Keystone - foto d'archivio
SVIZZERA
20.08.19 - 16:430

Bocciata la petizione contro i tagli al personale di Swisscom

Syndicom: «La maggioranza conservatrice della commissione travisa la situazione nell’azienda e si schiera contro gli interessi del personale»

BERNA - «La commissione dei trasporti e delle telecomunicazioni del Consiglio degli Stati (CTT-S) non prende sul serio le richieste dei dipendenti della Swisscom». È questa la presa di posizione di syndicom quale reazione alla bocciatura da parte della commissione della petizione del sindacato che chiedeva di fermare lo smantellamento all’organico di Swisscom. «Così facendo, la maggioranza conservatrice della commissione travisa la situazione nell’azienda e si schiera contro gli interessi del personale».

In autunno syndicom aveva depositato presso il Consiglio federale e il Parlamento questa petizione firmata da 4‘000 dipendenti Swisscom. A inizio anno la Commissione dei trasporti e delle telecomunicazioni del Consiglio nazionale (CTT-N) aveva già trattato la petizione che chiedeva lo stop ai tagli del personale Swisscom. Per syndicom la CTT-N si è resa «co-responsabile dello smantellamento in atto alla Swisscom». Ora la maggioranza della commissione del Consiglio degli Stati, «altrettanto dominato dalla destra», ha confermato la decisione.

Affinché la Swisscom possa conservare anche in futuro il suo alto standard di qualità, richiesto dalla politica, ed affermarsi sul mercato del lavoro come buon datore di lavoro, per syndicom «vanno urgentemente abbassate le aspettative del Consiglio federale sull’aumento di valore e sul rendimento». Una politica sostenibile del personale «è indispensabile».

Comunque, syndicom «si rallegra del fatto che sia stata annunciata la necessità di tematizzare la strategia globale riguardo alle imprese parastatali nella prossima legislatura». 

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Svizzera
SVIZZERA
41 min
Monica Duca Widmer presidente del nuovo cda della RUAG
Oltre alla ticinese, ne faranno parte Monika Krüsi Schädle e Ariane Richter Merz. A loro si aggiungono Nicolas Perrin per la MRO Svizzera e Remo Lütolf per la RUAG International
VAUD / ZURIGO
2 ore
Aggredì un'operatrice con una roncola: pena confermata
La 38enne ivoriana dovrà scontrare 18 anni. Il fatto avvenne in un centro per richiedenti asilo di Embrach nel 2015
GINEVRA
3 ore
Curdo si cosparge di benzina e si dà fuoco
È successo davanti all'Alto Commissariato delle Nazioni Unite per i rifugiati. L'uomo è stato ricoverato al CHUV di Losanna
SVIZZERA
3 ore
Stop alla triturazione dei pulcini vivi
La decisione è stata presa oggi dal Consiglio federale. La procedura sarà vietata a partire dal prossimo 1° gennaio
SVIZZERA
3 ore
San Gallo ristruttura i suoi ospedali
Cinque dei nove nosocomi a vocazione locale saranno ridotti a centri per urgenze con alcuni letti. 60-70 posti saranno cancellati, ma il taglio dovrebbe avvenire tramite fluttuazioni naturali
SVIZZERA
4 ore
È così che l'assassino Zoran P. ha ingannato le autorità svizzere
Fuggito dal carcere in Bosnia, si era rifatto una vita in terra confederata. I vicini sono scioccati
BERNA
6 ore
Da Coop niente più sacchetti di plastica gratis
L'iniziativa interessa Coop Edile+Hobby, Coop City, Interdiscount, Fust, Coop Vitality e Import Parfumerie
ARGOVIA
6 ore
Mani austriache su Mobili Pfister
Il gruppo svizzero dell'arredamento passa a XXXLutz. Non sono previsti cambiamenti per i dipendenti né licenziamenti
SVIZZERA
8 ore
Assassino plurimo latitante da 24 anni, viveva in incognito in Svizzera
In Bosnia aveva rapinato e ucciso una famiglia negli anni '90, era evaso e fuggito nella Confederazione dove si era sposato. Lunedì è stato rimpatriato
LIECHTENSTEIN
15 ore
Una Ferrari rubata rispunta dopo dieci anni
La vettura, sparita nel 2009 nel principato, è stata ritrovata a Londra
Copyright ©2019 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile