore e che non c'era stato nessun furto. Di conseguenza ritirava la sua denuncia.

Il Ministero pubblico aveva allora inoltrato una richiesta di revisione presso l'alta corte del canton Argovia, che non era entrata in materia. Aveva ricordato che la procedura in materia di decreto d'accusa prevede che l'imputato prenda posizione, sia lasciandolo entrare in vigore, sia contestandolo con un'impugnazione. I giudici sottolineavano inoltre che l'uomo doveva sapere di essere innocente e avrebbe dovuto ricorrere.

Nella sua sentenza pubblicata oggi, il TF sottolinea che quando il decreto d'accusa è stato pronunciato, né il protagonista della vicenda, né il Ministero pubblico sapevano che sul caso pesava un errore contabile. Quest'ultimo è stato scoperto solo dopo diverse verifiche, quando ormai la condanna era definitiva e l'impiegato non avrebbe potuto farvi riferimento nel suo ricorso.

La corte aggiunge che la procedura semplificata in caso di decreto d'accusa non dispensa il Ministero pubblico dal compito di stabilire i fatti. Una condanna può essere pronunciata solo se questi ultimi sono ammessi dall'accusato o se la situazione è sufficientemente chiara.

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Svizzera
ZURIGO
9 ore
Cresce la paura della guerra: la Svizzera deve mediare?
Si fa sempre più tesa la situazione tra Ucraina e Russia. L'occidente teme ormai un'invasione
SVIZZERA
12 ore
La variante Omicron... e i test Covid
Non mancano i dubbi attorno ai test Covid. Ecco le principali risposte
SVIZZERA
14 ore
«Le visite agli strip club erano per motivi di lavoro»
L’ex amministratore delegato di Raiffeisen Pierin Vincenz giustifica le spese pazze addebitate alla banca.
SVIZZERA
16 ore
Le “firme” nel sistema immunitario di chi rischia il Long Covid
Uno studio zurighese ha identificato i fattori di rischio immunologici
SVIZZERA
16 ore
Il processo Vincenz non si ferma
La Corte ha respinto le richieste di sospensione. Inizia l'interrogatorio dell'ex Ceo
SVIZZERA
16 ore
In Svizzera 36'658 contagi e dodici decessi in ventiquattro ore
Nelle strutture sanitarie elvetiche sono state ricoverate altre 121 persone col Covid
SVIZZERA
19 ore
«Un allentamento delle misure porterebbe a un'ulteriore ondata»
Gli esperti della Confederazione fanno il punto della situazione. E frenano gli entusiasmi su una fine delle restrizioni
SVIZZERA
21 ore
«Ci siamo comportati come bravi soldatini, adesso basta»
Politici e associazioni economiche fremono: Le attuali restrizioni sono «sproporzionate» e «vanno revocate».
ARGOVIA
22 ore
Cadavere nella grotta, il 22enne a processo per assassinio
Il Ministero pubblico argoviese ha richiesto sedici anni e quattro mesi di carcere per il giovane omicida.
BERNA
22 ore
Aquila reale vittima di una turbina eolica
L'incidente è avvenuto nel mese di novembre sul Mont-Soleil, nel Giura bernese.
Copyright ©2022 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile