Keystone (archivio)
SVIZZERA
04.07.19 - 13:470

Le spese sociali ammontano a 175 miliardi

Si tratta del 26,1% del Pil nazionale

BERNA - Le spese per la sicurezza sociale continuano ad aumentare in Svizzera: nel 2017 hanno raggiunto i 175 miliardi di franchi, ovvero il 26,1% del Prodotto interno lordo (Pil). Lo rileva il terzo rapporto statistico sociale pubblicato oggi, precisando che l'incremento ha riguardato principalmente gli ambiti della vecchiaia e della sanità.

A titolo di confronto in Europa (Ue-28) le spese sociali sono nel complesso più elevate e rappresentano il 26,1% del Pil: anche nell'Ue come in Svizzera a contribuire alla progressione delle spese sociali sono soprattutto i bisogni e i rischi legati alla vecchiaia, a causa dell'invecchiamento della popolazione, e alla malattia.

In Svizzera gli ambiti vecchiaia e malattia hanno rappresentato nel 2017 rispettivamente il 42,4% e il 31,7% del totale delle prestazioni sociali.

Le spese relative alla disoccupazione, invece, non presentano una tendenza al rialzo, nonostante il numero sempre maggiore di persone disoccupate ai sensi dell'Organizzazione internazionale del lavoro (ILO). Dopo forti progressioni tra il 2001 e il 2003 e tra il 2008 e il 2010 il tasso si è stabilizzato per poi attestarsi al 4,7% nel 2018. La disoccupazione di lunga durata, tendenzialmente in rialzo negli ultimi anni, concerne in particolare i lavoratori più anziani, sottolinea il rapporto.

Povertà - Nel 2017, l'8,2% della popolazione e il 4,3% della popolazione occupata era colpito da povertà reddituale. Dal 2014 il tasso di povertà ha registrato un incremento: le persone più toccate erano le persone sole, quelle che vivevano in economie domestiche monoparentali - aumentate queste ultime di oltre il 50% dal 1990 - con figli minorenni, quelle senza una formazione post-obbligatoria e quelle che vivevano in economie domestiche senza persone occupate.

Allo stesso tempo la quota di aiuto sociale per l'insieme della popolazione è rimasta stabile dal 2005 e nel 2017 si attestava al 3,3%. Ha invece registrato un incremento nel caso dei bambini e delle persone tra i 46 e i 64 anni, precisa il rapporto dell'Ufficio federale di statistica (UST).

Il rapporto sottolinea che tra il 2008 e il 2017 è aumentata la durata di percezione di prestazioni dell'aiuto sociale e che la quota di aiuto sociale subisce soltanto in minima parte l'influsso dei periodi di crescita o contrazione economica.

Nel 2016, con una media di 4121 franchi mensili il 4,9% della popolazione soffriva di solitudine e il 6% non riusciva a incontrare amici o membri della famiglia nemmeno una volta al mese.

Allarmante, secondo Caritas - Caritas vede in queste cifre una "evoluzione allarmante". Con circa 670'000 persone toccate, la povertà si è estesa passando a interessare dal 7,5 all'8,2% della popolazione nel 2017, in aumento del 10% su base annua.

E Caritas mette in evidenza una nuova cifra ben più elevata del previsto. In questi quattro ultimi anni il 12,8% delle persone in Svizzera hanno vissuto in povertà almeno per un anno. In quest'ottica l'organizzazione assistenziale lancia un nuovo appello a Confederazione, Cantoni e Comuni in favore di un'azione determinata e di una politica vincolante ed efficace in materia di povertà.

Ciò è tanto più necessario dal momento che l'evoluzione constatata è in flagrante contraddizione con l'obiettivo che la Svizzera si è impegnata a raggiungere firmando l'Agenda mondiale 2030 per lo sviluppo sostenibile. Lo scopo è di ridurre della metà la povertà nel corso dei prossimi dieci anni: obiettivo principale di Berna e Caritas.

Dopo il ritiro della Confederazione dalla lotta contro la povertà, un anno fa, sembra che il problema non possa essere semplicemente respinto ai Cantoni e Comuni. Occorre urgentemente mettere in atto una strategia nazionale a tutti i livelli e in partenariato con la società civile, sostiene Caritas.

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Svizzera
VIDEO
SVIZZERA
3 ore
Quella montagna verde che fa storcere il naso ai puristi del rossocrociato
Presentata oggi dalla Federazione Svizzera di Calcio, la nuova maglia da trasferta della Nazionale non sembra fare l’unanimità tra i tifosi
SVIZZERA
4 ore
Berna, la città migliore in Europa in cui stare al volante
Secondo "l'indice di guida nelle città 2019" di Mister Auto, la capitale svizzera si piazza al quarto posto a livello globale
SVITTO
9 ore
Travestito da Ku Klux Klan, il politico lascia l'UDC
Il giovane attaccò con dello spray al peperoncino il partecipante a una manifestazione antirazzista post Carnevale
SVIZZERA
10 ore
«Il 9 febbraio è la sconfitta che brucia di più»
È l'iniziativa contro l'immigrazione di massa il cruccio più grande di Christian Levrat. Secondo il 49enne è stata sottovalutata dal suo partito
GRIGIONI
12 ore
Sbanda sulla neve e si ribalta
L'incidente è avvenuto questa mattina ad Andeer sull'A13. Illesi il conducente e il suo cane
APPENZELLO INTERNO
13 ore
Ex procuratore rinviato a giudizio per favoreggiamento
Herbert Brogli avrebbe condotto «in malo modo» l'indagine caduta in prescrizione nel 2017 per la morte sul lavoro di un apprendista
SVIZZERA
13 ore
Da oggi è possibile aprire un conto presso la criptobanca Seba
Che gestirà cinque criptovalute (fra le quali i Bitcoin ed Ether). Clientela-tipo? Banche, professionisti della finanza e privati benestanti
GRIGIONI
15 ore
Operaio rimane schiacciato sul cantiere
L'uomo, un 43enne, ha riportato ferite alla parte superiore del corpo
ZURIGO
17 ore
Operazioni di volo: «Le tasse sono troppo elevate»
L'Ufficio federale dell'aviazione civile ha imposto una loro riduzione a partire dal 1° aprile 2020
SVIZZERA
18 ore
Christian Levrat non si ricandiderà
«Sono stato presidente per dodici anni, con molto piacere ed energia, ma è una funzione logorante, sia sul piano politico che personale» ha dichiarato il presidente del PS
Copyright ©2019 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile