Keystone
SVIZZERA
09.08.19 - 10:430

Eccesso di tempo libero, militi della PCi «frustrati»

Quattro ore di lavoro, quattro ore di riposo o di pausa: i militi della protezione civile si lamentano per la “costante attesa”. I politici lo reputano «un problema di gestione»

BERNA - Flurin Conradin, di Zurigo, è frustrato: nel 2011 si è offerto come volontario, ma spesso, ora, durante i corsi di ripetizione - a cui è chiamato almeno due giorni all’anno - ha una «pausa» o «niente da fare».

Conradin ha riassunto quegli eccessi di tempo libero in una sorta di “registro delle attese”, corredato anche da alcune foto: in tre giorni giorni di servizio, ad esempio, fa notare, ha avuto, complessivamente, 12 ore e 8 minuti di pausa: in quelle ore libere, puntualizza, «un collega ha studiato per un esame di ornitologia che doveva sostenere, mentre io e altri, su ordine del comandante, ci siamo recati in piscina». Conardin è scandalizzato.

Inoltre, la protezione civile ha un problema di effettivi: invece di 6’000 persone l’anno scorso ne sono state reclutate soltanto 3’700. Cifre, queste, che non sorprendono Conradin, visto quanto ha vissuto in prima persona.

Pertanto, Flurin Conradin ha presentato una petizione al Parlamento per la revisione della legge sulla protezione civile: in essa chiede che venga abolito il numero minimo di giorni da svolgere in un anno ai corsi di ripetizione, così come che gli stessi vengano interrotti non appena non c’è più niente da fare.

In Parlamento, tuttavia, si sta discutendo il contrario: ora i militi potrebbero venire chiamati ai corsi di ripetizione almeno tre giorni all’anno. Il consigliere agli stati sciaffusano Thomas Minder intende in ogni caso affrontare quanto esposto da Conradin e dai firmatari della petizione: se si verifica quanto esposto, «è un problema di gestione», afferma Minder. 

L’Ufficio federale della protezione della popolazione (Ufpp) non è d’accordo: «La protezione civile si sta impegnando per la realizzazione di corsi di ripetizione significativi e adeguati, al fine di ottimizzare gli standard di formazione e di gestione», afferma il portavoce Kurt Münger. La Confederazione, dal canto suo, non è a conoscenza di alcun accumulo di reclami legati a «problemi occupazionali» ai corsi di ripetizione della protezione civile.

 

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Svizzera
BERNA
13 min
Obiettivo: "Scoprire ogni singolo caso"
A Berna gli esperti hanno evidenziato strategie e obiettivi della tracciabilità del virus
SVIZZERA
2 ore
Coronavirus: 10 nuovi casi e un decesso in Svizzera
Il numero di contagi in Svizzera dall'inizio dell'emergenza sale a 30'746
FOTO
SVIZZERA
2 ore
Una promozione felina nell'esercito
Lili ha meritato le mostrine «per il suo efficiente servizio in favore della truppa».
SVIZZERA
3 ore
Gli averi a vista della BNS continuano a salire, ed è record storico
Ed è la 19esima volta di fila per il valore più elevato mai raggiunto, e non è detto che sia una cosa positiva
VAUD
4 ore
Crediti Covid trasferiti all'estero: sospetti di una frode milionaria
Il Ministero pubblico vodese ha avviato un'inchiesta. Una persona si trova in detenzione preventiva
SVIZZERA
4 ore
«Con l'auto il rischio di morte è 59 volte maggiore»
L'Ufficio federale dei trasporti ha pubblicato il suo ultimo rapporto sulla sicurezza dei trasporti pubblici
SVIZZERA
5 ore
Settore secondario: produzione ancora in crescita, cifre d’affari in calo
La pandemia ha avuto ripercussioni sui risultati di febbraio e marzo
ZURIGO
6 ore
Coronavirus e rimborsi, il direttore di Hotelplan critica Swiss
«Ha preso soldi dai clienti e poi ha bloccato unilateralmente il rimborso nei suoi sistemi»
BERNA
6 ore
«Servono più scorte mediche»
Jürg Schlup, presidente FMH, ritiene il materiale sanitario debba tornare ad essere prodotto in Svizzera ed Europa
BERNA
8 ore
Coronavirus: togliere alla lotta all'alcolismo per dare ai bar?
A Berna si pensa alla sospensione della tassa sugli alcolici. L'idea non piace alle associazioni contro le dipendenze.
Copyright ©2020 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile