Depositphotos (archivio)
La scoperta di Miescher ha aperto la strada all'identificazione del DNA quale molecola responsabile dei caratteri ereditari.
BASILEA CITTÀ
06.08.19 - 15:030

Un secolo e mezzo fa Friedrich Miescher scopriva il DNA

Nel 1869 il biologo svizzero isolò per la prima volta gli acidi nucleici

BASILEA - 150 anni fa il biologo svizzero Friedrich Miescher isolò per la prima volta gli acidi nucleici, aprendo la strada all'identificazione del DNA quale molecola responsabile dei caratteri ereditari. Anche se è stato alla base di questa importante scoperta, il suo nome è molto meno noto rispetto ad altri scienziati della genetica.

In realtà, Johan Friedrich Miescher (Basilea, 13 agosto 1844-Davos, 26 agosto 1895) voleva identificare i vari tipi di proteine che compongono i globuli bianchi, ma diede inizio a una rivoluzione che necessitò molto tempo per essere compresa appieno.

Nel 1869, lavorando nei rinomati laboratori di Felix Hoppe-Seyler a Tubinga (Baden-Württemberg), scoprì vari composti chimici ricchi in fosfato all'interno dei nuclei dei leucociti (globuli bianchi).

L'importanza della scoperta di tali molecole che denominò "nucleina", pubblicata nel 1871, non fu immediatamente chiara. Solo alla fine degli anni ottanta dello stesso secolo il biologo Albrecht Kossel proseguì lo studio investigando più nel dettaglio le strutture chimiche.

Friedrich Miescher era quasi geneticamente portato alla manipolazione di tessuti e fluidi: proveniva infatti da una famiglia molto in vista nella comunità scientifica. Era nato in una famiglia di anatomisti. Suo padre Friedrich Miescher-His era professore di anatomia e fisiologia a Basilea e Berna, suo zio Wilhelm è stato anche un anatomista e uno dei cofondatori dell'embriologia. Timido ed intelligente, seguì le orme e studiò medicina a Basilea e Gottinga.

Dopo la laurea nel 1868, decise di intraprendere una carriera scientifica e si unì al laboratorio del famoso ricercatore Felix Hoppe-Seyler dell'Università di Tubinga. Qualche anno prima, il chimico e fisiologo aveva scoperto il pigmento sanguigno dell'emoglobina.

Quando Miescher iniziò il suo lavoro sui leucociti - utilizzando bendaggi pieni di pus raccolti all'ospedale di Tubinga - le proteine erano considerate il principale costituente delle cellule. L'acido desossiribonucleico (ADN, in inglese DNA) era ancora ignoto. Per non parlare della sua funzione; anche se Gregor Mendel (1822-1884) aveva scoperto i principi fondamentali dell'ereditarietà qualche anno prima, con i suoi esperimenti di incroci con i piselli.

L'obiettivo di Miescher era di decifrare la composizione proteica dei leucociti, ma fece una strana scoperta: trovò una sostanza le cui proprietà chimiche non corrispondevano a quelle delle proteine (conteneva azoto e fosforo, ma non zolfo). Dato che essa era presente solo nel nucleo cellulare, la chiamò nucleina. In seguito la ritrovò non solo nei globuli bianchi ma anche in altre cellule.

In seguito, Miescher lavorò al laboratorio di Carl Ludwig a Lipsia, dove studiò per un anno fisiologia prima di tornare a Basilea nel 1872 come professore di fisiologia, cattedra già occupata dal padre. A Basilea avviò importanti studi sulla chimica degli acidi nucleici, sebbene la loro funzione continuasse a non essere chiara. Miescher morì di tubercolosi nel 1895 a Davos, dopo aver diretto anche un laboratorio della Socità Max Planck a Tubinga ed l'istituto di ricerca basilese che prese poi il suo nome.

Il suo lavoro del 1869 fu la pietra angolare per identificare gli acidi nucleici come sede dell'informazione genetica, ma divenne noto a gran parte della comunità scientifica solo quando il fisiologo tedesco Albrecht Kossel continuò gli esperimenti sulla struttura chimica della nucleina.

Bisognerà comunque aspettare a molto lungo, fino al 1944, affinché gli scienziati statunitensi Oswald Avery, Maclyn McCarty e Colin MacLeod riuscirono a dimostrare che il DNA - e non le proteine come era stato ipotizzato in precedenza - è il portatore dell'informazione genetica. Poi, nel 1953, James Watson e Francis Crick decodificarono la struttura a doppia elica del DNA sulla base dei dati di Rosalind Franklin e Maurice Wilkins.

Nei decenni che seguirono le ricerche svilupparono metodi per decifrare la sequenza dei "mattoni" del DNA. Con questo "codice" si è riusciti a moltiplicare sezioni specifiche del genoma e a incorporarle in batteri o cellule di lievito per produrre proteine per applicazioni mediche. Decodificando la sequenza degli elementi costitutivi del DNA, e quindi del genoma umano, si sono scoperte le cause genetiche delle malattie. Incorporando modificazioni genetiche analoghe nel genoma degli animali da laboratorio si sono studiati in modo molto più preciso i meccanismi della malattia. E ciò ha permesso di sviluppare terapie.

Anche se Miescher è stato alla base di questi sviluppi, il suo nome è però molto meno noto rispetto, ad esempio, a quelli di Watson e Crick. Gli istituti di Tubinga e Basilea che portano il suo nome sono stati fondati circa 100 anni dopo la scoperta di Miescher.

Commenti
 
ATTENZIONE: a causa dell’elevato numero di commenti sui blog e alla difficoltà della redazione di monitorarli, abbiamo attivato un filtro automatico.
La libertà di espressione deve essere garantita da un comportamento civile e rispettoso di ciascun utente.
Chiunque scriverà offese o frasi irrispettose verrà automaticamente bannato con la conseguente cancellazione dell’account.
Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Svizzera
BERNA
15 min
Obiettivo: "Scoprire ogni singolo caso"
A Berna gli esperti hanno evidenziato strategie e obiettivi della tracciabilità del virus
SVIZZERA
2 ore
Coronavirus: 10 nuovi casi e un decesso in Svizzera
Il numero di contagi in Svizzera dall'inizio dell'emergenza sale a 30'746
FOTO
SVIZZERA
2 ore
Una promozione felina nell'esercito
Lili ha meritato le mostrine «per il suo efficiente servizio in favore della truppa».
SVIZZERA
3 ore
Gli averi a vista della BNS continuano a salire, ed è record storico
Ed è la 19esima volta di fila per il valore più elevato mai raggiunto, e non è detto che sia una cosa positiva
VAUD
4 ore
Crediti Covid trasferiti all'estero: sospetti di una frode milionaria
Il Ministero pubblico vodese ha avviato un'inchiesta. Una persona si trova in detenzione preventiva
SVIZZERA
4 ore
«Con l'auto il rischio di morte è 59 volte maggiore»
L'Ufficio federale dei trasporti ha pubblicato il suo ultimo rapporto sulla sicurezza dei trasporti pubblici
SVIZZERA
5 ore
Settore secondario: produzione ancora in crescita, cifre d’affari in calo
La pandemia ha avuto ripercussioni sui risultati di febbraio e marzo
ZURIGO
6 ore
Coronavirus e rimborsi, il direttore di Hotelplan critica Swiss
«Ha preso soldi dai clienti e poi ha bloccato unilateralmente il rimborso nei suoi sistemi»
BERNA
6 ore
«Servono più scorte mediche»
Jürg Schlup, presidente FMH, ritiene il materiale sanitario debba tornare ad essere prodotto in Svizzera ed Europa
BERNA
8 ore
Coronavirus: togliere alla lotta all'alcolismo per dare ai bar?
A Berna si pensa alla sospensione della tassa sugli alcolici. L'idea non piace alle associazioni contro le dipendenze.
Copyright ©2020 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile