Immobili
Veicoli
400'000 franchi di danni contro la Formula E. Piovono le critiche
Keystone
Danni lungo il tracciato del gran premio di Formula E a Berna
+22
BERNA
21.06.19 - 19:000
Aggiornamento : 20:19

400'000 franchi di danni contro la Formula E. Piovono le critiche

Un migliaio di persone ha partecipato alla manifestazione contro la gara. Gli inquirenti hanno avviato un'indagine

BERNA - Vandali hanno compiuto danni lungo il tracciato del gran premio di Formula E (Swiss E-Prix) che si corre domani a Berna. I danni ammontano a 400'000 franchi.

A margine di una dimostrazione autorizzata, svoltasi ieri sera contro la manifestazione sportiva, vandali hanno strappato manifesti pubblicitari, ha riferito a Keystone-ATS il portavoce della polizia cantonale bernese Dominik Jäggi, in riferimento a un'informazione pubblicata sul sito del Blick.

Secondo il Blick, i vandali hanno anche reciso cavi televisivi e per la corrente elettrica, ma la polizia non ha trovato riscontri in questo senso. Gli inquirenti hanno avviato un'indagine. Per il momento nessuno ha inoltrato una denuncia.

Stephan Oehen, portavoce degli organizzatori, ha detto a Keystone-ATS che i danni ammontano a 400'000 franchi e sostiene che i cavi sono effettivamente stati danneggiati. Per contratto le pubblicità dovranno essere reinstallate entro domani per lo svolgimento della gara.

Secondo il quotidiano zurighese, gli atti vandalici hanno indotto gli organizzatori a posticipare alle 18.00 le prove per la gara, previste alle 15.00 di oggi pomeriggio. La competizione di domani non è compromessa.

Alla manifestazione di ieri sera ha partecipato un migliaio di persone: in gran parte in sella a biciclette i dimostranti hanno percorso il tracciato della gara.

Scopo della protesta è stato di mostrare come dovrebbe in realtà essere la mobilità moderna in una città: "inclusiva, lenta ed energeticamente poco dispendiosa". Molti gli applausi dei residenti nelle zone interessate dalla gara, dove la circolazione stradale e la mobilità dei pedoni sono fortemente limitate da blocchi in cemento e palizzate.

Ma lo Swiss-E-Prix, che si svolge nel quartiere sovrastante il Parco degli orsi, di fronte alla città vecchia, non disturba solo gli abitanti della zona e le cerchie ecologiste. Forte disappunto viene manifestato anche dall'azienda dei trasporti cittadina, Bernmobil, e dai commercianti.

«Non possiamo circolare come era stato pianificato», ha affermato il portavoce di Bernmobil Rolf Meyer, interrogato oggi da Der Bund. L'azienda afferma che le informazioni trasmesse dagli organizzatori sono risultate scorrette e i percorsi alternativi previsti per i bus sin da una settimana non hanno potuto essere rispettati. «Per i nostri clienti questa è insolenza», dice Meyer.

I commercianti si lamentano soprattutto perché l'accesso ai negozi è stato ostacolato durante i lavori di preparazione del tracciato, sia per la clientela che per i fornitori.

Grande malumore suscita anche il lasciapassare per i residenti, redatto esclusivamente in inglese. I portatori di pacemaker sono invitati a non sostare presso i portali elettronici. Gli organizzatori escludono qualsiasi responsabilità in caso di incidenti, vietano di filmare e registrare suoni ma pretendono il diritto di fotografare le persone: «Questa è sfrontatezza», dice al giornale bernese una giurista residente nel quartiere che ha voluto mantenere l'anonimato.

Al giornale, il municipale competente del dossier, Reto Nause (PPD), afferma che sono stati commessi grossi errori. In una presa di posizione inviata a Keystone-ATS, il sindaco Alec von Graffenried (Verdi) parla di regole del gioco non del tutto rispettate, in particolare in merito alla mobilità di pedoni, veicoli privati e mezzi pubblici.

Oehen assicura che le critiche saranno analizzate, ma precisa che gli organizzatori sono soddisfatti dei lavori preparatori. Certo, ammette, per un evento di tale di tale complessità c'è sempre potenziale di miglioramento.

Keystone
Guarda tutte le 26 immagini
Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Svizzera
FOTO
ZURIGO
5 min
Manifestazione non autorizzata, chiusi i ponti della città
Secondo quanto indicato dalla polizia, il corteo si è formato in relazione al Wef di Davos. Una donna in ospedale
SVIZZERA
5 ore
Verso un "calmiere" per i premi
Il Ps chiede un tetto del 10% del reddito familiare. La Commissione sanità del Nazionale propone un controprogetto
ZURIGO
6 ore
Una ciclista si scontra con un tram
La donna è stata trasportata in ospedale in condizioni critiche
SVIZZERA
7 ore
In arrivo il farmaco Paxlovid
La Confederazione ha trovato un accordo con Pfizer per 12'000 confezioni
BERNA
10 ore
Cinesi schiavizzate sessualmente, cinque arresti nel canton Berna
La polizia bernese ha arrestato tre uomini e due donne per tratta di esseri umani e istigazione alla prostituzione.
GRIGIONI
10 ore
«La Svizzera non è un'isola di sicurezza»
Droni dell’esercito per monitorare l'intera zona del WEF. L’edizione di quest'anno costerà quattro milioni in più.
SVIZZERA
11 ore
Elettricità sempre più cara: aumenti fino al 20%
La guerra in Ucraina ha accentuato una tendenza già presente in Svizzera.
GRIGIONI
11 ore
Scontro fra treni: colpa di una disattenzione
L'incidente nel 2019 nel tunnel del Vereina. Dagli accertamenti è emerso che il macchinista non aveva visto l'halt
SVIZZERA
13 ore
Un futuro alternativo per la Patrouille Suisse
Con l'acquisto degli F-35A, non saranno mantenuti gli F-5 Tiger della pattuglia acrobatica. Amherd cerca una soluzione
SCIAFFUSA
14 ore
Si fa dare un passaggio, poi deruba l'automobilista
L'episodio si è verificato negli scorsi giorni nel Canton Sciaffusa. Identificato il ladro sedicenne
Copyright ©2022 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile