tipress (archivio)
ZURIGO
18.07.19 - 10:360

«L'asilo nido rischia di diventare obbligatorio»

La messa in guardia arriva dalla consigliera nazionale Verena Herzog (UDC/TG)

ZURIGO - Attenzione perché l'asilo nido potrebbe in futuro diventare obbligatorio: la messa in guardia arriva dalla consigliera nazionale Verena Herzog (UDC/TG), al centro di un caso nella Svizzera tedesca per i paralleli tracciati con i bambini sottoposti a collocamenti coatti.

«Nella Berna federale vengono attualmente profusi sforzi per ampliare in modo massiccio il sostegno alla prima infanzia dei bimbi fino a 4 anni», osserva Herzog in un'intervista pubblicata oggi dal Blick. «Nella competente commissione della scienza, dell'educazione e della cultura nessuno è stato in grado di dirmi cosa succederà con quei genitori che non vogliono partecipare a questi programmi».

La deputata teme una pressione dapprima sociale e poi statale. «Anche la scuola materna all'inizio era facoltativa: ed è poi diventata obbligatoria», osserva. «Una simile costrizione potrebbe arrivare in qualunque momento e io semplicemente mettevo in guardia al riguardo», spiega Herzog.

In un contributo diffuso attraverso una pubblicazione UDC la 63enne ha di recente criticato gli interventi di sostegno statali a tappeto in un ambito che, a suo avviso, dovrebbe rimanere in primo luogo della famiglia. «Questo mi ricorda il deprecabile pensiero in base al quale i bambini sottoposti a collocamenti coatti sono stati dati via per una migliore educazione», scriveva.

Il paragone con i ragazzini che negli anni 60 e 70 vennero strappati alle loro famiglie e affidati per esempio ai contadini, dove spesso furono maltrattati, ha provocato vivaci reazioni e da due giorni il Blick dà ampio risalto al tema.

Herzog non vuole però essere male interpretata. «Gli asili nido rappresentano un'istituzione importante e necessaria per i genitori che non possono e non vogliono occuparsi dei figli a tempo pieno. Ma le famiglie devono decidere da sole quale modello avere: lo stato non deve privilegiare o favorire alcun approccio».

La consigliera nazionale ammette che per alcuni bambini il sostegno alla prima infanzia può avere effetti positivi, ma a suo avviso ciò non è vero per tutti. «Uno o due giorni all'asilo nido vanno bene nella maggior parte dei casi. Ma per il benessere del bambino non è sicuramente positivo andare tutti i giorni all'asilo nido. I primi tre anni di vita sono importanti per lo sviluppo del bimbo e decisiva è la capacità di relazionarsi con una personalità di riferimento».

Nelle strutture in questione il personale purtroppo cambia spesso. «Vi sono anche studi che mostrano come i bambini che frequentano a tempo pieno gli asilo nido siano più aggressivi e ostacolati nel loro sviluppo».

Herzog dice di capire che nelle situazioni finanziariamente difficili sia necessario affidare la cura dei figli agli altri. «Ma pur impegnandomi non posso comprendere come una madre che non sia costretta a farlo affidi il bambino ad altri per lavorare a tempo pieno». La deputata spiega comunque che accetta anche questo approccio: semplicemente chi vuole seguirlo deve pagarsi l'asilo nido da solo. «Non deve essere tutto sostenuto dallo stato, sulle spalle di chi cura i figli da solo o che non ha prole», afferma Herzog, aggiungendo di «opporsi con decisioni alla strisciante statalizzazione».

La consigliera nazionale (dal 2013) ha tre figli: la cura è stata organizzata all'interno della famiglia. «Quando lavoravo i ragazzi erano con i miei genitori o con i suoceri. Purtroppo non tutte le famiglie hanno questa fortuna e sono costrette a ricorrere a soluzioni esterne», conclude.
 

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Svizzera
ZURIGO
1 ora
Operazioni di volo: «Le tasse sono troppo elevate»
L'Ufficio federale dell'aviazione civile ha imposto una loro riduzione a partire dal 1° aprile 2020
SVIZZERA
2 ore
Christian Levrat non si ricandiderà
«Sono stato presidente per dodici anni, con molto piacere ed energia, ma è una funzione logorante, sia sul piano politico che personale» ha dichiarato il presidente del PS
FRIBURGO
3 ore
Liberale, fidanzata e fan della fondue: ecco la consigliera agli Stati più giovane
Classe 1988, Johanna Gapany è stata eletta domenica al ballottaggio a Friburgo. Donne che si impegnano in politica, afferma, ce ne vorrebbero di più
ZURIGO
3 ore
5G: la maggioranza della popolazione vorrebbe fosse fermato
Secondo un sondaggio Tamedia, più della metà degli intervistati è contro una copertura a tappeto. A trarne vantaggio, sostengono, sarebbero le grandi aziende
VIDEO
ZURIGO
11 ore
Dopo la partita devasta il tram a calci
L'atto di vandalismo si è verificato ieri pomeriggio al termine dell'incontro di calcio tra Zurigo e Sion. Non è la prima volta che gli ultras tigurini si rendono protagonisti di scene simili
SCIAFFUSA
13 ore
Parte un colpo dall'arma d'ordinanza, due agenti in ospedale
Il poliziotto che ha sparato ha riportato ferite a una mano, mentre un collega potrebbe aver subito danni all'udito
GINEVRA
14 ore
Prevenzione contro la radicalizzazione: «Bilancio positivo»
Il programma socioeducativo lanciato nel giugno del 2016 ha gestito 126 casi, la maggior parte dei quali legati all'islamismo. Apotheloz: «Lo Stato Islamico sembra morto, ma dobbiamo rimanere attenti»
FRIBURGO
17 ore
Caos ballottaggio: «Inutile la riconta dei voti»
La cancelleria cantonale ritiene non vi siano motivi validi per un riconteggio: «Il problema è stato unicamente di trasmissione». Ma il PPD, che ha perso il proprio seggio agli Stati, pensa al ricorso
LUCERNA
19 ore
Furto milionario in gioielleria, sei persone arrestate
Il colpo è avvenuto il 26 ottobre presso la gioielleria Gübelin in pieno centro. Parte del bottino è stata recuperata
BERNA
21 ore
L'Udc rivendica «il diritto di scherzare» sui gay
Includere l'omofobia nella legge anti-razzismo? Un comitato referendario, riunito oggi nella capitale, ha illustrato i motivi del "no"
Copyright ©2019 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile