Keystone (archivio)
VAUD
28.07.19 - 18:400

«Non mi pento dei miei tweet sulla Corea del Nord»

Appena tornato da Pyongyang, il consigliere nazionale Claude Béglé difende le sue idee: «Volevo suscitare l'interesse dei nordcoreani e discutere con loro degli aspetti meno favorevoli»

LOSANNA - Claude Béglé «non è pentito» dei suoi tweet encomiastici nei confronti della Corea del Nord. In un'intervista alla radio RTS, il consigliere nazionale vodese (PPD), appena tornato da Pyongyang, ha difeso la sua posizione.

Béglé ha parlato di «volontà deliberata di provocare interesse», di «provocazione», e tutto ciò per «suscitare l'interesse dei nordcoreani e discutere con loro direttamente degli aspetti meno favorevoli, per concludere con un comunicato equilibrato che desse la visione d'insieme».

Interrogato sui suoi interventi, l'esponente PPD non ha negato che quella di Pyongyang sia «una dittatura, uno Stato canaglia», ma assicura che «le cose cambiano e vanno nella direzione di uno scenario cinese». Béglé ha poi affermato di «aver avuto contatti privilegiati» e di avere effettuato visite «da solo, sorvegliato da da dietro ma senza guardia del corpo».

Il consigliere nazionale non intende fare mea culpa davanti al suo partito, che si è distanziato dai suoi tweet, ma ha aggiunto: «So che tutto ciò ha potuto causare problemi al partito e me ne rammarico». Ha comunque ribadito che la sua strategia era quella buona in un Paese in cui ci sono «possibilità di apertura».

Ha inoltre precisato di aver effettuato il viaggio in Corea del Nord a sue spese e di aver avvertito il consigliere federale Ignazio Cassis, ministro degli esteri.

Commenti
 
Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Svizzera
SVIZZERA
38 min
Monica Duca Widmer presidente del nuovo cda della RUAG
Oltre alla ticinese, ne faranno parte Monika Krüsi Schädle e Ariane Richter Merz. A loro si aggiungono Nicolas Perrin per la MRO Svizzera e Remo Lütolf per la RUAG International
VAUD / ZURIGO
2 ore
Aggredì un'operatrice con una roncola: pena confermata
La 38enne ivoriana dovrà scontrare 18 anni. Il fatto avvenne in un centro per richiedenti asilo di Embrach nel 2015
GINEVRA
3 ore
Curdo si cosparge di benzina e si dà fuoco
È successo davanti all'Alto Commissariato delle Nazioni Unite per i rifugiati. L'uomo è stato ricoverato al CHUV di Losanna
SVIZZERA
3 ore
Stop alla triturazione dei pulcini vivi
La decisione è stata presa oggi dal Consiglio federale. La procedura sarà vietata a partire dal prossimo 1° gennaio
SVIZZERA
3 ore
San Gallo ristruttura i suoi ospedali
Cinque dei nove nosocomi a vocazione locale saranno ridotti a centri per urgenze con alcuni letti. 60-70 posti saranno cancellati, ma il taglio dovrebbe avvenire tramite fluttuazioni naturali
SVIZZERA
4 ore
È così che l'assassino Zoran P. ha ingannato le autorità svizzere
Fuggito dal carcere in Bosnia, si era rifatto una vita in terra confederata. I vicini sono scioccati
BERNA
5 ore
Da Coop niente più sacchetti di plastica gratis
L'iniziativa interessa Coop Edile+Hobby, Coop City, Interdiscount, Fust, Coop Vitality e Import Parfumerie
ARGOVIA
6 ore
Mani austriache su Mobili Pfister
Il gruppo svizzero dell'arredamento passa a XXXLutz. Non sono previsti cambiamenti per i dipendenti né licenziamenti
SVIZZERA
8 ore
Assassino plurimo latitante da 24 anni, viveva in incognito in Svizzera
In Bosnia aveva rapinato e ucciso una famiglia negli anni '90, era evaso e fuggito nella Confederazione dove si era sposato. Lunedì è stato rimpatriato
LIECHTENSTEIN
15 ore
Una Ferrari rubata rispunta dopo dieci anni
La vettura, sparita nel 2009 nel principato, è stata ritrovata a Londra
Copyright ©2019 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile