Tipress
VAUD
22.08.19 - 12:170
Aggiornamento : 13:27

Le vittime devono essere informate quando i colpevoli vengono scarcerati

Lo ha deciso il Tribunale federale, analizzando un caso di omicidio avvenuto nel 2008

LOSANNA - Le vittime di reati e i loro famigliari hanno il diritto di essere informati quanto i colpevoli vengono scarcerati. Lo ha deciso il Tribunale federale, chiamato par la prima volta ad esprimersi su un caso del genere. L'Alta Corte ha respinto il ricorso di una donna condannata per complicità in assassinio.

Quest'ultima era stata condannata a sei anni di detenzione nel 2015 per essere stata coinvolta nell'omicidio di suo genero, ucciso da un sicario nel 2008 mentre dormiva nel suo appartamento.

Lo scorso anno, la madre dell'uomo ha chiesto al Servizio ginevrino di esecuzione delle pene (SAPEM) di essere informata al momento della scarcerazione della consuocera allo scopo di evitare incontri fortuiti.

Il SAPEM ha accettato di informare la donna per quel che concerne la scarcerazione o una eventuale evasione. Il ricorso della consuocera è stato respinto dalla giustizia ginevrina.

Si è così giunti al Tribunale federale che ha anch'esso respinto il ricorso. I giudici di Mon Repos ricordano che il Codice penale conferisce alla vittima e ai suoi famigliari il diritto all'informazione sull'esecuzione della pena dell'autore del reato. Solo un interesse preponderante del condannato consente di impedire la comunicazione di tali informazioni.

Nel caso concreto, il TF ha sottolineato che la possibilità di un incontro fortuito tra le parti è proprio uno dei motivi principali che hanno portato all'adozione di questa disposizione, entrata in vigore il 1° gennaio 2016. I giudici hanno altresì respinto l'interpretazione della ricorrente secondo cui la trasmissione di informazioni è giustificata solo in caso di "comportamento negativo" della persona condannata, per esempio in caso di minacce. Per il Tribunale federale, tale requisito non è previsto dalla legge, né emerge dalla volontà del legislatore.

Commenti
 
Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Svizzera
ZURIGO
9 ore
Dirigenti delle aziende cantonali: no al tetto da 1 milione di franchi all'anno
Il Gran Consiglio ha bocciato la richiesta del PS
GRIGIONI
12 ore
Coronavirus: guardia alta in vista della maratona di sci
Le istituzioni grigionesi sono pronte ad adottare le opportune misure in caso di diffusione della malattia nel cantone
BERNA
15 ore
Si rompe un cornicione di neve, muore un 25enne
Il giovane e un accompagnatore si trovavano nella Regione del Susten e si stavano preparando a scendere
SVIZZERA
19 ore
Nuovo boom dei giochi da tavolo
I millennials sono il motore di questa rinascita, e il gioco più venduto probabilmente lo avete anche voi
ZURIGO
19 ore
BNS, gli averi a vista salgono ancora
Si tratta del sesto incremento consecutivo
ZURIGO
19 ore
Dopo la panne, Swisscom gli offre 1'000 franchi di danni
I recenti guasti si sono conclusi con un indennizzo per un imprenditore. L'operatore: «Solo un gesto di cortesia»
FOTO
VALLESE
23 ore
Cinquant'anni fa la valanga su Reckingen, morirono 30 persone
La neve spazzò case e accantonamenti militari nel piccolo villaggio dell'Alto Vallese
BERNA
1 gior
Doping, c'è anche un medico svizzero nello scandalo Aderlass
L'uomo avrebbe fornito una sostanza proibita tra il 2012 e il 2013
SVIZZERA
1 gior
Come proteggersi dal coronavirus
Un reminder sulle precauzioni da prendere per evitare il contagio
BERNA
1 gior
Il Coronavirus avanza, le autorità svizzere guardano
Da Berna nessuna ulteriore misura. Silenzio in Ticino. Il virologo: «Sbagliate le previsioni tranquillizzanti»
Copyright ©2020 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile