Keystone
SVIZZERA
26.07.19 - 15:340

Parlamenti cantonali, l'UDC spinge il dibattito sull'Islam

Le preoccupazioni principali riguardano la convivenza pacifica, i codici di abbigliamento, sessismo e omofobia. Il Ticino è al secondo posto riguardo agli interventi parlamentari su temi religiosi

BERNA - Nei parlamenti cantonali il 60% di tutti gli interventi su temi religiosi riguardano l'islam, contro il 30% per il cristianesimo. Sono soprattutto i deputati UDC a presentare atti parlamentari riguardanti l'islam, secondo uno studio dell'Università di Friburgo.

La ricerca, realizzata da un gruppo di specialisti dell'Istituto di diritto delle religioni, diretto dal professor René Pahud de Mortanges, ha preso in esame 15 cantoni, fra cui il Ticino, studiando quasi 140 interventi presentati tra il 2010 e il 2018.

Di questi 81 riguardano l'islam, 42 le religioni cristiane e 17 altre religioni. Gli atti parlamentari sono stati presentati da esponenti di 16 formazioni politiche.

L'UDC è il partito che ha presentato più interventi riguardanti l'islam: con 33 atti parlamentari su questo tema, i democentristi superano gli altri tre grandi partiti messi assieme. I ricercatori hanno censito 9 interventi del PPD e sei ciascuno per il PS e il PLR.

L'UDC risulta essere più attiva anche per quanto riguarda il dibattito legato al cristianesimo: 10 interventi rispetto a 7 del PS, 5 del PLR e 3 del PPD. La dominanza democentrista è tuttavia in questo caso meno marcata, scrivono gli autori dello studio.

Preoccupazioni legate all'islam - Lo studio mostra inoltre che i deputati cantonali raramente si impegnano a favore delle chiese. Il più delle volte i loro interventi vertono sul finanziamento delle chiese, i loro privilegi e il ruolo nelle scuole, come ad esempio nel caso dei dibattiti sul crocifisso nelle aule.

Gli interventi riguardanti l'islam riflettono invece preoccupazioni di vario genere: la convivenza pacifica, i codici di abbigliamento, il rispetto dell'ordine stabilito, il sessismo, la violenza e l'omofobia. Tra i temi ricorrenti figurano inoltre i cosiddetti predicatori dell'odio jihadista, i rischi per la sicurezza e a la radicalizzazione.

Ticino secondo per numero interventi - Berna è il cantone con il più alto numero di interventi parlamentari su temi religiosi, in tutto 20. Seguono il Ticino e Lucerna (entrambi 14), davanti ad Argovia (13) e Friburgo (12). Nel periodo preso in esame, nei Grigioni non è invece stato presentato nessun atto parlamentare sull'argomento.

In generale si osservano differenze sostanziali fra i vari cantoni, ma non fra la Svizzera latina - nel caso specifico i cantoni di Friburgo, Ginevra, Neuchâtel e Ticino - e la Svizzera tedesca.

Gli interventi citati nello studio che riguardano il Ticino si riferiscono in particolare alla religione cattolica. I temi affrontati sono la questione dei crocifissi nelle scuole, l'obbligo di frequenza dei corsi di religione, come pure la richiesta di sopprimere la norma di legge che obbliga l'autorità giudiziaria ad informare il vescovo prima di aprire un procedimento penale a carico di ecclesiastici.

Commenti
 
ATTENZIONE: a causa dell’elevato numero di commenti sui blog e alla difficoltà della redazione di monitorarli, abbiamo attivato un filtro automatico.
La libertà di espressione deve essere garantita da un comportamento civile e rispettoso di ciascun utente.
Chiunque scriverà offese o frasi irrispettose verrà automaticamente bannato con la conseguente cancellazione dell’account.
Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Svizzera
SVIZZERA
34 min
No al taglio dell'IVA per sostenere ristorazione e turismo
Il Consiglio degli Stati è stata respinta una mozione in tal senso di Marco Chiesa
SVIZZERA
52 min
La distanza sociale? È raccomandata, ma non c'è più la multa
Nell'ambito dell'attuale situazione epidemiologica, per il Consiglio federale le sanzioni non sarebbero più giustificate
VAUD
1 ora
Uccise il figlio di 11 mesi, 6 anni ed espulsione
La morte è stata provocata scuotendo il piccolo con violenza
FOTO
SVIZZERA / MALDIVE
1 ora
Da 4 mesi alle Maldive a causa del Coronavirus
Lo svizzero Tom Allemann e la sua ragazza cinese stanno vivendo un'esperienza alla Robinson Crusoe
Berna
3 ore
Noi succubi dell'OMS? Scatta l'interpellanza ticinese a Berna
L'accusa di Lorenzo Quadri: "Svizzera ancora una volta acritica e succube nei confronti di organismi sovranazionali"
SVIZZERA
3 ore
Violenza domestica, con la quarantena non sono aumentati i casi
In alcuni cantoni dalla metà di maggio è però cresciuto il numero delle consulenze
SVIZZERA
4 ore
Coronavirus: altri 20 casi, ma nessun morto
Dall'inizio dell'emergenza nel nostro Paese 30'913 persone sono state infettate. I decessi sono 1'660.
SVIZZERA
4 ore
A marzo -62% di passeggeri negli aeroporti svizzeri
A gennaio e febbraio si era invece registrato un lieve aumento
SVIZZERA
4 ore
Campeggi, cinema e piscine: tutti pronti a riaprire
Sabato 6 giugno scatta la terza fase del graduale ritorno alla normalità. Ecco cosa cambierà
GRIGIONI
5 ore
Una montagna che si muove di sei metri ogni anno
Il Governo intende analizzare ulteriormente la frana a monte di Brienz.
Copyright ©2020 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile