20 minutes
SVIZZERA / STATI UNITI
28.06.19 - 06:070

Trump ha reso la loro crociera da sogno un incubo

La vacanza di una famiglia vodese è stata scombussolata da una nuova legge statunitense che vieta alle imbarcazioni turistiche di attraccare a Cuba

LOSANNA - Amanti dell'oceano, Magdalena* e Yvan* aspettavano la loro crociera Miami-L'Havana da mesi. La coppia vodese, genitori di un bambino di 1 anno e mezzo, ha convinto pure i nonni del piccolo a prendere parte alla vacanza. Così, in sette, sono partiti dalla Florida per un soggiorno marittimo di una settimana, il cui culmine doveva essere una sosta di due giorni a Cuba. «Alla fine, lacrime, desolazione e l'impressione di aver gettato in mare decine di migliaia di franchi per un viaggio movimentato in cui nulla è andato come previsto», racconta Magdalena.

Rivolta e petizione in mare aperto - Il secondo giorno, mentre la nave della MSC Crociere era in Honduras, un annuncio ha freddato l'umore a bordo: a causa di una nuova legge dell'amministrazione Trump che vieta alle navi in partenza dagli Stati Uniti di raggiungere i porti cubani, l'itinerario ha dovuto essere cambiato. «Dopo due soste in Messico, la nave è ripartita per la Florida. MSC ha proposto un risarcimento di 200 dollari per cabina. Questa ridicola offerta ha portato a una rivolta a bordo», dice Yvan. Anche perché, rilevano, tutti i passeggeri hanno pagato un biglietto per persona, non per cabina.

Compensazione al rialzo, umore al ribasso - In due ore, una petizione per protestare contro il misero rimborso ha raccolto più di 500 firme. Messi all'angolo, i responsabili della crociera hanno deciso di raddoppiare il buono di compensazione. Ma la rabbia non si è indebolita, anzi. La vicenda ha lasciato strascichi anche sui social network. Sentendosi ingannati, i turisti hanno lanciato un gruppo su Facebook e hanno coinvolto un avvocato italiano.

Oltre al danno, la beffa - Non solo l'indennizzo è parso a tutti quanti troppo esiguo, ma è stato consegnato sotto forma di credito di bordo. «Cosa ce ne facciamo di un buono di 400 dollari quando abbiamo già pagato per l'all-inclusive?» si domanda Magdalena. Per la donna MSC avrebbe approfittato del cambiamento di rotta per fare altri soldi: «A bordo, la Spa e la gioielleria sono state prese d'assalto. Al posto de L'Avana, ci hanno portati a Key West in Florida. Ma l'acqua puzzava e c'erano molte alghe». «Malgrado le circostanze, abbiamo fatto del nostro meglio per mitigare l'impatto di questo cambiamento involontario sui nostri ospiti», si è difesa MSC Crociere.

*Nomi fittizi

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Svizzera
SAN GALLO
13 min

Un parassita nordamericano nei campi di mais svizzeri

La coltivazione del granoturco sarà parzialmente vietata l'anno prossimo nella valle del Reno sangallese e in alcune aree del canton Svitto

BERNA
31 min

Migros Aare sopprime circa 300 impieghi

Il gigante arancione afferma di dover reagire alla difficile situazione di mercato e ai cambiamenti nei bisogni della clientela

SVIZZERA
1 ora

L'accordo quadro «non va respinto»

Il Consiglio degli Stati ha affossato (37 voti a 5) una mozione di Peter Föhn che sosteneva che l'intesa violasse la Costituzione federale

SAN GALLO
3 ore

«Non è chiaro se potrà ancora avere una vita normale»

La giovane di 17 anni finita sotto un treno sabato mattina alla stazione di San Gallo è fuori pericolo. Ma l'incidente potrebbe avere delle ripercussioni durature

SVIZZERA
3 ore

Prezzi stracciati e semplicità: ecco perché Wish ci conquista

Ci si collega per dare un'occhiata. Ma poi si ordina senza pensarci due volte. Il parere dell'esperta e le abitudini dei consumatori

Copyright ©2019 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile