20 Minuten
Il comandante di corpo Philippe Rebord.
SVIZZERA
16.08.19 - 10:150
Aggiornamento : 10:36

«Per noi la gestione della diversità è molto importante»

Il capo dell'esercito svizzero Philippe Rebord vorrebbe più donne nell'esercito e apre ai militi trans

BERNA - Signor Rebord, lei ha istituito quella che in molti chiamano “Scuola reclute light” con marce più leggere e con scarpe comode... Volete rendere il militare più attraente?
«Direi piuttosto che vogliamo mettere in forma le reclute in maniera più graduale. È una formula che funziona, ci sono meno infortuni e meno licenziamenti per ragioni mediche». 

Cosa ci dice del recente caso di Ellyot, giovane transessuale vodese respinto al reclutamento dai medici?
«Tratterò il tema con chi di dovere, lui ha fatto ricorso e se ne occuperà la commissione speciale. Ritengo che anche chi è transessuale abbia il diritto di servire, ovviamente se viene ritenuto idoneo».

Fra le motivazioni c'era anche il fatto che le altre reclute avrebbero potuto maltrattarlo. L'esercito ha un problema di tolleranza?
«No, i ragazzi in genere sono molto aperti e rispettosi. Per noi la gestione della diversità è molto importante, e lo ribadiamo anche durante i corsi di formazione dei graduati».

Altra questione importante: le donne. Secondo lei è giusto che anche per loro vi sia l'obbligo di leva? 
«Questa è una domanda politica. Senz'altro ritengo che dovrebbero esserci più donne nell'esercito, hanno qualcosa di diverso e importante da dare soprattutto nell'ambito della mediazione con la popolazione civile. Lo confermano le missioni internazionali come Swisscoy in Kosovo, lì il 22% dei militi sul campo è femmina mentre nell'esercito è dello 0,7%».

Alla fine di quest'anno lascerà per motivi di salute, che farà?
«Mi dedicherò alla famiglia e finalmente avrò un po' di vita sociale! Da capo dell'esercito non ho molto tempo libero e non vedo un concerto da anni... E ho anche promesso a mia moglie di imparare a stirare».

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Svizzera
ARGOVIA
20 min
Arringa la folla di manifestanti anti restrizioni: docente cantonale licenziato in tronco
Per la direzione, non avrebbe dovuto presentarsi come insegnante. L'interessato: «Rifarei tutto».
FOTO
NEUCHÂTEL
1 ora
Manifestanti anti-misure in corteo a Neuchâtel
È già il secondo corteo quest'anno e c'erano circa 800 manifestanti
LUCERNA
2 ore
Il software per le tasse è un gran pasticcio, il Cantone si scusa in video
A Lucerna tanti problemi per il nuovo programma, soprattutto fra i senior: «Ci dispiace che si siano sentiti insultati»
GRIGIONI
4 ore
Terrazze chiuse? I gestori grigionesi si concedono una piccola proroga
Avrebbero dovuto smantellarle oggi, ma approfitteranno dell'ultimo weekend della stagione.
FOTO
SAN GALLO
5 ore
Una Ferrari distrutta dalle fiamme
Nessun ferito, ma danni per oltre centomila franchi. È il bilancio dell'incendio sull'A13
SVIZZERA
5 ore
Jacqueline rimanda le prove di primavera (ma in Ticino un po' meno)
Al Nord delle Alpi il vento freddo riporta il termometro attorno allo 0, a Sud invece sarà solo un attimo più frescolino
ZURIGO
5 ore
Investito dal tram: morto un 82enne
L'incidente si è verificato oggi a Zurigo alla fermata Talwiesenstrasse
SVIZZERA
6 ore
«Bar e ristoranti vanno riaperti il 22 marzo»
È quanto chiede la Commissione dell'economia e dei tributi del Consiglio nazionale
FRIBURGO / BERNA
8 ore
Con l'auto rubata contro un camion
Si è concluso così un inseguimento che ha avuto luogo nella notte sull'A12 tra Bulle e Berna
SVIZZERA / AUSTRIA
9 ore
Attentato di Vienna: i due islamisti svizzeri sarebbero stati complici della mattanza
Tre mesi prima dell'attacco avrebbero viaggiato in auto da Winterthur alla capitale austriaca e soggiornato da Kujtim F.
Copyright ©2021 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile