Immobili
Veicoli
Keystone
SVIZZERA
30.06.19 - 19:130

«Presto potrebbe diventare troppo caldo per i pesci»

Per la Svizzera si può già parlare di siccità diffusa? L’idrologo Massimiliano Zappa spiega la situazione attuale

BERNA - Il caldo in questi giorni sta tenendo in ostaggio tutta la Svizzera, e non solo. Ma soprattutto i temporali sembrano ancora piuttosto lontani. Come stanno i nostri fiumi e laghi?

Signor Zappa, una settimana fa aveva dichiarato che non c’erano segnali di siccità acuta. Tuttavia pochi giorni dopo, in un tweet, si legge che la mappa generale della siccità in Svizzera «si è scurita». Le previsioni non erano giuste?
«No. Ma sono stato un po’ troppo ottimista, e mi aspettavo che l’attuale periodo di calura sarebbe stato un po’ più tranquillo. In pochi giorni è cambiata l’umidità, e ciò ha contribuito ad aumentare la siccità in tutta la Svizzera. Il dato più sorprendente è stato l’aumento della temperatura dell’acqua». 

Quali sono le conseguenze più immediate?
«Molti piccoli fiumi dell’Altopiano centrale si sono riscaldati, e alcuni hanno raggiunto i 24 gradi. E per i pesci le temperature dei prossimi giorni potrebbero essere troppo alte. È possibile che debbano intervenire i club di pesca per iniziare le operazioni di salvataggio. Inoltre non è escluso che alcune zone particolarmente colpite dalla scarsità d’acqua l’anno scorso, ora ne limitino l'erogazione».

Cosa ha fatto scurire prima del previsto la carta per la diagnosi precoce della siccità? 
«Anche in montagna ci sono stati dei record di alte temperature. Di conseguenza i terreni riescono a conservare poca acqua. Lo stesso vale anche per i boschi, dove lo strato formato da foglie e rami si asciuga molto velocemente». 

Dunque si rischia una forte siccità?
«No, siamo molto lontani da una grave siccità. Non ci sono ancora segni di un’imminente scarsità d’acqua. Anche grazie alle piogge delle ultime settimane, che in alcuni luoghi sono state fin troppo abbondanti». 

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Svizzera
SVIZZERA
3 ore
Superata la soglia dei 50'000 profughi ucraini in Svizzera
Continua incessante l'esodo di persone in fuga dalla guerra. La SEM: «401 iscrizioni nelle ultime 24 ore».
SVIZZERA
7 ore
Black-out di guerra: ecco il piano
Interruzioni prolungate dell'elettricità avrebbero «conseguenze devastanti» sulla Svizzera. Il governo vuole prevenirle
SVIZZERA
9 ore
Acquisto F-35, Berna non perde tempo (e non aspetta il voto)
Il Consiglio federale, preoccupato del «deterioramento della situazione in materia di sicurezza», corre ai ripari.
FRIBURGO
10 ore
Certificati Covid: chi li regalava, chi li vendeva, chi se li teneva
Le persone interpellate lavoravano tutte al centro di depistaggio di Granges-Paccot.
SVIZZERA
11 ore
«Sorrisi e stereotipi per spingere gli svizzeri a mangiare carne»
L'associazione ambientalista Greenpeace denuncia «le tattiche pubblicitarie sporche» dell'industria della carne
BASILEA CAMPAGNA
12 ore
Trovato un pollice mozzato
Il dito è stato rinvenuto nel retro di un condominio con annesso ristorante. La sua provenienza è tuttavia ignota.
SVIZZERA
12 ore
«Va migliorata la comunicazione in tempo di crisi»
È una delle raccomandazioni del Consiglio svizzero della scienza che ha analizzato la gestione della pandemia
SVIZZERA
12 ore
Stato sociale? Aiuto allo sviluppo? «No, tocca all'esercito»
Per il consigliere agli Stati Werner Salzmann (UDC) l'esercito ha perso capacità negli ultimi anni.
BERNA
22 ore
Cassis tratta «gli scagnozzi di Putin» con i guanti?
La Svizzera non ha comunicato l'espulsione di alcun diplomatico russo. Ciò non vuol dire che siano ancora tutti qui
FOTO
BERNA
23 ore
Le fiamme divorano la stalla
È il decimo episodio nella zona. Recentemente altri nove incendi avevano toccato le proprietà di alcuni abitanti
Copyright ©2022 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile