Keystone
ZURIGO
19.07.19 - 14:200

Sul telefono dei ragazzini c'era anche il video di una decapitazione

La polizia zurighese, intervenuta per una rissa, ha scoperto video pornografici e violenti sul cellulare di diversi scolari

WINTERTHUR - C'erano anche video pornografici e video violenti, tra cui uno mostrante una decapitazione, sui cellulari di diversi ragazzini controllati nei giorni scorsi dalla polizia comunale di Winterthur. I possessori sono stati denunciati.

Gli agenti sono intervenuti la sera dello scorso 12 luglio, indica una nota diramata oggi dalla polizia comunale, che era stata informata poco dopo le 21 da un passante che diversi giovani stavano pestando un loro coetaneo presso una scuola del quartiere periferico di Waldegg. Arrivati sul posto, i poliziotti hanno trovato un 13enne che presentava ferite alla testa.

I presunti aggressori, cinque ragazzi tra i 12 e i 14 anni, sono stati fermati e interrogati e gli agenti hanno trovato su diversi cellulari un video in cui si mostrava una decapitazione. I cinque sono stati in seguito consegnati ai genitori, ma i telefonini sono rimasti sotto sequestro. Le indagini hanno condotto all'identificazione di molti altri ragazzi, sui cui cellulari sono stati reperiti lo stesso video violento e altri con immagini pornografiche vietate. Tutti i casi sono stati stati denunciati alla Procura dei minorenni e i telefonini sono stati requisiti.

Nella nota, la polizia di Winterthur rileva che vengono trovati sempre più spesso video violenti o pornografici presso giovani. Essa rammenta che produrre o anche solo possedere o diffondere tali video è un reato ai sensi del codice penale.

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Svizzera
SVIZZERA
26 min
Moto, un primo semestre «sensazionale»
Lo sviluppo del settore a maggio e giugno è stato definito «esplosivo»
VAUD
2 ore
Coronavirus, personale sanitario ringraziato con... una spilletta
Il gesto non è piaciuto a molti dipendenti che hanno lavorato duramente nel periodo della crisi sanitaria.
SVIZZERA
10 ore
L'app SwissCovid non convince
Il 56% della popolazione non intende installarla sul proprio cellulare. C'è chi teme per la protezione dei dati.
SVIZZERA
15 ore
Svizzera e Stati Uniti a braccetto nello sviluppo di droni
Si mira in particolare a migliorare la loro integrazione in sicurezza nello spazio aereo
FOTOGALLERY
BASILEA CITTÀ
18 ore
Otto nuovi cuccioli allo zoo
Si tratta della discendenza più numerosa registrata negli ultimi 34 anni nel parco zoologico renano.
SVIZZERA
19 ore
Un trucchetto per avere treni puntuali? «No, non inganniamo i viaggiatori»
Le FFS smentiscono che l'evoluzione positiva della puntualità dei convogli sia dovuta al nuovo modello di calcolo.
FOTOGALLERY
VAUD
20 ore
10 anni e 1'000 operai, ma ora l'Abbazia è pronta
La più grande chiesa romanica del nostro Paese riaprirà al pubblico nel weekend.
SVIZZERA
20 ore
Coronavirus: le Pmi svizzere temono la seconda ondata
Per la maggioranza degli interpellati, il rischio è grande. Cresce però l'ottimismo su andamento degli affari e finanze.
ZURIGO
21 ore
Sgominata una baby gang specializzata in furti, truffe e borseggi
La banda composta da quattordici giovani tra i 17 e i 33 anni ha commesso più di 70 reati in tre cantoni.
BERNA
21 ore
La montagna "razzista" non deve cambiare nome
Il Municipio di Grindelwald non intende cambiare il nome all'Agassizhorn.
Copyright ©2020 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile