Archivio
Il progetto di riforma mira a tassare gli utili nei Paesi in cui essi sono stati realizzati.
BERNA
21.07.19 - 09:460

Riforme G20 e OCSE, un rischio miliardario per la Svizzera?

I progetti potrebbero causare perdite alla Confederazione tra 1 e 5 miliardi

BERNA - Nuvole nere all'orizzonte per la Svizzera: i progetti di riforme internazionali sulle tassazioni delle imprese del G20 e dell'Organizzazione per la cooperazione e lo sviluppo economico (OCSE) potrebbero causare perdite tra 1 e 5 miliardi di franchi per la Confederazione.

«Se includiamo cantoni e comuni, potrebbe costare alle autorità fiscali svizzere fino a dieci miliardi di franchi» avverte il "senatore" Pirmin Bischof (PPD/SO), presidente della Commissione dell'economia e dei tributi del Consiglio degli Stati, sulle colonne della NZZ am Sonntag.

Il progetto di riforma mira a tassare gli utili nei Paesi in cui essi sono stati realizzati, ovvero dove vi sono le attività delle singole imprese. Per l'OCSE, questa misura impedirebbe alle multinazionali di trasferire gli utili da un Paese all'altro per evitare un eccessivo carico fiscale. La Svizzera, in questo caso, sarebbe ampiamente perdente, poiché sede di numerose aziende.

Il rischio, spiega Bischof, è che all'interno della Confederazione vi sia un «crollo fiscale». Il collega agli Stati Ruedi Noser (PLR/ZH), citato dal domenicale, denuncia «un attacco al nostro substrato fiscale».

Le riforme proposte da G20 e OCSE potrebbero infatti portare a perdite fiscali nettamente superiori rispetto a quanto ipotizzato in precedenza. Il consigliere federale e ministro delle finanze Ueli Maurer, secondo la NZZ am Sonntag, prossimamente intende partecipare a discussioni per trovare un compromesso e cercare di creare un'alleanza tra Stati che difendano gli stessi interessi.

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Svizzera
SVIZZERA
1 ora
Il fallimento di Thomas Cook costerà 6,5 milioni al nostro turismo?
Lo sostiene Svizzera Turismo che parla di 50'000 pernottamenti generati dalla compagnia britannica ma non ci sarebbe da preoccuparsi troppo
ITALIA
9 ore
Residente in Svizzera travolge e uccide un ciclista
Inutile l'intervento dei soccorsi. Le ferite riportate dal 33enne erano troppo gravi
SVIZZERA
15 ore
Violentò donne e bambini, ora chiede il suicidio assistito
Negli anni '70 e '80 Peter Vogt ha violentato oltre una decina di donne e bambini. Ora vorrebbe farla finita, ma sul caso si stanno chinando le autorità
SVIZZERA / ITALIA
15 ore
«Mi hanno rapita e uno ha allungato le mani»
Un «racconto da brividi» quello fornito dalla svizzera, prima scomparsa e poi ritrovata ad Agrigento. Si sospetta la violenza sessuale, ma è da verificare l'attendibilità della giovane
ZURIGO
16 ore
Carlos ha colpito ancora, secondini e detenuti
Il giovane delinquente zurighese verrà processato settimana prossima per una serie di episodi - almeno 19 - avvenuti in carcere
SVIZZERA
17 ore
Monica Duca Widmer presidente del nuovo cda della RUAG
Oltre alla ticinese, ne faranno parte Monika Krüsi Schädle e Ariane Richter Merz. A loro si aggiungono Nicolas Perrin per la MRO Svizzera e Remo Lütolf per la RUAG International
VAUD / ZURIGO
19 ore
Aggredì un'operatrice con una roncola: pena confermata
La 38enne ivoriana dovrà scontrare 18 anni. Il fatto avvenne in un centro per richiedenti asilo di Embrach nel 2015
GINEVRA
19 ore
Curdo si cosparge di benzina e si dà fuoco
È successo davanti all'Alto Commissariato delle Nazioni Unite per i rifugiati. L'uomo è stato ricoverato al CHUV di Losanna
SVIZZERA
20 ore
Stop alla triturazione dei pulcini vivi
La decisione è stata presa oggi dal Consiglio federale. La procedura sarà vietata a partire dal prossimo 1° gennaio
SVIZZERA
20 ore
San Gallo ristruttura i suoi ospedali
Cinque dei nove nosocomi a vocazione locale saranno ridotti a centri per urgenze con alcuni letti. 60-70 posti saranno cancellati, ma il taglio dovrebbe avvenire tramite fluttuazioni naturali
Copyright ©2019 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile