tipress (archivio)
ZURIGO
18.07.19 - 10:360

«L'asilo nido rischia di diventare obbligatorio»

La messa in guardia arriva dalla consigliera nazionale Verena Herzog (UDC/TG)

ZURIGO - Attenzione perché l'asilo nido potrebbe in futuro diventare obbligatorio: la messa in guardia arriva dalla consigliera nazionale Verena Herzog (UDC/TG), al centro di un caso nella Svizzera tedesca per i paralleli tracciati con i bambini sottoposti a collocamenti coatti.

«Nella Berna federale vengono attualmente profusi sforzi per ampliare in modo massiccio il sostegno alla prima infanzia dei bimbi fino a 4 anni», osserva Herzog in un'intervista pubblicata oggi dal Blick. «Nella competente commissione della scienza, dell'educazione e della cultura nessuno è stato in grado di dirmi cosa succederà con quei genitori che non vogliono partecipare a questi programmi».

La deputata teme una pressione dapprima sociale e poi statale. «Anche la scuola materna all'inizio era facoltativa: ed è poi diventata obbligatoria», osserva. «Una simile costrizione potrebbe arrivare in qualunque momento e io semplicemente mettevo in guardia al riguardo», spiega Herzog.

In un contributo diffuso attraverso una pubblicazione UDC la 63enne ha di recente criticato gli interventi di sostegno statali a tappeto in un ambito che, a suo avviso, dovrebbe rimanere in primo luogo della famiglia. «Questo mi ricorda il deprecabile pensiero in base al quale i bambini sottoposti a collocamenti coatti sono stati dati via per una migliore educazione», scriveva.

Il paragone con i ragazzini che negli anni 60 e 70 vennero strappati alle loro famiglie e affidati per esempio ai contadini, dove spesso furono maltrattati, ha provocato vivaci reazioni e da due giorni il Blick dà ampio risalto al tema.

Herzog non vuole però essere male interpretata. «Gli asili nido rappresentano un'istituzione importante e necessaria per i genitori che non possono e non vogliono occuparsi dei figli a tempo pieno. Ma le famiglie devono decidere da sole quale modello avere: lo stato non deve privilegiare o favorire alcun approccio».

La consigliera nazionale ammette che per alcuni bambini il sostegno alla prima infanzia può avere effetti positivi, ma a suo avviso ciò non è vero per tutti. «Uno o due giorni all'asilo nido vanno bene nella maggior parte dei casi. Ma per il benessere del bambino non è sicuramente positivo andare tutti i giorni all'asilo nido. I primi tre anni di vita sono importanti per lo sviluppo del bimbo e decisiva è la capacità di relazionarsi con una personalità di riferimento».

Nelle strutture in questione il personale purtroppo cambia spesso. «Vi sono anche studi che mostrano come i bambini che frequentano a tempo pieno gli asilo nido siano più aggressivi e ostacolati nel loro sviluppo».

Herzog dice di capire che nelle situazioni finanziariamente difficili sia necessario affidare la cura dei figli agli altri. «Ma pur impegnandomi non posso comprendere come una madre che non sia costretta a farlo affidi il bambino ad altri per lavorare a tempo pieno». La deputata spiega comunque che accetta anche questo approccio: semplicemente chi vuole seguirlo deve pagarsi l'asilo nido da solo. «Non deve essere tutto sostenuto dallo stato, sulle spalle di chi cura i figli da solo o che non ha prole», afferma Herzog, aggiungendo di «opporsi con decisioni alla strisciante statalizzazione».

La consigliera nazionale (dal 2013) ha tre figli: la cura è stata organizzata all'interno della famiglia. «Quando lavoravo i ragazzi erano con i miei genitori o con i suoceri. Purtroppo non tutte le famiglie hanno questa fortuna e sono costrette a ricorrere a soluzioni esterne», conclude.
 

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Svizzera
SVIZZERA
19 min
«In arrivo un'ondata di fallimenti»
È cupa la previsione di Heinz Karrer, Presidente di economiesuisse
GLARONA
24 min
La terra trema ripetutamente nelle Alpi glaronesi
La scossa più forte è stata avvertita nella giornata di martedì
GINEVRA
33 min
«Covid-19 come la peste, non finirà mai»
«La medicina ha fatto una figuraccia; sbagliato dare agli scienziati un credito illimitato».
VAUD
9 ore
Con l'app di tracciamento l'attenzione sulla Svizzera è alta
Il sistema decentralizzato DP-3T attira l'attenzione di molti paesi per la protezione della privacy
SVIZZERA
11 ore
Telelavoro: detective a caccia di dipendenti indisciplinati
Non mancano le aziende che chiedono ad agenzie investigative di sorvegliare i propri collaboratori
SVIZZERA
16 ore
"Mister Covid-19" esce di scena: «È un buon momento per partire»
Dopo alcuni mesi di "lavoro straordinario", Daniel Koch va in pensione «con sentimenti positivi».
ZURIGO
17 ore
Aeroporti e compagnie aeree pronti alla grande ripresa dei viaggi
Swiss ed Edelweiss intendono ricominciare a proporre numerosi collegamenti nelle prossime settimane
SVIZZERA
17 ore
Helvetas: donazioni da record nel 2019, ma occhio al Covid
Grazie ai donatori, l'anno scorso Helvetas ha potuto aiutare 3,8 milioni di persone
GINEVRA
18 ore
EasyJet: «I dipendenti sono sotto shock»
I sindacati deplorano l'annuncio, definito «brutale», della soppressione degli impieghi
SVIZZERA
18 ore
Pernottamenti in calo, il KOF prevede un'ondata di fallimenti
Al momento 200'000 dipendenti si trovano in situazione di lavoro ridotto, e si temono licenziamenti sul lungo periodo
Copyright ©2020 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile