Keystone
BERNA
09.08.19 - 13:380
Aggiornamento : 15:03

Casi di diarrea e vomito nell'esercito, adottate nuove misure

Sono state disposte misure di disinfezione e un'intensificazione dei controlli, oltre a una maggiore sensibilizzazione

BERNA - Dopo i casi di diarrea e vomito che lo scorso mese hanno colpito le caserme di Jassbach (BE), Bière (VD) e Sion, l'esercito ha adottato misure volte a evitare ulteriori situazioni di questo genere.

Per accertare le cause di quanto accaduto la Giustizia militare ha avviato delle inchieste, si legge in un comunicato odierno del Dipartimento della difesa (DDPS). Queste ultime sono tutt'ora in corso.

Secondo quanto accertato dall'Ispettorato delle derrate alimentari dell'esercito, l'insalata di pasta servita a Jassbach (69 intossicati) era contaminata da batteri e ciò potrebbe essere stato all'origine delle intossicazioni alimentari. A Sion (70 intossicati) sono stati riscontrati germi nell'acqua di un tubo impiegato per la pulizia della cucina. A Bière (92 intossicati) è stata invece appurata la presenza di un numero elevato di batteri in un'insalata acquistata già pronta.

Misure - Quale misura immediata a livello di esercito si è proceduto a una sensibilizzazione affinché si applichi una produzione sul momento ("just in time") e si rinunci a riscaldare pietanze cucinate in precedenza, in caso di temperature esterne elevate. Inoltre sono state disposte misure di disinfezione e un'intensificazione dei controlli.

Da subito nel servizio d'istruzione di base ci si concentra in modo approfondito sulle conoscenze relative alle merci in entrata, alle temperature di cottura e al processo di refrigerazione. Nel caso dell'insalata pronta contaminata da batteri a Bière, il fornitore ha verificato e corretto i propri processi in materia d'igiene.

Il responsabile della Sicurezza alimentare dell'esercito puntualizza che in linea di principio l'igiene nelle cucine della truppa è da buona a ottima. Ogni anno vengono riscontrate unicamente singole mancanze nell'ambito dell'igiene con conseguenze per la salute. Tuttavia, in caso di temperature esterne elevate, «sussiste una certa necessità di agire», continua la nota.

Ogni persona impiegata in cucina viene istruita in base ai regolamenti esistenti in materia di sussistenza e la relativa attuazione viene monitorata regolarmente dai controllori dell'Ispettorato delle derrate alimentari nonché da controllori civili. I capicucina e i cuochi di truppa dispongono inoltre di conoscenze che hanno acquisito in precedenza, nella loro attività professionale civile.

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Svizzera
SVIZZERA
38 min
Monica Duca Widmer presidente del nuovo cda della RUAG
Oltre alla ticinese, ne faranno parte Monika Krüsi Schädle e Ariane Richter Merz. A loro si aggiungono Nicolas Perrin per la MRO Svizzera e Remo Lütolf per la RUAG International
VAUD / ZURIGO
2 ore
Aggredì un'operatrice con una roncola: pena confermata
La 38enne ivoriana dovrà scontrare 18 anni. Il fatto avvenne in un centro per richiedenti asilo di Embrach nel 2015
GINEVRA
3 ore
Curdo si cosparge di benzina e si dà fuoco
È successo davanti all'Alto Commissariato delle Nazioni Unite per i rifugiati. L'uomo è stato ricoverato al CHUV di Losanna
SVIZZERA
3 ore
Stop alla triturazione dei pulcini vivi
La decisione è stata presa oggi dal Consiglio federale. La procedura sarà vietata a partire dal prossimo 1° gennaio
SVIZZERA
3 ore
San Gallo ristruttura i suoi ospedali
Cinque dei nove nosocomi a vocazione locale saranno ridotti a centri per urgenze con alcuni letti. 60-70 posti saranno cancellati, ma il taglio dovrebbe avvenire tramite fluttuazioni naturali
SVIZZERA
4 ore
È così che l'assassino Zoran P. ha ingannato le autorità svizzere
Fuggito dal carcere in Bosnia, si era rifatto una vita in terra confederata. I vicini sono scioccati
BERNA
5 ore
Da Coop niente più sacchetti di plastica gratis
L'iniziativa interessa Coop Edile+Hobby, Coop City, Interdiscount, Fust, Coop Vitality e Import Parfumerie
ARGOVIA
6 ore
Mani austriache su Mobili Pfister
Il gruppo svizzero dell'arredamento passa a XXXLutz. Non sono previsti cambiamenti per i dipendenti né licenziamenti
SVIZZERA
8 ore
Assassino plurimo latitante da 24 anni, viveva in incognito in Svizzera
In Bosnia aveva rapinato e ucciso una famiglia negli anni '90, era evaso e fuggito nella Confederazione dove si era sposato. Lunedì è stato rimpatriato
LIECHTENSTEIN
15 ore
Una Ferrari rubata rispunta dopo dieci anni
La vettura, sparita nel 2009 nel principato, è stata ritrovata a Londra
Copyright ©2019 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile