SAN GALLO
11.07.19 - 19:520
Aggiornamento : 12.07.19 - 06:12

Vittima di razzismo, lascia il campo in lacrime

Bruttissimo episodio nella partita amichevole tra San Gallo e Bochum: Jordi Osei-Tutu è stato insultato pesantemente. Ma il club bianco-verde smentisce

SAN GALLO - «È molto difficile capire come un altro calciatore possa fare una cosa simile». Jordi Osei-Tutu (20 anni) è ancora scioccato da quello che ha vissuto ieri durante l'amichevole fra il suo Bochum - club che milita nella seconda Bundesliga tedesca - e il San Gallo. 

Fino al 42esimo del primo tempo la partita è filata via liscia come l'olio. Poi avviene il fattaccio. Il giovane giocatore di origine ghanese dopo un duello con un avversario inizia a discutere animatamente con l'arbitro. Poi lascia il campo. Con le lacrime agli occhi. I suoi compagni di squadra lo raggiungono e cercano di calmarlo. Ma lui non vuole sentir ragioni.

Nel secondo tempo Jordi Osei-Tutu torna sul campo da gioco. Ma non dimentica. «Sono molto deluso», spiega in un comunicato il difensore centrale nato a Londra e attualmente al Bochum in prestito dall'Arsenal. «Nessuno dovrebbe essere discriminato per il colore della sua pelle ed è molto difficile comprendere come un altro calciatore possa fare questo».

Nella stessa nota il giovane calciatore ringrazia Bochum e Arsenal. Il club londinese ha infatti dato «tutto il proprio sostegno» al suo tesserato che ha «ricevuto insulti razzisti inaccettabili».

Sulla vicenda si è espresso anche il San Gallo che sui social ha un po' smontato la vicenda. «Il FC San Gallo - scrive il club sul proprio profilo Twitter - condanna con forza ogni forma di razzismo e discriminazione e simili atteggiamenti sarebbero immediatamente sanzionati. I nostri giocatori giocano con rispetto, indipendentemente dalla loro origine, dal colore della pelle o dalla loro religione. Durante un colloquio, il giocatore interessato ha assicurato di aver rispettato questa regola anche durante la partita con il Bochum».

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Svizzera
GINEVRA
11 min
Sparò a due rapinatori, assolto agente di sicurezza
Secondo i giudici delle Assise correzionali l'uomo, un ex gendarme francese, agì per legittima difesa.
SVIZZERA
1 ora
«La manifestazione? Un casino, dovevano multarli tutti»
Divide l'opinione politica il corteo di questo lunedì a Zurigo fra condanne e chi vorrebbe assembramenti più numerosi
SVIZZERA
3 ore
«L'incompetenza dell'UFSP è un pericolo per la salute e la vita»
L'app SwissCovid è scaricabile da tutti, anche da chi non fa parte del gruppo pilota. Le critiche del legale
GRIGIONI
3 ore
Bimba travolta e uccisa da una scultura: «I genitori non l'hanno lasciata da sola»
Il dramma di Flims il giorno dopo, fra cordoglio e tanti dubbi. Una mamma: «Poteva succedere anche ai miei figli»
SVIZZERA / FRANCIA
5 ore
UBS, il processo d'appello in Francia è rinviato al 2021
La banca è stata condannata in primo grado al pagamento di 4,5 miliardi di euro per evasione fiscale
EUROPA / SVIZZERA
5 ore
Nestlé dovrà cambiare nome ai suoi hamburger vegani
Secondo i giudici dell'Aja la denominazione corrente ricorda in maniera un po' sospetta quella di un prodotto rivale
SVIZZERA
6 ore
La spesa in Italia? Domani non cambia niente
La Svizzera mantiene le limitazioni in entrata «fino a nuovo avviso». Ecco le decisioni del governo federale
SVIZZERA
8 ore
Molestie e mobbing non se ne vanno con il telelavoro
A dirlo è una professoressa dell'Università di Ginevra. Molestare a distanza sarebbe addirittura più facile.
SVIZZERA
8 ore
I giornali tornano nei bar
Caffè e informazione: dal prossimo venerdì sarà di nuovo possibile, come prevede il nuovo piano di protezione
SVIZZERA
8 ore
Solo tre contagi in più di ieri
Il virus nel nostro Paese si diffonde sempre meno.
Copyright ©2020 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile