Deposit
SVIZZERA
27.08.19 - 18:150

Radio e tv resistono alla concorrenza del digitale

Piattaforme come Spotify sono ancora lontane dai numeri delle stazioni radio, che vengono ancora ascoltate dai giovani

ZURIGO - Le emittenti radiofoniche e televisive continuano a ritagliarsi la parte del leone del mercato dei media elettronici, che vede comunque in sensibile crescita servizi streaming come Spotify, Youtube e Netflix. Lo indica uno studio pubblicato oggi dalla comunità d'interessi IGEM.

In un anno, ad esempio, Spotify - servizio musicale in parte gratuito che offre lo streaming su richiesta di una selezione di brani di varie case discografiche ed etichette indipendenti - ha conquistato circa 325'000 nuovi utenti in Svizzera. Tuttavia conta solo 1,6 milioni di fruitori rispetto ai 5,6 milioni di ascoltatori di canali radiofonici.

Anche i giovani ascoltano ancora spesso la radio. Più di un terzo della popolazione di età inferiore ai 25 anni accende occasionalmente una radio e quasi la metà l'ascolta quotidianamente. Per quanto concerne Spotify, un giovane su sei di 15 anni o più vi accede ogni giorno, indica il digiMONITOR della comunità d'interessi dei media elettronici.

Quest'indagine, realizzata dall'istituto di ricerche di mercato Link, ha coinvolto 1034 persone nella Svizzera tedesca e 752 in Romandia di età superiore ai 15 anni, contattate telefonicamente. Il sondaggio, giudicato rappresentativo, secondo gli autori ha un margine d'errore di 2,3 punti percentuali. Il monitoraggio indica quale sia il consumo di vari prodotti (dall'audio alla realtà virtuale passando per video e teletext) su cellulare, tablet, computer e apparecchi radiofonici e televisivi.

Anche Netflix - società operante nella distribuzione via internet di film, serie televisive e altri contenuti d'intrattenimento - è assai apprezzato: conta 1,8 milioni di utenti, ma la sua crescita è più lenta di quella di Spotify. Il fatto che l'abbonamento sia a pagamento fa sì che gli utenti debbano avere un certo reddito.

Con i suoi 4,2 milioni di utenti occasionali, Youtube - piattaforma web che consente la condivisione e visualizzazione in rete di contenuti multimediali - è senza dubbio la star nello streaming. Tuttavia, nessun servizio supera la televisione tradizionale con i suoi 5,9 milioni di telespettatori.

Senza sorpresa molti ascoltano la radio o guardano la tv su smartphone e computer ma, per tutte le fasce d'età, il televisore classico è di gran lunga il dispositivo preferito. I giovani lo considerano del resto una sorta di media sociale poiché lo accendono spesso in compagnia di amici, conoscenti o parenti.

Su internet, i giovani si sono da tempo allontanati da Facebook. Mentre l'82% dei giovani tra i 15 e i 24 anni ha visitato la rete sociale almeno "occasionalmente" nel 2014, quest'anno erano solo il 36%, stando a digiMONITOR.

L'azienda di Mark Zuckerberg, cui fanno capo anche Instagram e Whatsapp, ha comunque una solida base di utenti, dato che raggiunge l'80% della popolazione svizzera di età superiore ai 15 anni. E quasi tutte le persone sotto i 40 anni utilizzano almeno una delle piattaforme dell'azienda californiana. Del resto presso l'applicazione di messaggistica istantanea Whatsapp, gli "under 40" rappresentano il 77% degli utenti.

Instagram, social network che permette agli utenti di scattare foto, applicarvi filtri, e condividerle in rete, è particolarmente popolare nella fascia d'età compresa tra 15 e 24 anni: l'80% di queste persone ha un account e la maggior parte di loro visita la piattaforma ogni giorno. L'età media dei suoi abbonati è però di 32 anni.

La situazione è diversa per il servizio di messaggistica on line Snapchat e la piattaforma di gioco Twich, i cui utenti hanno in media 25 anni. Gli utilizzatori più giovani si trovano sul portale video cinese Tik Tok, dove l'età media è di 16 anni.

La piattaforma di gioco eSport è utilizzata quasi esclusivamente da uomini. Le donne sono in minoranza anche su Twitter e sulle piattaforme professionali Linkedin e Xing. Al contrario, 800'000 degli 1,1 milioni di utenti di Pinterest, social network basato sulla condivisione di fotografie, video e immagini, sono di sesso femminile.
 
 

Commenti
 
Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Svizzera
BERNA
2 ore

Da Berna a Palermo con treno e traghetto: «L'aereo non è un'opzione»

Una scelta singolare quella del Municipio della capitale - a maggioranza rosso-verde - che settimana prossima si recherà per una visita di lavoro in Sicilia

GINEVRA
4 ore

Decapitata la sicurezza a Cointrin

Il capo e il suo vice sono stati licenziati con effetto immediato poiché coinvolti in un procedimento penale per corruzione

SVIZZERA
4 ore

Domino's Pizza si ritira dalla Svizzera

Il gruppo è presente nella Confederazione dal 2000; dal settembre 2012 Domino's Pizza Schweiz è filiale della britannica Domino's Pizza Group

ZURIGO / IRLANDA
7 ore

Dublino vuole riavere le ceneri di James Joyce

I resti del famoso scrittore sono custoditi nel cimitero di Fluntern a Zurigo. Ma ora due consiglieri comunali irlandesi hanno presentato una mozione per il loro trasferimento

SVIZZERA / ITALIA
9 ore

Luca Mongelli compie 25 anni, per lui nessuna giustizia

Pare che gli interrogativi sull'aggressione subita nel febbraio 2002 a Veysonnaz (VS) non troveranno mai risposta. Il giovane, oggi 25enne, resterà disabile a vita

BERNA
10 ore

Corruzione, condannato il ginevrino Gunvor

Il commerciante di materie prime non ha adottato tutte le misure per impedire la corruzione di pubblici ufficiali da parte dei suoi dipendenti o dei suoi intermediari

GINEVRA
11 ore

Dopo il cancro, lotta con l'assicurazione per i denti

Berdadette deve fare i conti con gli strascichi della chemioterapia. «Non è estetica, è una questione di dignità per le persone già colpite da gravi malattie»

SVIZZERA
11 ore

Ikea Svizzera: aumentano i ricavi, si punta sull'online

Al termine dell'esercizio 2018/2019 l'azienda ha registrato un fatturato di 1,14 miliardi di franchi, in crescita del 3,7% rispetto all'anno precedente

BERNA
12 ore

Elezioni federali, chi voterete?

Domenica prossima si terranno le elezioni federali. Ha già deciso chi votare e perchè? Partecipa al nostro sondaggio

ZURIGO
22 ore

Sfuriata di un agente in borghese sull'A1: al poliziotto hanno bucato le gomme

Scatta la condanna social contro l'ufficiale dopo il video del diverbio. L'esperto di diritto: «Gli utenti possono incorrere in denunce»

Copyright ©2019 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile