Keystone
SVIZZERA / BRASILE
23.08.19 - 15:280

Anche Berna guarda all'Amazzonia con preoccupazione

Il DFAE ha dichiarato che affronterà la questione con i paesi interessati. Bolsonaro pensa di ricorrere alle forze armate vista l'emergenza, il suo vice: «Incendi normali, è malafede»

BERNA - La Svizzera apprende «con grande preoccupazione» le notizie riguardanti gli incendi in Amazzonia. Le autorità affronteranno la questione con i vari Paesi interessati, ha dichiarato oggi il Dipartimento federale degli affari esteri (DFAE).

Secondo esperti elvetici, le cause degli incendi in Amazzonia sono di vario genere, ha indicato il DFAE all'agenzia Keystone-ATS in una presa di posizione: oltre ai roghi appiccati intenzionalmente, vi sono anche eventi naturali capaci di far divampare focolai d'incendio, come ad esempio la siccità.

Bolsonaro manda le forze armate - Nel frattempo il presidente brasiliano Jair Bolsonaro ha detto che il suo governo probabilmente ricorrerà alle forze armate per combattere gli incendi nella foresta amazzonica, dopo una riunione d'urgenza del suo gabinetto di crisi tenutasi ieri notte a Brasilia. Legalmente, il capo dello Stato brasiliano può usare le forze armate per affrontare emergenze sul territorio nazionale attraverso un decreto.

Durante la riunione tenutasi nella notte scorsa a Brasilia - alla quale hanno partecipato i ministri per l'ambiente, gli esteri, la sicurezza e l'agricoltura - Bolsonaro ha ordinato a tutti i dicasteri di mobilitarsi per «monitorare e combattere gli incendi nella regione dell'Amazzonia», con l'obiettivo di «preservare e difendere la foresta amazzonica, patrimonio nazionale».

«Non è una crisi» - Il vicepresidente brasiliano, Hamilton Mourao, ha invece accusato di «malafede» i leader internazionali che cercano di «far diventare una crisi» l'aumento degli incendi nella foresta amazzonica, assicurando che sono normali nei periodi di secca. «L'Amazzonia brasiliana è al sicuro!», ha scritto Mourao su Twitter, ricordando che «io ho vissuto lì e so che gli incendi sono episodici in periodo di secca», prima di aggiungere che «cercare di trasformarli in una crisi, dimenticandosi delle tragedie che gli incendi hanno causato in Europa e negli Usa, è solo la dimostrazione della malafede di chi non sa nemmeno che i polmoni del mondo sono gli oceani, e non l'Amazzonia». Senza menzionarlo, il vicepresidente brasiliano si riferiva così al presidente francese Emmanuel Macron, che ha denunciato su Twitter che «l'Amazzonia, il polmone del nostro pianeta che produce il 20% del nostro ossigeno, è in fiamme», sostenendo che si tratta di «una crisi internazionale».

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Svizzera
ZURIGO
20 min
Nel corso del processo scatta la rissa
Il padre di un 35enne accusato di omicidio avrebbe tirato un pugno all'altro imputato durante una pausa
SVIZZERA/CINA
7 ore
Le multinazionali elvetiche in Cina: «Lavorate da casa e lavate le mani»
Le aziende stanno monitorando attentamente la diffusione del virus della nuova polmonite cinese
ZURIGO
11 ore
«La neve industriale è comune vicino agli inceneritori»
A tu per tu con una meteorologa sul fenomeno che stamani ha interessato la regione di Zurigo: fiocchi di neve, che però non erano di vera neve
FOTO E VIDEO
SVIZZERA
12 ore
Ecco la più piccola moneta d'oro del mondo
Realizzata dalla zecca federale, ha un diametro inferiore ai tre millimetri e pesa solo 63 milligrammi
ARGOVIA
12 ore
Figlia sottratta alla madre, pene sospese per il padre e la nonna
La vicenda era balzata alla ribalta della cronaca nel maggio del 2015 quando la bimba fu rintracciata in Francia con la donna
ZURIGO
16 ore
Proteste anti-WEF, poliziotto ferito
Un agente zurighese è stato colpito all'occhio da un razzo pirotecnico, riportanto lesioni «non irrilevanti»
ZURIGO
18 ore
Ragazza investita mentre attraversava le strisce
La giovane di 17 anni è rimasta gravemente ferita ieri sera a Horgen
VAUD
20 ore
Ogni giorno 50'000 spinelli fumati, ma la cocaina rende di più
Uno studio permette «di capire l'universo in cui vivono i consumatori di droga»
FOTO
ZURIGO
21 ore
Sulla Limmat il risveglio è bianco... ma è un fake
Si tratta di "neve industriale". Affinché si formi, sono necessarie temperature fredde, nebbia alla giusta altezza e ciminiere industriali
SVIZZERA
22 ore
Così gli aeroporti svizzeri si preparano per il coronavirus
Tutte le misure messe in atto, soprattutto a Zurigo, anche se per ora siamo lontani dagli scanner di temperatura di Stati Uniti e Cina
Copyright ©2020 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile